mercoledì 24 luglio 2013

La bambina senza cuore - Emanuela Valentini

Dunque, La bambina senza cuore di Emanuela Valentini, primo libro edito da Speechless, scaricabile gratuitamente in versione ebook.
Non so se ne ho mai fatto mostra da queste parti, però mi piacciono le storie nere, quelle che ti riconciliano col lato macabro della vita. Cimiteri, gatti neri che filosofeggiano, fantasmi chiacchieroni, bambini con un'inquietante propensione all'omicidio... cose di questo genere. Eppure mi sembra di non averne mai parlato, qui, del mio affetto verso quel particolare lato del 'fantastico'. Quello che abbraccia la morte e quanto c'è di più doloroso per trasformarlo in magia.
Ecco, credo che Emanuela Valentini abbia un sacco di gusti in comune con me. Le streghe. Gli animaletti di pezza. I cimiteri. I fantasmi. L'Inghilterra uggiosa e grigiastra.
La bambina senza cuore è una fiaba nera come ne ho lette di rado – o forse mai – con tanta, tanta morte. Mentre la scrittura, per quanto 'bella' e ricercata, risulta semplice e tipica della letteratura per ragazzi, con una certa propensione alla spiegazione e alla chiarezza, la storia e le tematiche sono ben più da horror. Volendo, cambiando il tono di voce, potrebbe tramutarsi in una storia terrificante. Personalmente ho gradito un sacco questo sdoppiamento, quel tono da fiaba in contrasto con l'atrocità di quanto viene narrato. Per un po' rimani a leggere quasi con calma, persa tra le righe. Poi ci ripensi e ti rendi conto dell'immane spargimento di sangue.
Vediamo, dunque.
C'è Whisperwood, questo paesino inglese circondato da una fitta foresta in cui nessuno osa mai avventuarsi. Nel 1890 vi è morta una bambina, le è stato strappato il cuore. Letteralmente. Al suo funerale partecipa l'intera cittadina, comprese Emily e Rosie Maud, madre e figlia. Malviste, considerate streghe. Poi c'è il 1990, preminente nella narrazione. Nathan è un ragazzino di 14 anni, figlio del sindaco di Whisperwood. La madre è morta anni prima, uccisa dal misterioso essere che massacra chiunque osi uscire di notte. Però una sera Nathan, dopo aver litigato col padre, esce comunque di casa e, per sfuggire a quanto lo insegue per dilaniarlo, fugge nel bosco, sperando che gli alberi gli forniscano un riparo. Non starò a spiegare bene come e cosa, ma Nathan raggiunge il vecchio cimitero e ne incontra i vari abitanti. Bianco, l'angelo di pietra. Il Poeta, un fantasma che declama versi. Un cane-gargoyle. E Lola. Soprattutto Lola.
Sinceramente non so fin dove parlarvi di questo libro, né quale personaggio mettere in luce. Personalmente ho adorato Rosie Maud, soprattutto quella particolare trovata. Quella, secondo me, è puro genio. E il Poeta e Bianco sono personaggi meravigliosi, così tendenti alla vita anche se non ne fanno parte. E anche William, il sindaco, riesce a farmi simpatia. Più di Nathan, forse.
Bene, credo sia meglio non andare oltre. Rimaniamo su quanto avevo detto prima, una fiaba nera. Piena di sangue, odio, vendetta. Non soltanto, ecco. Ci sono quelle piccole cose belle che...
Ma no, la chiudo qui, via.
Fossi in voi correrei a scaricarlo.

Qui.

14 commenti:

  1. Questo libro mi ispira un sacco!
    Di solito non mi piacciono gli accenti macabri inseriti nei libri per bambini, ma questo non è per bambini, quindi vanno più che bene.
    L'aggiungo alla mia lista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io gli accenti macabri li gradisco sempre, a meno che non siano inseriti in modo forzato. Mi è piaciuto veramente un sacco.

      Elimina
  2. be' dipende, ad esempio in fiabe tipo "Pinocchio", "Cenerentola" "Barbablu" ecc. non mi piace. Perché proprio non gradisco il fatto che vengano utilizzate certe situazioni e certi argomenti (come la morte, o la violenza) per inquietare e in un certo senso "educare" i bambini a non fare questo o quello, altrimenti gli capiterà questo o quest'altro.

    RispondiElimina
  3. Ah comunque l'ho scaricato e sarà la mia prossima lettura subito dopo "Mansfield Park" di Jane Austen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmh, capisco ò_ò Non so, non ho mai pensato alla cosa dal punto di vista minaccioso/pedagogico.

      Mansfield Park è il libro della Austen che mi è piaciuto meno T_T Credo perché non sono riuscita a voler pienamente bene ai protagonisti.

      Elimina
  4. oh ma che meraviglia, mi salvi da notti insonni in cui non ho niente da leggere! corro a scaricarlo, sperando che la connessione regga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha xD Mi sento utile!
      Fammi sapere che ne pensi, poi :)

      Elimina
  5. Non so, mi ricorda un cartone animato visto di recente, in cui c'erano una strega, un mondo parallelo, una bambina scomparsa anni prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... lo voglio vedere ò_ò Come si chiama?

      Elimina
  6. splendida recensione! Originale! Grazie!

    Emanuela V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh! Grazie a te per essere passata *w*
      (E complimenti. Anche se non so farli T^T)

      Elimina
    2. Sai farli meglio di quanto pensi. ;)

      A presto!

      E.

      Elimina
  7. Intanto l'ho fatto mio... se poi lo leggerò, dipende da molti fattori, in ogni caso dubito a breve termine!

    RispondiElimina