venerdì 5 settembre 2014

Piccoli scorci di libri #41

La casa della gioia di Edith Wharton – Traduzione di Gaja Cenciarelli – Neri Pozza, 2014

Non avevo mai letto nulla di Edith Wharton. Avevo tentato di approcciarmi a L'età dell'innocenza, ma la traduzione era così pessima che ho rinunciato dopo un paio di pagine, ripromettendomi di recuperare poi. Tra l'altro è sicuramente per via di quell'edizione che ho sempre considerato la Wharton come una scrittrice leggera, frivola, di quelle che accompagnano le pause tra un librone e l'altro. Quel particolare L'età della gioia ha una copertina rosa porcello con l'immagine di una donzella in mezzo a un prato, contornata da un tripudio di allegri ghirigori dorati. Quindi beh, l'idea che mi ero fatta della Wharton era dopotutto ben supportata da tanta frivolaggine.
E poi ho letto La casa della gioia. Tra l'altro è la seconda pubblicazione della collana Le Grandi Scrittrici della Neri Pozza, che mi ispira assai, consiglio di dare un'occhiata.
Dicevo, La casa della gioia. Prima di tutto c'è Lily, che è una donna meravigliosa, semplicemente perfetta, bellissima. Ha ventinove anni, però, ed è senza un soldo. Rimasta orfana in giovane età, viene accolta da una zia ricca, che pur non essendo avara, non le assicura quel dispendio di cui Lily sente il bisogno, sia per influssi materni che per far parte dell'alta società newyorkese dell'epoca. E poi appunto, oltre a Lily c'è New York nei primi anni del '900. O meglio, c'è una fetta piuttosto esigua di questa New York, che però appare così preminente, e non soltanto per i diretti interessati. È l'alta società finanziaria, coi suoi banchieri, i suoi ricchi, le ereditiere, le feste, il gioco d'azzardo.
E Lily che cerca disperatamente marito in questo scenario ostile, falsamente sorridente, cinico. Lily costantemente in bilico.
Mi è piaciuto da morire e lo consiglio senza remore.

Crune d'aghi per cammelli di Maria Silvia Avanzato – Fazi Editore, 2013

Questo è un libro buffo, leggero, divertente. Di quelli che scivolano senza farsi rincorrere, coi toni scherzosi, lo stile colloquiale all'estremo. La protagonista, Edgarda Solfarelli, talvolta si rivolge direttamente al lettore, disossando la quarta parete. E soprattutto, è un libro... non so bene come descriverlo. Parla di libri, certo, ma in senso lato. Prima di ogni cosa, parla dell'ossessione di Edgarda per la pubblicazione. Non per la scrittura. Ribadisco, per la pubblicazione. Inizialmente non ero molto certa di quale fosse la posizione della Avanzato sulla sua protagonista, ma alla fine credo che la guardi con un misto di compassione e rispetto. Perché Edgarda non è che scrive male, e l'autrice aggiunge un piccolo testo scritto da lei per dimostrarcelo, una brevissima prova di bravura. Diceevo, rispetto perché ci crede e ci prova e non si risparmia. Il problema di Edgarda è l'ossessione. So che è una parola che sto ripetendo troppo, ma non posso farci nulla, è quella che muove le scelte e i movimenti di Edgarda. Il fatto che stalkeri scrittori famosi che non le piacciono affatto pur di poter chiedere loro recapiti di editor, il fatto che finisca per destinare tutti i suoi averi alla ricerca di qualcuno che possa scoprirla e pubblicarla, quello che scrive, quanto scrive, perché scrive. Edgarda non parla dei suoi personaggi – a parte l'omissis – o delle storie che sta creando, dei suoi dubbi sulla trama, sulla costruzione, sul finale. Parla di pubblicazione, di quella casa editrice che le piace tanto, di quello che potrebbe piacere al direttore Valerio La Sorte. E non è che Edgarda sia stupida o ignorante sull'ambiente, anzi. Direi che lo riprende abbastanza bene, con tutti i vari wanna-be-scrittori convintissimi, gli intellettualoni snob, gli operatori poco competenti.
Mi è piaciuto, pur con l'improbabilità di certi avvenimenti. E soprattutto mi ha divertita un sacco. E mi ha dato una corposa pacca sulla spalla.

4 commenti:

  1. Grandissima Edith Wharton, sfiorò il nobel quando lo vinse la nostra Deledda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... io l'avrei preferito alla Wharton, effettivamente xD

      Elimina
  2. Edith Warthon era una donna coltissima e sofisticatissima, la prima a vincere il Premio Pulitzer con L'età dell'innocenza (capolavoro!), altro che frivola e leggera :D
    La casa della gioia l'ho terminato pochi giorni fa e l'ho amato, Lily bart mi è rimasta nel cuore!

    RispondiElimina