venerdì 3 ottobre 2014

Scribacchiolando #7 - Mea culpa - Cosa rende urfido il mio ultimo racconto

Il mese scorso ho dato un esame che mi ha fatto particolarmente penare. Non so perché, visto che trattava di argomenti ormai familiari, ed era pure parecchio interessante. Però, chissà come mai, lo studio mi sfiancava più del solito.
Tranquilli, non ho intenzione di lamentarmi dell'esame in sé, quello lo faccio abbastanza ogni volta che devo darne uno – di solito frignando come se lo studio fosse una tortura impostami da una malvagia popolazione aliena, un atteggiamento molto maturo da parte mia. Ma soprassediamo – bensì mi andava di chiacchierare di un racconto che ho scritto un paio di giorni prima del suddetto esame.
Avevo passato la mattinata – e non sto scherzando, sarò rimasta piallata sui divanetti all'ingresso intorno alle tre/quattro ore – dalla parrucchiera. Avevo i capelli così rovinati che pareva mi fosse riuscito male lo shatush. Ad ogni modo, mi si prospettava una lunga attesa, meno male che mi ero portata dietro Cose fragili di Gaiman, di cui ho chiacchierato giusto un paio di giorni fa.
Ora, Umberto Eco ha parlato di un costrutto semiotico chiamato 'lettore ideale'. Si tratta di un'istanza determinata dal testo stesso, del perfetto insieme di aspettative e conoscenze atte a comprenderlo appieno.
No, non sto tentando di ammorbarvi con nozioni studiate nell'ultimo esame. Il fatto è che io sono il Lettore Ideale di Gaiman. Lui non lo sa, ovviamente, ma io sì. Non penso di essere l'unica, ma la questione rimane. Neil non lo sa, ma scrive per me. I suoi testi continuano a disegnarmi inconsapevolmente come lettrice.
E sì, detto così sa un po' di pre-stalker. Pare che io mi accinga a concludere il post annunciando che andrò a cercare Gaiman per imporgli la mia esistenza e nutrirmi del suo sangue.
Ma no, voglio solo dire che leggere i libri di Gaiman mi immerge in un liquido amniotico creativo, mi trasporta in una dimensione tra le dimensioni e mi rende particolarmente ricettiva alle storie.
E visto che ero dalla parrucchiera e stavo leggendo un libro di Gaiman, puff, mi è nata una storia sulle Parche che aprono un salone di bellezza. Carina, no? Me la sono ritrovata nella testa e poi tra le mani, e infine nel computer.
Solo che ci sono stati d'animo in cui non si dovrebbe mai scrivere, e per me sono i giorni prima degli esami, in cui ogni mia molecola è tesa verso i libri di testo. Purtroppo la storia non voleva saperne di lasciarmi in pace, neanche per un paio d'ore, quindi mi è toccato scriverla, almeno per poter studiare in pace. Solo che scriverla non mi bastava per liberarmene del tutto, e l'ho pubblicata qui, sul blog, dopo averla ricontrollata senza troppa cura, dando giusto una falciata agli errori di battitura.
Risultato? Pessimo, ovviamente.
Infatti il mio primo pensiero è stato di correggerla post-esame rigettando la prima stesura come non fosse neanche mia. Ma poi, dopo aver riscritto un paio di frasi, mi sono detta che dopotutto il racconto poteva tornarmi assai utile così com'era. Nella terza puntata di Scribacchiolando mi lamentavo di come avessi finito per perdere, in una lunga processione di hard-disk bruciati e sanguinose formattazioni, tutte le storie che scrivevo da ragazzina, cosa che mi impedisce oggigiorno di andare a rivedere e analizzare più chiaramente i miei errori.
Ora, poiché Il salone delle Parche è rimasto una prima stesura con una pessima revisione, indiscutibilmente indegno di vedere la luce... beh, perché no?
Lo analizzo adesso, insieme a voi.
Dunque, vediamo.
Colpisce immediatamente un uso spropositato degli aggettivi. King ha ragione, c'è da mozzare.
E noto anche che nel tentativo di evitare le descrizioni nette, cerco grossolanamente di cucire insieme l'interazione dei personaggi con l'ambiente, con le descrizioni stesse, rendendo le frasi confuse e traboccanti di informazioni inutili.
E mai che io vada dritta al punto. Avrei potuto evitare un sacco di ghirigori dispersivi scrivendo chiaramente 'Moira e Norma avevano aperto un Salone l'anno scorso, l'avevano arredato in questo modo, ora stavano facendo quello'. Ma nooo, spezzettiamo l'ambiente in giro per il racconto rendendolo il più evanescente possibile, che la chiarezza è volgare.
Soprattutto quando si tratta di racconti, è necessario essere chiari e concisi. Non c'è tempo per mostrare come i rapporti tra i personaggi si evolvono attraverso l'interazione, e non c'è spazio per troppi flash-back o rievocazioni. Brevi e decisi. 'Da tot periodo Morrigan aveva deciso di cambiare nome perché tot'. Punto. Eccheddiamine, Me Stessa, quanto hai intenzione di sbrolodare su quella pagina?
Ed è inutile ancorché dannoso che io mi ostini a scrivere al presente, che tanto non mi riesce. È un tempo che non sopporto e nel quale non mi sento a mio agio. E si vede.
Se proprio dovessi trovare degli aspetti positivi, direi che i dialoghi potevano riuscirmi peggio, e non nego che l'idea mi piace un sacco. La rimetterò a posto presto, magari scribacchiolando qualcosa di più lungo. Mi sono già germogliate in testa diverse scene, devo solo riuscire a collegarle tra loro. Che, per quanto mi riguarda, è la parte più difficile.
E dunque, non so a voi, ma a me questo post è stato decisamente utile. Se avete voglia di segnalarmi errori che mi sono sfuggiti, mi fate un grande favore. Prometto che non verrò a suonarvi i bonghi sotto casa alle tre di notte.

4 commenti:

  1. Non sempre noi riusciamo ad essere lettori ideali di noi stessi, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo vicini al momento della scrittura, mai. Infatti poi ci si ritrova con delle ciofeche che pensavamo degne >_>

      Elimina
  2. Ho letto il racconto poco fa e, di seguito, ho riletto questo tuo post. Penso che l'idea sia buona, il racconto è piacevole e i dialoghi son efficaci.
    Forse sei troppo "dura" col tuo racconto!
    Non so neppure se ci sia così tanto bisogno di "chiarezza" come sottolinei: a me questo stile non dispiace affatto! Suggerire senza definire troppo per me è una buona cosa.

    RispondiElimina
  3. Credo sia normale, rileggendosi dopo qualche giorno, trovare orribile quello che si è scritto. Dopo un mese già si è più oggettivi e si vede che sì, il testo è migliorabile (poi tu ti poni come punto di riferimento Gaiman, mica il primo che passa), però non fa così schifo. Secondo me tra qualche settimana scoprirai che qualche passaggio del racconto in fin dei conti non è malaccio e anche l'uso del presente non ti viene così male.

    RispondiElimina