venerdì 21 novembre 2014

La lista di Lisette di Susan Vreeland

Questo libro è stato un regalo di compleanno liberamente scelto da me medesima. Cioè, un bel giorno mi sono vista recapitare un graditissimo e inaspettato buono della Feltrinelli e, beh, un paio di giorni dopo stavo vagando in quella della mia zona alla ricerca del libro che più mi avrebbe resa lieta. È stato un lungo, doloroso parto, e ho sfrantumato di messaggi apocalittici colei che tanto graziosamente m'aveva inviato il dono. Ero ormai tachicardica, quando ho deciso per La lista di Lisette di Susan Vreeland. È stata una scelta ardua, perché concorrevano Wu Ming, David Nicholls, Anne Rice, Elena Ferrante... ma alla fine, BAM!, presa la decisione. E non mi è dato di dire 'è stata la scelta più giusta', perché credo che ognuna delle scelte sarebbe stata più che 'giusta'. Ma dopo aver divorato il libro, posso ben guardarla con favore.
Adoro Susan Vreeland da quando, alle superiori, un'amica mi ha prestato La passione di Artemisia. Ho letto quasi tutto quello che ha pubblicato, anche se ho chiacchierato solo di Una ragazza da Tiffany qui. Nei suoi libri l'arte ha sempre un ruolo primario, importantissimo per le sue protagoniste. E una delle cose che più amo nei suoi libri è che i suoi personaggi, pur essendo spesso persone realmente esistite, e nonostante l'incredibile ricostruzione storica, sono effettivamente 'personaggi'. Non figurine di carta ritagliate dalla storia che si muovono impacciate e senza vita in un racconto. Personaggi vivi, vividi.
E dunque, La lista di Lisette, pubblicato poche settimane fa da Neri Pozza e tradotto da Simona Fefè, è il primo romanzo della Vreeland in cui la vicenda sia inventata, così come i suoi personaggi principali. Il villaggio che ospita buona parte delle vicende, Roussillon, esiste realmente, così come quasi tutte le opere d'arte di cui parla. Ma, come chiarificherà in una postilla, la trama è tutta sua.
Lisette è narratrice e protagonista. Ha sempre vissuto a Parigi, orfana, allevata in un convento di suore dove Suor Marie Pierre le ha insegnato non solo a vedere, ma a osservare. Lisette e Andrè si sono sposati giovanissimi, alla fine degli anni '30, e si stanno godendo l'allegra vita parigina – i caffè, le mostre degli artisti, il cabaret, tutto quanto Parigi ha da offrire – quando Andrè riceve la lettera del nonno Pascal, che gli chiede di tornare a casa, a Roussillon, ad accudirlo negli ultimi giorni di vita. È qui che ha inizio la storia, con Lisette e André che aspettano l'autobus che li avrebbe portati in quel villaggio sperduto che è Roussillon. E al loro arrivo scoprono che Pascal non è messo poi tanto male, visto che sta giocando a bocce coi suoi amici. Ma finiscono per rimanere lì, nonostante Lisette senta orribilmente la mancanza della sua Parigi. Pascal, tra l'altro, è stato un fierissimo falegname e ha costruito le cornici per moltissimi artisti, tra cui Pissarro e Cèzanne. E le racconta dei suoi incontri con quegli artisti, mentre osservano insieme i sette quadri della sua collezione. Quadri preziosissimi, che lui tiene in gran conto anche per il legame che hanno con Roussillon.
E poi accade... beh, tutto il resto. Le vicende narrate nel libro si distendono per un arco di tempo piuttosto lungo, e si concludono soltanto nel '48, per un totale di undici anni. Sappiamo tutti quello che accade alla Francia – all'Europa, al mondo – in quegli anni.
In questo romanzo c'è Lisette con la sua lista dei desideri e dei propositi, c'è l'arte del secolo scorso nel suo momento più florido, c'è un po' di Marc Chagall, c'è Roussillon con le sue cave d'ocra e i suoi abitanti, c'è l'occupazione.
È un libro che non posso non consigliare violentemente. È la Vreeland. Punto.

11 commenti:

  1. Sono contento di pensarla come te. :) Grazie

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa autrice, grazie per la segnalazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, fammi sapere se/cosa leggerai di suo :D

      Elimina
  3. Love you sooo much <3
    Tra l'altro questo libro ce l'ho (inviato dalla CE) e ho anche Una ragazza da Tiffany ma confesso di non aver mai letto nulla della Vreeland. Devo rimediare perché non sei la sola a parlarne così bene. Insomma, so cosa fare durante le "vacanze" (per me che sono disoccupata in verità non sono proprio vacanze ma vabè) di Natale, quando non c'è nessuno dei miei amici e quasi tutte le mie attività giornaliere (leggi, tisana, guarda film, leggi, altra tisana, altro film) si svolgono sul letto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3
      Secondo me adorerai Una ragazza da Tiffany, finora è il mio preferito della Vreeland *__* Inizia da quello.
      La tripletta libro-plaid-tisana è un must meraviglioso. Dio, quanto aspettavo la stagione fredda.

      Elimina
  4. Qualche tempo fa è entrato nella libreria di casa mia un libro di questa autrice, mi sfugge il titolo, ma riguarda un'opera d'arte! Non conoscevo assolutamente l'autrice e non ne avevo mai sentito parlare; chi sa invece che debba darle una possibilità! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere La vita moderna? Mi sa che è l'unico che non ho letto xD
      Vreeland merita tutte le possibilità che un lettore può darle :) Fammi sapere.

      Elimina
  5. Ne abbiamo già parlato altre volte ^^ Devo assolutamente leggere la Vreeland!
    Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D
      Io consiglio di iniziare con la Vreeland da Una ragazza da Tiffany o da La passione di Artemisia. Magari a seconda della preferenza per il diverso contesto storico-artistico.
      Buona lettura :)

      Elimina
  6. Io adoro quella donna *-* Per lo stesso motivo per cui l'adori anche tu: "La passione di Artemisia".
    Ho adorato quel libro, ma per qualche motivo non ho mai cercati altri, della Vreeland. Adesso che ho letto questa recensione comunque me l'hai riportata alla mente, e ho già mentalmente aggiunto "La lista di Lisette" ai libri da leggere :D
    Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  7. Oh, mi hai incuriosito tantissimo e mi piacerebbe avere questo libro già tra le mani per leggerlo al più presto!!! Sembra un'autrice fantastica!

    RispondiElimina