lunedì 21 dicembre 2015

Piccoli scorci di libri #56

Questo post sarà scritto con un'evidente assenza di cura stilistica e grammaticale, poiché tra un paio d'ore dovrò salire sul treno che da Torino mi riporterà a casa per Natale, e al momento ristagno in pigiama, con una valigia vuota e un letto disfatto a farmi da contorno. Ci sarebbe da cronometrarmi.
Dunque!

Dentro c'è una strada per Parigi di Novita Amadei – Neri Pozza, 2014

Quando è uscito questo libro ero ancora immersa nello stage in libreria. È stato uno dei piccoli casi dell'anno, che la gente veniva a richiedere espressamente e che andavano via con una certa velocità. Il Premio Neri Pozza per gli inediti è ancora una novità, e questo libro è il vincitore assoluto della prima edizione. Vediamo.
In un certo senso l'ho trovato onesto. Si presenta come un libro francese, col rimando a Parigi fino nel titolo e la Torre Eiffel che si staglia in copertina. L'autrice effettivamente vive in Francia, e deve aver respirato l'aria del luogo fino a sradicare quella italica. Ho trovato che fosse un libro puramente francese. Che questo sia un complimento o una critica, non sta a me dirlo. Dipende dal personale gradimento verso la letteratura francese contemporanea. Io ammetto che un certo tipo di letteratura francese non la posso soffrire. Tipo L'eleganza del riccio. Venti pagine e pregavo per l'ecatombe.
Ma dicevo, Dentro c'è una strada per Parigi. Che in realtà mi è piaciuto abbastanza, pur essendo lontano dai miei schemi di gradimento. Scorre bene, è scritto bene. Racconta – e finalmente ci arrivo – delle vicende di Martha, una donna che di recente ha divorziato dal marito e ancora più recentemente ha perso il lavoro. Vive con la figlia di tre anni che è tutto il suo mondo, e intrattiene una calorosa amicizia con Adèle, un'anziana vicina di casa. E in questo libro c'è la storia di Martha che si incrocia con quella di Adèle. Ma non è nemmeno la storia della loro amicizia. C'è una storia d'amore, quella di Martha con un altro abitante del palazzo, che però sento di non aver capito del tutto. E un po' penso sia la “francesità” dell'atmosfera a impedirmi di comprendere pienamente il rapporto tra i due.
E dunque, il mio consiglio dipende molto dai gusti di chi legge. E no, la cosa non è così scontata. Ci sono libri che si consigliano da soli, che bisogna leggere e basta, pure se si esce dal proprio tracciato. Questo invece l'ho sentito più settoriale, ecco. È un bel libro e mi è piaciuto nonostante non sia il mio genere. Non sono certa che possa essere la regola, ecco.

Ammazza un bastardo! dei Colonel Durruti – traduzione di Alessandro Bresolin – Spartaco, 2007

La biblioteca centrale di Torino mi perplime, perché è a scaffale chiuso e per prendere i libri in prestito bisogna compilare un foglio con tutte le informazioni prima che un addetto lo vada a recuperare. Tra l'altro il mio foglietto era andato disperso, e sono rimasta appollaiata contro il bancone per mezzora prima che mi venisse in mente di chiedere se ci fossero problemi. Però non è male come offerta. Non è Reggio Emilia, questo no. Ma non è male. Tiene anche case editrici un po' più piccole e ganze, come appunto la Spartaco, la Las Vegas e la Del Vecchio.
Dunque, Ammazza un bastardo!. L'idea di partenza è fantastica, da qualunque punto la si guardi. All'improvviso Parigi – ehi, che coincidenza! - si ricopre di manifesti viola che invitano i cittadini a liberarsi di un bastardo. Che la società ne è satolla e schiacciata, e liberarsene è cosa buona, giusta e salubre. In soldoni. Firmato, il Soviet. E il libro racconta in capitoli brevi e spigolosi del Soviet, della polizia che cerca i colpevoli, di coloro che trovano ispirazione nel manifesto e agiscono di conseguenza. Del viola che si sparge, di un ispettore un po' nel mezzo.
Noterete l'assenza di nomi in questa mini-quasi-si-fa-per-dire recensione. Il fatto è che potrei anche andarli a cercare tra le pagine, ma non so quanto avrebbe senso. Se la storia è veramente ganza, la realizzazione è un po' piccata dall'assenza di personaggi ben costruiti. Li ho sentiti tutti simili, intercambiabili. Non mi basta che gli autori mi specifichino che questo poliziotto è così, io voglio sentire che è così. Non sono molto chiara, ma penso capiate.
Quindi anche con questo libro rimango un po' indecisa, nel mezzo. La storia è fantastica, l'idea di base è interessantissima. Rimane il fatto che la realizzazione mi ha lasciata un po' freddina, ecco.

2 commenti:

  1. I titoli Neri Pozza solitamente mi piacciono moltissimo ma comprendo benissimo la tua critica a un certo tipo di letteratura francese perché la condivido. Intanto me lo segno, grazie!

    RispondiElimina
  2. Avevo letto 'Dentro c'è una strada per Parigi' appena uscito (tra l'altro pare cambieranno il mio titolo perché richiama questo >_< ) e in effetti mi era piaciuto, pur lasciandomi, come te, un pochino perplessa. C'è molta levità in questo romanzo, situazioni che restano sospese, cose dette a mezza bocca. Probabilmente è la sua nota caratteristica, e resta comunque un romanzo piacevole. Pollice verso, assolutamente, per l'odiosissimo 'L'eleganza del riccio'!!!

    RispondiElimina