mercoledì 11 settembre 2013

La regina degli scacchi - Walter Tevis

**Questa recensione (che devo riconoscere essere scritta malissimo) è stata scritta nel lontano 2013, quando ancora non esisteva Netflix e Walter Tevis in Italia lo calcolavano in pochissimi. Sicuramente siete qui dopo aver visto la serie su Netflix, e in questo caso vi avverto: il romanzo è meglio, così tante volte meglio che bisogna cambiare ordine di valori, passare da Celsius a Fahrenheit, ampliare il significato di "meglio" abbracciandone il concetto con tutta la Torre di Babele. Qualunque cosa abbiate pensato della serie - che ho abbandonato poco dopo l'arrivo di Beth alle superiori perché mi sono bastate due scene-cafonata alla Mean Girls - leggete il romanzo. Leggetelo e adoratelo.**
 
Ho appena finito di leggere La regina degli scacchi di Walter Tevis. Minimum Fax, 2007. Traduzione, molto buona, di Angelica Cecchi. Ho appena finito di leggerlo ed è una sensazione meravigliosa. Il cervello che galleggia in un tiepido oceano lattiginoso, le parole per descrivere il libro ancora in fase di svezzamento, il volto indeciso sulle espressioni. Non ne capitano spesso, di letture così. E ciò è male, molto male.
 
 
Dunque.
A otto anni Beth rimane orfana e viene spedita in un orfanotrofio, in cui facciamo la poco gradita conoscenza del sistema americano, quello che somministra tranquillanti ai bambini per farli stare buoni. Beth è tranquilla, intelligente, acuta. Ha evidenti problemi di socializzazione, non cerca mai di interagire spontaneamente. Le si avvicina di tanto in tanto la sua compagna di stanza, Jolene, una ragazzina nera più grande, alta e brava negli sport. In pratica, Beth non ha nulla, finché un giorno non si mette ad osservare, nel seminterrato, il signor Shaibel – il custode – che gioca a scacchi da solo. Gli chiede ripetutamente di insegnarle e lui poco a poco si schiude, anche se non certo dal punto di vista umano, accettando di giocare con lei qualche partita e poi regalandole un complicato manuale. Beth ha una memoria fotografica perfetta e smette perfino di aver bisogno di guardare la scacchiera per giocare. Le rimane fissa in testa, coi suoi pezzi fermi qua e là per le varie case, in attesa della sua mossa. Qualche tempo dopo, viene adottata.
Non vorrei andare troppo avanti, ma mi è difficile decidere quando fermarmi. C'è la scuola, c'è la signora Wheatley – qualche volta, 'mamma' – e ci sono gli scacchi. Soprattutto, gli scacchi. I tornei, lo studio, le – poche – sconfitte e le infinite vittorie. Poi c'è la dipendenza da quella sensazione di beata perdizione che solo i tranquillanti e l'alcol possono dare. E poi gli scacchi, e ancora gli scacchi. L'ossessione della sua vita.
Ecco, io in un certo senso sento quasi di capire Beth. Non che io sia mai stata un genio, anzi, so benissimo che tutto ciò che so viene dal tempo e non da un qualche misterioso talento. Però leggendo sentivo il bisogno che Beth ha degli scacchi riflettersi nel mio attaccamento ai libri e a tutto ciò che li riguarda. Così come Beth studia le vecchie partite dei Maestri, anche a me capita di perdermi nelle frasi che mi trovo sotto gli occhi, chiedendomi perché le parole abbiano finito per disporsi in quella particolare forma. Cosa c'è dietro quella forma sintattica, quali vocaboli sono stati scartati prima che la frase diventasse completa? Cos'ha pensato lo scrittore, mettendo la parola fine?
Non so. Mi chiedo come vivano le persone senza ossessioni. Quale sia la loro benzina, da dove prendano forza quando si trovano in difficoltà.
Magari è il caso che io la pianti di divagare.


Una cosa che ho adorato di questo libro – scritto con ineffabile abilità in terza persona – è il suo aderire interamente alla regola dello 'Show don't tell'. Ma non in maniera forzata né asettica, bensì con una certa naturalezza. Mostrandoci davvero la scena e lasciandoci liberi di trarne le dovute considerazioni. I caratteri dei personaggi, poi, sono perfetti. O meglio, sono imperfetti. Sono persone reali, quelle che ci troviamo davanti. Benny, la signora Wheatley, Jolene e ovviamente la stessa Beth. I suoi attacchi di rabbia soffocati quando si trova in difficoltà durante le partite, la sua insonnia, il suo perdersi e... e beh, Beth e basta.

Leggetelo. Punto. Non riesco neanche a trovare le parole giuste per descrivere l'intensità di questo libro...

6 commenti:

  1. Mai sentito nominare prima e ora lo voglio. Mi piacciono i protagonisti imperfetti e le scene mostrate e non raccontate, per me sono due indizi di un buon libro. Me lo segno!

    RispondiElimina
  2. Come vivono le persone senza ossessioni? non lo so, so che i libri sono la Cura per me, so che ovunque io sia, anche nei casi in cui sono iperfelice di esserci, penso che pero', se fossi a casa a leggere...
    ..e quando mi viene da piangere o sono triste, ecco ancora la Cura: se sono a casa leggo, se sono fuori entro in una libreria e li guardo.

    RispondiElimina
  3. Punto primo: forse è ora che la smetta di leggere certi blog, che poi chi lo dice a mia moglie che il conto ho fatto direttamente un bonifico di tutto il conto in banca per pagare i debiti in libreria? XD

    Punto secondo: le ossessioni sono il sale della vita.

    Punto terzo:... mah, lo voglio!

    RispondiElimina
  4. Come vivano le persone senza ossessioni...
    è una cosa che mi chiedo spesso anch'io, e ne conosco molte purtroppo (non tra i miei amici).

    Mi hai incuriosita con questo libro, credo che proverò a procurarmelo ^^ *lo aggiunge alla lista*

    RispondiElimina
  5. Ho sempre ammirato chi sa giocare bene a scacchi. Sarà che io non sono mai stata particolarmente portata.

    Comunque... Sembra interessante. Mi piacciono le storie che raccontano le ossessioni di qualcuno, mi sembra quasi di riuscire a guardare dentro alla testa di qualcuno e così mi pare quasi di vedere un po' come funziona il mio cervello.
    Sfoglierò le prime pagine in libreria :)

    RispondiElimina