giovedì 27 marzo 2014

Scribacchiolando #3 - I miei trabocchetti

La prima puntata di questa rubrica – posso legittimamente chiamarla 'rubrica'? - è stata un po' come togliersi un fastidioso sassolino dalla scarpa e insieme cercare un briciolo di approvazione per quello stesso sassolino. Qui avevo chiacchierato di come leggere il Manoscritto di una ragazza che un bel po' di tempo fa mi stava ampiamente sull'anima mi fosse tornato utile per sviluppare i miei criteri per la valutazione degli scritti in generale, miei compresi. Ecco, quello che rimpiango è di non avere più disponibili i miei, di scritti. Quelli vecchi. Quelli di... facciamo dieci, quindici anni fa. Non che mi risulti difficile trovare errori grossolani pure in quello che scrivo adesso, anzi. La limatura è fitta e continua, nuovi interrogativi si aprono come voragini sotto la trama. Bisogna stare attenti a non cascarci, altrimenti si rischia di ritrovarsi troppo avanti nella storia per poter porre rimedio a quella falla senza sconvolgere tutto quello che si è scritto nel mezzo.
Però, dicevo, vorrei potermi confrontare con quello che scrivevo tanti anni fa, quand'ero ancora una giovincella che non si interrogava sui risvolti negativi dell'info-dump, che non aveva mai sentito parlare di 'show, don't tell', di costruzione del personaggio, di stereotipizzazione. Sarebbe comodo potermi valutare dopo tanto tempo, e magari scoprire se certi errori li ho eliminati o se non li ho addirittura peggiorati.
Purtroppo quegli scritti sono ormai irraggiungibili, i resti sepolti in un qualche vecchio hard-disk bruciato. Però, un po' per fare ammenda dal primo 'Scribacchiolando' e un po' perché mi gira così, oggi va di chiacchierare dei miei vecchi errori. Di quelli che ricordo, almeno.
Prima di tutto – si tratta di un periodo che è durato più o meno fino alla quarta-quinta superiore – la protagonista dei miei scritti ero quasi sempre io. O meglio, un mio simulacro, quello che avrei voluto essere. Più bella, più intelligente, più forte. Un po' più alta, sigh. E com'è ovvio che fosse, il resto dei personaggi non era che un'accozzaglia di manichini messi lì a risaltare la Super-Me e a fare andare avanti la storia.
Poi c'era la progettazione. Non progettavo nulla. Non so quante decine di storie io abbia iniziato, mettendomi a scrivere senza avere chiaro nemmeno il nome dei personaggi, la loro età, gli sviluppi della trama. Certe volte non avevo in mente neanche una vaga idea di quello che sarebbe successo di lì a poco. Il fatto è che per me le storie cominciano a formarsi a partire da una situazione, o meglio, da una scena. Una scena che mi nasce nel cervello, completa di una rozza ambientazioni, qualche personaggio e un'azione. È attorno a quella scena che inizio a costruire tutto. Può essere anche a metà di quella che poi diventerà la storia, ma sarà il mio punto di partenza. Il che, in sostanza, si traduce con un sacco di cavolate e un'infinità di forzature volte a motivare la suddetta scena.
Il super-fantasy-minchia. Sì, ne avevo uno anch'io nella cartella 'Storie'. Giammai lo negherò. Ovviamente la protagonista ero io. Ovviamente ero una mezz'elfa – sigh – il cui villaggio era stato distrutto. E avevo dei poteri fighissimi che adesso non ricordo.
Uno dei miei più grandi errori – in cui rischio continuamente di ricadere, e il cui sforzo per evitarlo mi impaccia alquanto – è il tralasciare i problemi, convincermi che tutto sia credibile e vada bene. Che il Lettore ipotetico capirebbe quello che intendo e non avrebbe nulla da ridire. Credere che la trama scorra liscia come l'olio, che i rapporti tra i personaggi siano perfettamente plausibili, che non ci sia nulla da cambiare. Che tutto funzioni, anche quando l'intera struttura si basa su una boiata. Circa due-tre anni fa avevo quasi finito la prima stesura di una storia cui sto lavorando ancora oggi. Mi è bastato fare leggere le prime pagine alla Scarabocchia per capire quanto il motore primo della trama fosse assolutamente insensato. E da lì in poi ha iniziato a crollare tutto, tutto ciò che davo per scontato mi si rivelava orridume. Avevo annodato i fili con dei rozzi 'Perché sì' che mai lascerei passare come lettrice.
E... dunque, fine. Immagino di essermi macchiata di molti altri errori nel corso di questi anni da wanna-be-aspirante-quasi-quasi-ma-perché-no-prima-o-poi-credici-scrittrice. Questi sono però quelli che ricordo, visto che la cartella colma dei miei orrori è scomparsa per sempre.

E voi? Quali sono le vostre debolezze come scrittori in potenza? Info-dumpate? Vergate lunghi ed esasperanti spiegoni? I personaggi sono un misto di quello che vorreste essere e Supeman?

11 commenti:

  1. Anch'io ero protagonista della prima versione della mia Trilogia Fantasy. Di contro, mi fermai tipo a pagina 15 o 20. Qualcuno invece è arrivato nelle librerie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brrr >_> Io sarò arrivata a pagina 30-40... credo sia il mio tentativo caccaletterario più imbarazzante.

      Elimina
    2. Io avevo preso i nomi da Dragonlance :D

      Elimina
  2. Anch'io cadevo nell'errore della verosimiglianza delle cose più assurde: volevo scrivere di certe situazioni, descrivere in un determinato modo alcuni luoghi, ma non mi rendevo conto delle assurdità che ne scaturivano...il primo universo del mondo da me immaginato era costituito da pianeti piatti, sigh!. E poi i dialoghi, che nausea se ci ripenso: i miei personaggi parlavano come una geerazione globalizzata mentre si muovevano in un ipotetico medioevo... devo dire che questa oscenità, però, si ritrova anche in testi pubblicati da Signori Editori e non fa far loro bella figura, almeno nel mio caso ne era al corrente solo il file con la rinnegata bozza! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Madonna, cosa non ci si illude che sia plausibile solo per andare avanti a scribacchiare... i pianeti piatti sarebbero stati interessanti, ma motivare la cosa da un punto di vista scientifico sarebbe un lavoraccio ò_ò
      I dialoghi mi danno un sacco di problemi, rischio sempre di cadere nel baratro del 'ma così suona bene' che sputa sulla caratterizzazione dei personaggi e sulla verosimiglianza della conversazione.
      Vero che ci sono anche testi pubblicati a consilarci, eh >_>

      Elimina
    2. Scientifico? Bastano quattro elefanti e una tartaruga!

      Elimina
    3. Oh, Pratchy ;__;
      Beh, ma lì è fantastico, pensa di doverlo motivare scientificamente in un universo senza magia ò_ò

      Elimina
  3. Io non commetto alcun errore.
    Sono lo Scrittore Perfetto.
    Anzi, sarei lo Scrittore Perfetto se non fosse per questa camicia di forza che...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dai, non mi sembra ti stia dando particolari problemi. Va' che assenza di errori ortografici u_u

      Elimina
  4. Anch'io ho iniziato col fantasy, non rendendomi conti di quanta attenzione maniacale necessiti. Il problema era la nebbia, credo. Ambientazione nebulosa, funzionamento della magia nebulosa... E poi personaggi che dovevano andare dal posto A al posto B senza il teletrasporto e.... Ci avrebbero impiegato mesi! In cui non accadeva nulla...

    RispondiElimina
  5. Credevo di essere strana perché, in effetti, anche i miei scritti partono da una scena che mi si palesa nel cervello. Spesso la butto giù, così come viene. Poi cerco di immaginare un prima e un eventuale dopo... Anche se, però, non sempre (forse quasi mai) ho in mente una trama vera e propria. L'info-dump, poi, non ne parliamo nemmeno. E i dialoghi, oddio T__T Mi vergogno di quello che scrivo perché, ad analizzare quello altrui sono brava, solo che non lo sono altrettanto a scrivere (o comunque credo di non esserlo abbastanza). La mia vergogna mi porta a non pubblicare nulla di ciò che scrivo e a non farlo leggere praticamente a nessuno, se non costretta. Però, almeno, non scrivo fantasy cosa che è certamente più semplice (niente fisica, chimica, o mondi possibili da rendere plausibili).

    RispondiElimina