domenica 10 novembre 2013

Angelize di Aislinn

Beh, buongiorno. Anche stavolta scrivo un post al mattino, nella breve bolla di tempo in cui sono troppo rimbambita per studiare ma abbastanza sveglia da leggere-concepire trame. Via, andiamo a cominciare, che i preamboli mattutini mi riescono sempre malissimo.
Angelize di Aislinn, edito Fabbri Editori nel 2013. In realtà pochi giorni fa.
Di questo libro avevo già parlato nel resoconto di Lucca, ove mi ero limitata a un piccolo cenno sul velocissimo più-o-meno incontro con l'autrice. Ma vorrei sottolineare una cosa cui avevo scordato di fare cenno: i biscotti portati da Aislinn, oltre ad essere stra-buoni, erano a forma di ala di angelo. Un tocco di classe.
Angelize è stata una lettura inizialmente molto veloce, febbrile. Le prime 100 pagine le ho bevute tutte in un'unica mandata, 'ancora una e poi basta', 'finisco di vedere come va avanti questa cosa e poi torno a studiare'. E, anche se non sono particolarmente italiofila, come ambientazione, devo dire che ho apprezzato il fatto che le vicende siano ambientate a Milano, patria dell'autrice, visto che si tende molto a fare espatriare le nostre storie verso altri lidi più 'fighi'.
La trama. Gli angeli ammazzano le persone. Lascio questa frase così, perfetta e immobile. Meravigliosa. Dicevo. Non è che le ammazzano a caso, hanno le loro ragioni per farlo. Un angelo è un essere incorporeo e invisibile, che vaga silenziosamente per il mondo. Uccidendo una persona – o meglio, facendo in modo che una persona si tolga la vita – avrà l'occasione di incarnarsi da qualche parte in un bambino e le loro vittime prenderanno il loro posto e il loro nome angelico, cosa che è successa ad Haniel, a Hesediel, a Rafael e ad altri personaggi. Solo che i suddetti mezzi-angeli (disprezzati dagli angeli 'puri') hanno trovato il modo di riacquistare un corpo, recandosi dalla Dea che abita il Cimitero Monumentale. E la narrazione inizia qui, dal giorno in cui sono tornati 'fisici'. Haniel – che non ha riacquistato il proprio corpo, bensì il corpo di una ragazzina – che fila subito a bere e a divertirsi, Rafael che lo segue preoccupato, Hesediel che torna tristemente a fissare l'appartamento in cui abitava con la sua fidanzata prima di morire.
Solo che gli angeli 'puri' hanno un concetto tutto loro di disegno divino e, visto che i mezzi-angeli incarnati non vi sono contemplati, intendono eliminarli a spadate.
E dunque la trama è questa, angeli che vogliono uccidere mezzi-angeli che cercano un modo di salvarsi.
Il libro mi è piaciuto e, soprattutto, mi ha divertita un sacco. Ho apprezzato moltissimo il finale, decisamente inaspettato. E non posso fare a meno di chiedermi cosa comporterà il finale 'PS', visto anche che contempla un personaggio di cui si è visto poco ma che ho gradito assai.
Tuttavia, non posso tacere un paio di rimostranze. Ad esempio, ho trovato la trama un po' troppo lineare. E i personaggi... non so, non li ho 'vissuti' fino in fondo. Sento di aver conosciuto solo Rafael e Haniel, ma gli altri rimangono un po' nell'ombra, non sono riuscita a farmi un'idea precisa di Hesediel. Credo che a entrambe le cose sarebbe stato facile porre rimedio mostrando, diciamo, l'inutile. Il 'non necessario' ai fini della trama che però è bello sapere. Porto a esempio American Gods di Neil Gaiman (oggi è il suo compleanno. Che sia festa nazionale!) in cui la vicenda principale era punteggiata da brevi intermezzi dedicati non a personaggi importanti, ma a ultra-comparse-secondarie. Che poi credo fosse anche uno dei motivi per cui American Gods è stato tanto criticato... ma oh, MIO blog, MIEI gusti.
Concludo dicendo che mi è piaciuto assai e attendo gioiosamente il seguito.
E che sì, ovviamente lo consiglio agli amanti del genere.
... anche se parlare di 'genere' è un po' azzardato.
Diciamo 'a chi sente il bisogno di angeli che sanguinano e si pestano nelle proprie giornate'.
E con quest'orrida conclusione, via, andrò a procurarmi dolore neuronale studiando.
Buona domenica.

3 commenti:

  1. Leggo questa recensione solo ora! E wow. Lo voglio. Sì.
    La settimana prossima cerco di rimediare. E chi se lo aspettava? :)

    RispondiElimina
  2. Letto solo adesso, con due anni di ritardo, e trovato molto bello. E infatti mi compro l'ebook del secondo volume e spero di leggerlo quanto prima.
    Maledetta pila di libri da leggere, maledetta!

    RispondiElimina
  3. Buongiorno. Per curiosità l'ho acquistato. Troppo lungo e troppo prolisso. Non sono riuscito ad entrare in empatia con nessun personaggio. Sono d'accordo sul fantasy ma questo è assurdo. Meglio i maghetti e gli anelli... Non ce l'ho fatta a terminarlo. Finito nella differenziata.
    Melanio G.B.

    RispondiElimina