sabato 11 gennaio 2020

La dimensione memetica della lettura (ovvero Memini Letterari e dove trovarli)


Ogni lettore si rapporta alla letteratura – o meglio, alla lettura, che già il termine letteratura porta con sé connotazioni altre, vagamente accademiche – a modo suo, con pervasività e impegno variabili. Il mio rapporto coi libri è fondato prima di tutto sul divertimento nella sua accezione più ampia, il che diversifica gli orizzonti ma pone grossi limiti quando si tratta di approfondire; prima di tutto viene il sollazzo, mi tocca venire a patti con le mie lacune – potrò sempre appellarmi a Pennac e al suo decalogo.

Il rapporto che uno ha coi libri è vario e sfaccettato, a seconda del momento e dell'approccio. C'è un lato sociale e comunitario che a volte vira verso l'autocelebrazione elitaria,  – “Io non sono come le altre ragazze colpevoli di tacchi alti e capelli a posto, io LEGGO, guardate che stacco di coscia il mio cervello”.

C'è un lato mistico della lettura, la percezione delle storie come soglia di un mondo senziente regolato dal teorema del “tutto è possibile, basta che funzioni – o anche no” e quindi intrinsecamente magico – dico a lei, signor Mari, la smetta di fare piedino a Landolfi, su*.

Poi c'è il mio approccio preferito, quello eminentemente stupido; fior di scrittori si sono tuffati nell'umoristico e nell'assurdo per raccontare quanto è strano e meraviglioso il mondo delle storie, e le loro sessioni di scrittura – Bernard Quiriny o Boris Vian, per dire – me le figuro non dissimili dai Beatles che discutono di I am the walrus, parole e immaginazione che saltano come scimmie.

Coi libri si ride, coi libri si dialoga. Si pescano gli autori, le correnti, le filosofie soggiacenti, le incongruenze della vita privata, le bagarre coi colleghi. Forse sono io che sono arrivata tardi, ma ho l'impressione che la dimensione memetica della letteratura sia giovane anche se ci regoliamo sulla percezione online del tempo. Un mondo appena nato con infinite promesse di imbecillità. Tutta questa – evitabilissima – introduzione di quasi 2500 caratteri perché i memini letterari non sono tantissimi, ma sono freschi, (talvolta) fritti e di un'idiozia abissale – in senso buono, cioè nel senso del sollazzo assoluto e inverecondo. Di seguito consiglio qualche pagina/gruppo di memini letterari fatti bene – certe hanno più profili social, per comodità mi limito a facebook.























(quella, la pagina ufficiale, non memano spesso ma memano durissimo

Non sono molte, ce ne saranno centinaia che ancora non ho trovato o che non mi vengono in mente, man mano che le scovo vedrò di ampliare la lista. Certo, qualcuno deve pure crearle. Qualcuno che sappia usare programmi di grafica oltre il caro vecchio paint – e qui mi sfilo garbatamente dalla candidatura.
Daje, lettori, facciamo finta di saper fare gioco di squadra.

*si fa per dire, continui pure, Landolfi approverebbe.

Nessun commento:

Posta un commento