venerdì 4 settembre 2015

Snobismo letterario, Festival Strani Mondi e Colonialismo culturale - Un post raffazzonato

Beh, sì, come da titolo trattasi di un post davvero raffazzonato. Affibbio volentieri la colpa di tanta fretta, e degli eventuali ancorché sicuri errori di battitura, al fatto che devo lavorare alla tesi, nella cui scrittura sono dannatamente indietro. Diamine.

Tra il celebrare e l'affossare – Una decisa presa di posizione su un problema che non sussiste

Questa è una faccenda di incomparabile frivolezza, alla quale ho perfino rischiato di dedicarvi un post intero. È andata bene così, via. Sarebbe andata ancora meglio se avessi evitato di parlarne del tutto, ma la vita è fatta anche di delusioni.
Qualche tempo fa è comparsa sull'Internet siffatta immagine, vignetta di Wolfrad Senpai, dalla quale sono scaturiti qua e là dibattiti sul comportamento di alcuni lettori, sul loro tirarsela e sulla loro auto- emarginazione.
La questione è presto detta: alcuni lettori sono snob e tendono a tracciare una decisa linea di demarcazione tra “Lettori” e “Non-Lettori”, in quanto “il resto del mondo è sciocco e superficiale, noi siamo i meglio e abbiamo l'esclusiva del pensiero critico”.
È vero, pure nella mia parzialità di Lettrice un po' snob – negare è condiscendenza, e non non v'è mancanza di rispetto più urticante – devo ammettere che di siffatte menti ne esistono eccome, e non ha importanza se leggano Joyce e Woolf o se si assestino su Twilight e simili. Leggere non ti rende automaticamente migliore. In compenso, etichettare le persone con facilonerie generiche qualche punto lo toglie.
E tuttavia, penso che l'essere lettori sia da celebrare lo stesso. Senza stare ad affossare “gli altri” con comparazioni improbabili. Semplicemente, è bello sentirsi parte di una comunità ampia e stratificata come quella dei Lettori, e sapere di avere in comune esperienze e moti d'animo. La lettura è una passione particolare, che prevede solitudine e una personalissima dose di silenzio. Il Lettore non può fare a meno di isolarsi un po', per necessità contestuali o per il mero fatto che, beh, siamo una percentuale risibile, e forse è normale che si finisca per inneggiare alla solitudine un po' troppo, e c'è poi chi passa dal “che bello starsene in pace a leggere” all'inquietante “che brutti gli altri che non leggono”.
Capita. Ma di per sé, postare immagini su quanto sia bello leggere non è più snob di indossare la maglia di un certo gruppo musicale. Si sta comunque tagliando in due il mondo, mandando un messaggio diverso a chi condivide i propri gusti e chi no. Pace. Non leggiamo malvagia supponenza in ogni comunicazione volta a dire bene della letteratura, distinguiamo le emerite boiate dai semplici e benefici atti di allegro entusiasmo.
Posto che ai tempi, ricordo di aver scelto l'appartamento universitario basandomi sugli scaffali delle librerie. Ehi, io non divido la stanza con una bibliografia di Moccia.



Strani Mondi

Per la gioia di tutti gli appassionati (tranne me, che in teoria dovrei laurearmi pochi giorni dopo e dunque dubito che oserò alzare gli occhi dalla tesi) tra il 10 e l'11 ottobre avrà luogo a Milano il primo Festival italiano del libro fantastico e di fantascienza, col nome Strani Mondi. A guardare il programma, pare che sarà una cosa veramente ganza, con diverse case editrici e ospiti internazionali. Soprattutto, punto sul fatto che diamine, è il primo festival italiano di fantastico e fantascienza. Spero che vada nel migliore dei modi, e che diventi un appuntamento fisso ogni anno.
C'è un crowdfunding collegato all'iniziativa, e vi chiederei di considerare la possibilità di un'offerta. Visto che si tratta di una cosa ganza, che parte dal basso, dal sogno di editori indipendenti. Lascio qui il link per l'obolo e qui il link del sito ufficiale, così potete guardarvi il programma.



Colonialismo letterario

Un paio di giorni fa ho chiacchierato qui di un libro che mi è piaciuto moltissimo, Domani avrò vent'anni di Alain Mabanckou, e su quella particolare lettura non ho più granché da dire. Piuttosto, avrei da chiacchierare del contesto letterario in cui mi è capitato di leggerla. Vorrei, e so che sto inerpicandomi per territori che non mi competono in quanto book-blogger, che cercassimo di discutere e capire com'è che la letteratura africana, da noi, ha così poco rilievo. Anzi, di rilievo non ne ha proprio. Non è che non venga considerata, è che proprio non esiste. Ignoro se si tratti di una situazione comune a tutto l'Occidente, o se sia una nostra particolarità, anche se mi verrebbe da puntare sulla prima opzione. Il fatto è che, mentre l'Africa sembra vivere culturalmente del nostro riflesso – almeno, così mi ha portato a ipotizzare il libro di Mabanckou e la parte che l'Occidente vi ha giocato in assenza – a noi sembra non fregarcene praticamente nulla di quanto avviene un poco più a sud del nostro mondo.
Anni fa ho letto un articolo, di cui ho dimenticato tutto tranne il sunto del contenuto. Non ricordo l'autore, né la testata. So che a parlare era uno scrittore africano che parlava di come la cultura occidentale continui a imporsi in Africa, e di come la cultura africana trovi le porte chiuse in Occidente, a meno che non si accontenti di ingabbiarsi nelle aspettative tribali degli occidentali. E temo che un po' sia vero.
Tra l'altro, tra i – non molti – autori non occidentali pubblicati da noi, figurano soprattutto giapponesi, cinesi e indiani. Si tratta di culture che si sono fortemente fuse con le nostre, che abbiamo compreso e annesso grazie ai punti di contatto che abbiamo saputo forzarvi. E forse tra i motivi per cui sono così accettate c'è anche la possibilità di apprezzare il contrasto tra “noi” e “loro”, come ci vedono “loro” e come “noi” possiamo vederci attraverso “loro”. Giappone, Cina e India hanno avuto storie coloniali lunghe e particolari, e questo si riflette nella loro letteratura. Almeno, in quella che arriva fino a noi.
Oltretutto, ho fatto una rapida ricerca sugli unici autori africani pubblicati in Italia e praticamente tutti hanno vissuto in Occidente – Inghilterra, Francia o USA – prima di pubblicare. Niente casi di best-seller africani, scritti in lingue africane i cui diritti sono stati acquistati per il nostro mercato. Almeno, per quello che ho potuto vedere in pochi minuti di ricerca su Google.
Quindi, sì. Magari pensiamoci. 

7 commenti:

  1. Mi sento competente (che poi è un parolone) soltanto sul primo dei tre argomenti, quindi perdonami se limiterò il mio intervento a questo. Noi lettori siamo una categoria strana: tutti ci possono snobbare (siamo i soliti asociali, chiusi nel nostro mondo e troooooppo riflessivi, echeccacchio), ma noi non dobbiamo snobbare nessuno, sempre che di snobbare si tratti quando si manifesta il proprio orgoglio nel fare qualcosa che ci piace. Ah, ma quanto piace alla gente e al mondo dell'informazione spaccare a metà il mondo! Hai giustamente rilevato la totale equivalenza fra il condividere questa passione tramite, post, vignette, bombardamenti di citazioni, immagini di libri o articoli che li riguardano e coloro che compiono queste operazioni in altri campi, celebrando la loro passione per un gruppo musicale, un attore, un film. Insomma, c'è gente che passa le giornate a condividere post sulle perle che escono dai programmi della D'Urso e sono davvero i lettori i maniaci a questo mondo (adesso sarò snobbata dai fan della Barby)?!? XD

    RispondiElimina
  2. Interessante questo articolo!! intanto sul primo punto concordo pienamente, va bene celebrare un po' l'essere lettori, ma effettivamente celebrarci dicendo che siamo meglio di altri non è mai piaciuto nemmeno a me. anche perché non è vero, essere diversi solo perché alcuni leggono e altri no, non vuol dire essere migliori di altri. solo con interessi diversi.
    grazie per avermi fatto sapere di questo festival ^_^ sembra molto interessante!
    per quanto riguarda la letteratura africana effettivamente sono ignorante anche io in materia, ricordo che al liceo una volta una mia prof ci fece leggere dei libri, uno scritto da una ragazza del Sudan e un altro scritto da una donna del Sud Africa se non ricordo male e anche lì queste due erano andate una in Europa, una in America.... quindi tutte e due hanno vissuto per un po' in Occidente

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver condiviso l'appuntamento di Stranimondi.

    TI farà piacere sapere che il crowdfunding ha già raggiunto l'obiettivo che ci eravamo prefissi. Oltre che gratificarci (e parecchio!) l'esito positivo del progetto di finanziamento dal basso ci costringe ad impegnarci ancora di più per fare in modo che 'appuntamente milanese si faccia ricordare!

    (eddai passa a trovarci anche tu, cosa vuoi che sia mai una tesi di laurea! :-) :-) :-) )

    RispondiElimina
  4. Be', oddio, non so sia una questione di snobismo o di scemenza. Succede anche con le squadre di calcio se ci pensi. Però è proprio una questione di atteggiamento: c'è differenza tra portare la maglietta del tuo giocatore preferito e rifiutarsi di condividere il tavolo con gente che tifa un'altra squadra.
    Solo che il calcio è percepito sport per buzzurri e i libri roba da gente intelligente (ho generalizzato eh, anche il calcio a mio parere può essere cultura).
    Carlotta

    RispondiElimina
  5. Al momento io soffro un po' lo snobismo dei lettori che, però, solo i classici... Solo roba seria, non di genere, che loro sono impegnati, mica come me... (poi magari scopri che non hanno mai aperto un saggio e non sanno distinguere un articolo di fisica da uno di cabala...).
    Sugli africani, credo proprio che tu abbia ragione. Mi ero imbattuta tempo fa in un'antologia di racconti si autrici nordafricane, ma assolutamente per caso, di una casa editrice di cui non mi è pervenuta memoria. Oltre a questo il nulla...

    RispondiElimina
  6. sul primo punto, io ho profondamente in odio quelli che io leggo quindi sono migliore. penso che se leggere qualcosa li ha portati a questo, allora tanto valeva seguirsi tutte le edizioni di uomini e donne.
    credo che l'argomento poi si estenda a tutto: io sono vegano, io non lo sono, io seguo le mode, io ascolto solo musica classica, io qua, io là... ergo sono meglio di te. sono solo discorsi da idioti, perdonate. c'è gente interessantissima in giro con gusti e passioni completamente diverse dalle mie, poco mi interessa se ha una stanza piena di libri o se non ne legge mai. non si basa su questo il mio metro di giudizio e non ho mai usato il fattore io leggo per sentirmi un gradino sopra.
    ovviamente fa piacere parlare con chi ha gusti simili ai tuoi, se becchi qualcuno a cui piacciono i libri, e i tuoi stessi libri, allora ovvio che ti ci trovi bene.
    tempo fa una tipa mi dice uh, anche a me piace un sacco leggere, lyala è il mio autore preferito! l'hai mai letto? se vuoi ti presto qualcosa! e mi sono finta disinteressata alla lettura in genere. insomma, leggere o non leggere, non è quella la discriminante!

    per quello che riguarda la letteratura africana (sul festival a milano non commento, ho le palle piene di stare in un'isola del cazzo - pardon - in cui non succede nulla per la quasi totalità dell'anno) in effetti il massimo che vedo sono i libri venduti fuori alle librerie. che ho quasi sempre snobbato. non ho idea di che roba è e non vorrei trovarmi a spendere 15 euro per una vaccata. poi magari ci sono capolavori, ma è difficile arrivare già solo a informarsi su questa roba. ed è un peccato secondo me, magari lì in mezzo ci sono capolavori e ce li perdiamo. d'altro canto, almeno personalmente, di comprare a scatola chiusa non se ne parla... e quindi ciao.

    RispondiElimina
  7. Credo di aver letto solo un romanzo di un autore africano, che però abitava da anni in Italia. Credo che ci sia una scena abbastanza interessante, adesso che sempre più paesi stanno emergendo dal fosso dove erano precipitati durante il colonialismo. So per esempio che esiste una rivista che pubblica pulp africano, in inglese. Ne avevo recuperato un volume e non era male. Ed erano tutti racconti radicati sul territorio (vastissimo) dell'Africa. Devo riprendere il titolo...
    Interessante, comunque.
    Ah, ma Gargoyle non ha pubblicato un urban fantasy africano, di recente?

    RispondiElimina