lunedì 8 settembre 2014

Scribacchiolando #6 - Al plagio!

Ebbene sì, una nuova ''richiestissima'' puntata di Scribacchiolando, a un solo post di distanza dall'ultima. E dire che non è che mi manchino i libri di cui parlare, eh. Tra parentesi, sto leggendo contemporaneamente La piccola Fadette di George Sand e Il diavolo ai giardini Cavour di Massimo Tallone e li sto gradendo assai entrambi, seppure per motivi diametralmente opposti.
Ad ogni modo, dicevo, Al plagio!
Non so bene come iniziare a chiacchierare di questo argomento, pur così semplice a spiegarsi. Con quello che si intende comunemente per plagio? Dal disprezzo che fin dalle elementari si nutre verso chi riprende qualcosa da un altro per farlo proprio? O da quello che penso io del cosiddetto plagio, e di un termine che temo si sia allargato troppo, arrivando a comprendere quelli che, secondo me, sono normali influenze letterarie e culturali?
Ecco, sì, partiamo da lì.
Riconosco come plagio la ripresa non adeguatamente adattata e fatta propria di un elemento creato da altri che non è ancora entrato a far parte del nostro sub-strato culturale.
Non costituirebbe un plagio, secondo me, la riscrittura dell'Odissea in chiave più moderna, con eventuale indagine psicologica dei personaggi e delle loro azioni. Non chiamerei plagio neanche una scuola di magia, o un circo maledetto, o i cari vecchi zombie così come li ha pensati Romero, la cui versione ha soppiantato tutte le altre. Non chiamo plagio – e potrei perfino trovarmi in minoranza – nemmeno Hunger Games, in cui Suzanne Collins riprende il concetto di ragazzi costretti a uccidersi tra loro centrale in Battle Royale.
Non lo chiamo plagio perché la questione di 'gente chiusa in un'arena e costretta a massacrarsi' non è poi così estranea al nostro bagaglio culturale, ed è stata più che sviscerata, adattata e ampliata, diventando perfino marginale nel corso della serie. Non nego l'influenza, certo, ma neanche nego l'influenza di Stoker sulle Cronache dei Vampiri di Anne Rice, o di qualsiasi romanzo fantasy scritto post-Tolkien.
E dunque credo sia normale subire l'influenza di certi elementi narrativi, ma non si tratta soltanto di questo.
Il fantasma del Plagio Involontario sbeffeggia dall'alto della tastiera chiunque intenda scrivere qualcosa, perché dopotutto siamo tutti immersi nello stesso bagaglio culturale.
E non mi era mai capitato prima, ma ultimamente mi è successo già 3 volte di ritrovare dove non me l'aspettavo elementi che stazionano stabilmente nelle mie storie. Un brevissimo elenco.

  1. Le porte dimensionali. Così come le intendo io, le ho trovate in Quando il diavolo ti accarezza di Luca Tarenzi e in Shadow Hunters di Cassandra Clare. Ipotizzo ben due fonti primarie di ispirazione: Nessundove di Neil Gaiman e il mio film preferito, Labyrinth di Jim Henson.
  2. L'Apocalisse. Avevo appena iniziato a scrivere Survival Game, quando ho visto il film di Seth Rogen, Facciamola finita (o, in originale, This is the end). Mi sembrava un'idea così ganza e originale che pensavo l'avrei rivelata in tutta la sua baldanza in un punto già avanzato della storia. Poi ho scoperto che non solo io e Rogen abbiamo avuto la stessa idea, ma che quest'idea è identica perfino nel 'come'. Che diavolo, Seth. Ipotizzo l'influenza comune della caterva di libri e film sull'Apocalisse Zombie usciti negli ultimi decenni.
  3. Azazel e Dantalian. Sono due dei 72 Spiriti Salomonici, o Demoni Superiori o che dir si voglia. Da decenni ho un file sul computer cui ricorro piuttosto spesso, che me li elenca con tutte le loro caratteristiche. Gli esseri infernali mi hanno sempre affascinata, e Azazel e Dantalian sono due degli Spiriti che ho estrapolato e reso personaggi. E, davvero non mi spiego come sia possibile... sono anche i più inflazionati. Azazel è presente anche in Quando il diavolo ti accarezza di Tarenzi (AGAIN) e la cosa più assurda è che è presente in modo estremamente simile. Ma tanto. Al punto che dovrò modificarne la storia fin dalle radici.
    Non saprei spiegare perché io, come molti altri, ho scelto di utilizzare sia Dantalian che Azazel. Dopotutto ce ne sono altri 70 tra cui scegliere. Tant'è.

E questi sono i miei plagi involontari più evidenti e fastidiosi. Probabile che ce ne siano altri di cui non mi sono ancora resa conto, ma mi andava di elencarli un po' per lamentarmene, e un po' per arrivare alla seguente conclusione.
Non esiste una storia che si possa dire totalmente originale, perché le storie che scriviamo sono l'insieme delle storie che abbiamo letto e amato, che ci sono entrate in testa e che abbiamo incanalato in nuova linfa narrativa. Come se attraverso un lungo processo di purificazione avessimo spurgato quelle idee dalla presenza dei loro creatori primigeni e le avessimo rese nostre, anche se a volte è inevitabile che qualcosa della vecchia versione rimanga attaccato a quella nuova.
Con questo non voglio dire che il plagio non esista, volontario o involontario. A volte ci salta in testa un'idea così perfetta e meravigliosa che ci illudiamo di averla pensata noi, quando invece abbiamo solo dimenticato dove e quando l'abbiamo presa. E quando è ovvio che abbiamo preso qualcosa da un altro creatore senza modificarla attraverso il suddetto processo di purificazione e spurgo... ecco, quello è un po' Il Male.
Ma non è neanche il caso di dannarsi l'anima perché ''Oh, no, il mio x è troppo simile all'y di un altro, devo riscrivere tutto daccapo!''. A un certo punto bisogna arrendersi all'evidenza di un'influenza narrativa e culturale troppo simile e continuare a scrivere quello che si stava scrivendo. Sennò arriveremo al punto che giammai più vampiri dopo Stoker, elfi dopo Tolkien, scuole di magia dopo Harry Potter, storie d'amore tormentate dopo Cime Tempestose, indagini dopo Agatha Christie, draghi dopo i dinosauri.


(Che poi, se davvero sono rimasti degli elementi totalmente originali e mai usati da nessuno, magari un perché ci sarà.)

4 commenti:

  1. Ciao!
    Scrivo solo perché anche io ho avuto una vicenda simile ^^ recentemente sono riuscita a trovare del tempo per leggere qualcosa, oltre ai vari volumi che leggo 'per lavoro' {saggi e simili per documentazione}, per semplice relax. Sono rimasta molto sorpresa nel trovare degli elementi che ho usato in sceneggiature e racconti che sono ancora nel mio pc, in attesa del fatidico ' un giorno vi sistemerò tutti'. Ho passato un po' di tempo a farmi un po' di paranoie che oscillavano tra "sono una persona orribile" e il "sono totalmente incapace".
    Poi ci ho riflettuto meglio, a mente fredda. Ho fatto le mie indagini.
    Ho scoperto che, semplicemente, abbiamo usato le stesse fonti in maniera personale.
    Come te, anche io ho un Azazel {è simpatico! Io l'ho trovato in un film, per esempio}, ma come molti altri famosi e non ho un Dioniso, un Seth, i Daoine Sidhe, i maghi, una scuola di magia, un alieno, un drago, una madre dei draghi, un impero, le Porte dimensionali, occhi viola, occhi dorati, elfi, orecchie a punta, vampiri, vampiri che mutano, mamme che si sacrificano per i figli e fratelli minori che vogliono dominare il mondo. Questo mi fa solo apprezzare molto di più chi usa tutti questi elementi: perché vuol dire che se li è andati a cercare, ci ha passato del tempo sopra, che non sta seguendo la moda. Le fonti e i temi sono quelle e affascinano sempre, poi sta all'onestà e all'inventiva del singolo mischiarli tra di loro in modo da ottenere il proprio team di Superchicche.
    Il plagio esiste, e l'ho provato sulla mia pelle anche se sono una PincoPallina qualunque: ha una solida base di malizia e crimine unita alla stupidità di non saper nemmeno differenziarlo dall'originale. Quello involontario, lo sguardo sullo stesso ingrediente, a me fa solo dire "ma che figata, l'hai trovato anche tu!"

    RispondiElimina
  2. Se t'interessa: Azazel è stato usato anche da Asimov in una sua serie di racconti ironici e perfino nei fumetti d Batman (Azazel è un vigilante che per un breve periodo prende il posto di Batman come difensore di Gotham City) Quindi come vedi è un ispirazione che ha colpito diverse persone, non solo te.
    Comunque, Antonio Serra, l'ideatore di Nathan Never ripete sempre che quando si pensa di avere una buona idea questo significa che qualcun altro l'ha sicuramente avuta prima di te in qualche altra parte del mondo.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Proprio l'altra sera un'amica commentava depressa di aver appena letto un libro in cui c'era un'idea quasi identica a quella che stava alla base di un racconto che lei aveva scritto. Il libro, però, era uscito prima.
    Dato che penso che lei scriva molto bene, spero che questo non la deprima, penso che il plagio involontario sia capitato un po' a tutti. Io tanto tempo fa avevo avuto una bellissima idea sugli dei dell'Olimpo ai nostri giorni, in crisi perché nessuno li adora più. Tempo dopo comprai il fumetto Olimpo s.p.a che sviluppava la stessa idea meglio di quanto avrei mai potuto fare io (cosa che mi diede alquanto fastidio).
    Insomma, il plagio involontario capita, il problema è quando non lo è...

    RispondiElimina
  4. Il fatto che Shakespeare - inteso come uno dei più grandi autori - "si ispirasse" tanto a fatti reali quanto a storie già scritte da altri autori e rimescolasse le carte ottenendo una combinazione "gradevole", tanto da essere considerato un gran maestro, la dice lunga sul plagio.

    Detto ciò, condivido pienamente il tuo pensiero! ^_^

    RispondiElimina