lunedì 23 dicembre 2013

All I want for Christmas is... BOOKS! (fantastico)

Beh, buongiorno.
È il 23, il che implica che domani sarà la Vigilia. Quindi questo sarà l'ultimo post di consigli natalizi, che prolungarli oltre la data di consegna dei regali sarebbe un po', come dire, inutile. Peccato, perché avrei voluto scriverne di più. Uno sui libri del buonumore, in cui far confluire M. C. Beaton e Fabio Bartolomei e tanti altri. Peccato. Mi rifarò l'anno prossimo.

Terry Pratchett. Non lo consiglierò mai abbastanza. È impossibile consigliarlo degnamente. Allegro parodista della nostra mente umana, abile tratteggiatore di trame assurde, burattinaio del Fato, burlone dell'Universo. Le sue storie hanno luogo nel Mondo Disco, un universo alternativo basato su un'enorme tartaruga che vaga nello spazio, con quattro elefanti che le girano sulla schiena. E sorretto dagli elefanti, il mondo. Che ha forma di disco. Magia, religioni bislacche, il 'caso' che si deforma e, soprattutto, i personaggi. La grandezza dei personaggi sono i personaggi, della cui goffaggine fa largo uso per prendere in giro le trame fantasy 'classiche'. I suoi predestinati sono sciocchi e imbranati, la loro scelta un'ovvia forzatura del destino. Tutto ciò che scrive è risata, ma una risata profonda, a volte amara, a volte intervallata da un attimo di inaspettata poesia che ti si conficca dentro.
Consiglio smodatamente la trilogia di Tiffany (L'intrepida Tiffany e i piccoli uomini liberi, Un cappello pieno di stelle, La corona di ghiaccio), la Trilogia della guardia (A me le guardie!, Uomini d'arme, Piedi d'argilla). Poi il ciclo delle streghe che ha inizio con Sorellanza stregonesca e così via.

Neil Gaiman. Io lo adoro oltre ogni umana comprensione. È quello scrittore che, senza saperlo, scrive soltanto per la mia gioia. Consigliatissimi Stardust, Nessun Dove, Buon Apocalisse a tutti! (scritto insieme a Pratchett), American Gods e L'oceano in fondo al sentiero. Il fantastico. Punto.

L'età sottile di Francesco Dimitri.

Quandoil diavolo ti accarezza e God Breaker di Luca Tarenzi.

LaTrilogia di Bartimeus di Jonathan Stroud.

Il castello errante di Howl e seguiti di Diana Wynne Jones. Ricorderete forse il capolavoro di Hayao Miyazaki. Ecco, il libro è meglio. Molto, molto meglio. Abbiatelo.

Ovviamente, se riuscite a recuperarlo, Gli inganni di Locke Lamora di Scott Lynch. E se ancora non avete firmato la petizione, vi chiedo cortesemente di dare un'occhiata qui. Dal mio umile punto di vista, l'esimio Martin gli fa un baffo.

Mi piange il cuore a consigliarne così pochi e a non scriverne abbastanza. Il problema è che sono ancora in pigiama e ho un autobus da prendere tra più o meno mezzora. Capirete la mia fretta, spero. È quasi Natale e la libreria ha bisogno di me. Certo, potevo anche farne a meno di scrivere questo post così visibilmente tirato via, così come sicuramente potevate farne a meno voi. Però... via, mi andava.
Buon 'quel che resta del' periodo natalizio. 

7 commenti:

  1. Ho adorato il castello errante di Howl!!! Il libro deve essere mio!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei miei film preferiti in generale e quello che preferisco in assoluto tra quelli di Miyazaki. Il libro è molto diverso ma, secondo me, perfino meglio *__* Abbilo.

      Elimina
  2. Un po' ne ho letti. Lynch giace a circa 1 metro da me, ma se ne parla per... boh. Per inciso, mi sembra che di Pratchett manchino un paio di titoli imprescindibili: "Maledette piramidi" e "Hogfather".
    Passa da me, che abbiamo qualcosa in comune! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto leggendo God Breaker *O* Mi garba assai.
      Ho letto stamattina ma non ho fatto in tempo a commentare. Sigh. Io lo voglio leggere in italiano ;__;

      Elimina
    2. Non succederà e lo sai. Comunque in italiano ti perdi un terzo dei giochi di parole, Pratchett è uno di quelli... :)

      Elimina