martedì 11 marzo 2014

Scribacchiolando #2 - Ma come ti muovi?


E dunque, seconda e intensa puntata di Scribacchiolando, riflessioni sulla scrittura da parte di chi non ha nessun titolo per scriverle, risposte a domande che nessuno ha motivo di pormi.
In realtà oggi mi sovviene un tema abbastanza stringato, di cui si potrebbe chiacchierare in poche righe, se non si fosse infettati dal demonio della prolissità. Che a ben vedere è un demonio che merita un suo spazio in questa, si può chiamare così?, rubrica, ma non in questa puntata.
Noterete l'assonanza Enzo-Carliana. Lo so, è imbarazzante, ma è ricominciato il periodo di studio mediamente serrato e il cervello mi domanda ossigeno e boiate. Non fateci caso, per favore. Almeno se mai dovesse capitarmi di leggere il termine 'pochette' saprò a cosa si riferisce.
Tra le varie cose che rischiano di farmi storcere il naso fino alla paresi, quando leggo un qualsivoglia libro – a prescindere dal genere, dal target, dall'epoca in cui è stato scritto, a prescindere da qualsiasi aspetto possibile e immaginabile – ci sono i movimenti improbabili. Avete presente quando un personaggio per esprimere il proprio disappunto si incastra le mani sui fianchi, batte il piede per terra, si passa le mani tra i capelli fino a ritrovarsi in testa una pagoda, si piega in avanti-indietro-a-destra-a-sinistra, sbuffa, scalcia etc? Ecco, magari non proprio in quest'ordine, sto volutamente esagerando. Il fatto è che non sopporto quando un personaggio sembra non avere idea di come ci si comporta all'interno di un certo spazio. O meglio, quando l'autore sembra essersi dimenticato di come si muovono le persone. Comprensibile che una persona sbuffi, facile che tamburelli con le dita sul tavolo o che affondi le mani nelle tasche della giacca. Poco credibile che si sbracci teatralmente, che accartocci lettere-bollette-giornali lanciandoli per terra o nel cestino, che scaraventi le scarpe contro il muro manco stesse giocando a calcio, che si lasci andare sul divano con le mani sul viso ed emetta lamenti soffocati, soprattutto quando è da solo.
Che poi, sono io che sono strana o quando si è da soli non ha alcun senso manifestare le proprie emozioni in modo così evidente? Intendiamoci, magari sono io. Ma a parte qualche finestra sbattuta quando proprio ho le gonadi che vorticano – d'altronde con le campane della chiesa che tiriterano alle sette della domenica mattina è già tanto che non mi sia data al terrorismo – e qualche melodia canticchiata mentre lavo i piatti... ecco, direi anche basta. Invece a volte leggo di personaggi che si muovono all'interno di una scena come se avessero l'imprescindibile intenzione di dimostrare a chiunque abbiano attorno quello che stanno provando. Anche se intorno non hanno nessuno. E parlano, riflettono e rimuginano ad alta voce. Ora, abbiamo il discorso indiretto, nonché la possibilità di riportare direttamente i pensieri di un personaggio. Usiamo gli strumenti di cui la scrittura ha voluto caritatevolmente approvvigionarci, che diamine.
In sintesi – lo sapevo che sarei riuscita a tirare giù mezzo Promessi Sposi da una roba tanto semplice, dannato demone della prolissità – personaggi che si muovono nello spazio come automi.
Qualcosa da aggiungere, sottrarre o commentare?
(Le mie riserve di libri si stanno assottigliando e la cosa mi spaventa.)

10 commenti:

  1. Si potrebbe riassumere così, in barba al demone: credibilità! Ovvero chiunque voglia scrivere o anche solo scribacchiare dovrebbe tener bene a mente questa parolina (alcuni, forse, anche tatuarsela in un punto ben visibile a loro stessi). Insomma, concordo al cento per cento. E comunque, Leggy, tranquilla, non sei solo tu a non gesticolare come in preda a spasmi muscolari per manifestare le tue emozioni XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ok, ogni tanto mi vengono dei dubbi xD
      Ecco, credibilità. Punto.

      Elimina
  2. In alcune opere, tipo i regency stile Heyer, magari c'è dietro l'intento di fare caricatura, di creare effetti comici... Mi pare di vedere le miss che tamburellano il piedino spazientite! Poi dipende dal senso della misura di ogni autore...
    Carla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, l'esagerazione in quei casi è voluta. Idem quando si tratta di personaggi con comportamenti effettivamente innaturali, il problema sorge quando si vorrebbe dare un senso di naturalezza e credibilità.
      ... che voglia di Heyer che mi è venuta ò_ò

      Elimina
    2. Io esauriti i suoi romanzi regency, ho trovato alcune degne "emule" in ebook in inglese, Kasey Michaels e Barbara Metzger. Anche se la maestra e' insuperabile!
      Carla

      Elimina
    3. Mmmh, ci faccio un pensierino... anche se non amo leggere in lingua T^T Fortunatamente ho ancora un bel po' di Heyer da leggere, attendo solo che Astoria traduca...

      Elimina
    4. Io li ho trovati in biblioteca, o in ebook in inglese, di nuovo. Molto divertente in originale, anche se la traduttrice italiana aggiunge ancora piu' spasso! Leggo in inglese se non trovo in italiano.
      Carla

      Elimina
  3. Il problema della credibilità è che le persone sono tremendamente diverse e accantonano tutto ciò che è diverso dal proprio modo di essere. Quindi ben venga chi parla da solo. Io a volte parlo da solo, a volte meglio di quando mi trovo alla prova dei fatti - tipo un esame o peggio. Da soli, anzi, cadono molti freni inibitori e a me risulta molto più credibile la scena del tizio che rovescia la sedia o infrange il vaso sulla carta da parati, piuttosto che quando c'è altra gente. Perché io sono una persona molto controllata. Ciò non significa che accantoni un personaggio che, al contrario, da solo è un manichino inespressivo e si "accende" quando c'è gente che gli ronza intorno; solo, è un po' più alieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmh, se si tratta delle bizzarrie di un personaggio va bene, però temo sempre che si esageri con l'overacting/overreacting.
      ... invero io attendo di essere totalmente sola in casa per attaccare una compilation di canzoni Disney e ballare finché non mi esplodono i polmoni, ma in un personaggio mi sembrerebbe poco credibile xD
      Anzi, credo che effettivamente capiti a tutti di parlare da soli, però... non so, in un racconto non riesco ad accettarlo come naturale. Forse perché i monologhi narrati sono troppo precisi o incisivi o risolutivi rispetto alle volte in cui parlo effettivamente da sola.

      Elimina
  4. Sono fra quelli che leggono,ma non scrivono ,per altri.Col tempo divento più esigente ed attenta noto le "irragionevolezze"le esagerazioni di certi comportamenti dei vari personaggi,spesso delle vere stonature.Mi sa che inizierò ad annotarle,sarebbe interessante metterle a confronto,perché credo che ogni lettore abbia una propria visione.Sono intervenuta senza invito..ma seguo il blog e mi piace.

    RispondiElimina