sabato 13 luglio 2013

Black Friars - L'ordine della spada - Virginia de Winter

E dunque, buongiorno. Finalmente un po' di pioggia, sono giorni che mi sciolgo in pozze di sudore, sembro un ectoplasma esorcizzato.
Allora, il primo volume di Black Friars, L'ordine della Spada di Virginia De Winter edito da Fazi Editore nel 2010. L'ho finito ieri pomeriggio, chinata sul tavolo di cucina a trangugiare bicchieri d'acqua gelida e a mangiarmi le unghie. Il mio parere sul libro è abbastanza uniforme, ma ammetto che un paio di appunti da fare ce li ho.
All'epoca in cui è uscito – e a dire la verità fino a pochi mesi fa – non credevo che l'avrei mai letto. Non so bene perché, pensavo si trattasse della solita insipida storia d'amore in ambientazione goticheggiante. E non è che la storia d'amore non ci sia, anzi. Però non è preminente. Certo, è importante, ma se non ci fosse il libro avrebbe un suo senso ugualmente, la trama non ne sarebbe intaccata. Togliete Axel ed Eloise e rimane un gran bel romanzo gotico. Togliete Bella ed Edward e vi ritrovate un paesello in cui piove molto. Capite?
E dunque, dicevo, inizialmente non ero molto attirata da Black Friars. Presuntuoso da parte mia giudicare libri dalla copertina o dall'idea che mi sono fatta della copertina o dall'idea dell'idea che... ok, basta così. Solo che dopo qualche tempo ho letto alcuni commenti dell'autrice in giro e, come dire, l'ho trovata simpatica. E poi ho scoperto che uno dei miei migliori amici la conosce. E che quando lei gli ha detto di aver scritto un libro e lui si è detto deciso a leggerlo, lei ha riso, avvertendolo che decisamente non faceva per lui e che non gli sarebbe piaciuto. E ha ragione, non è assolutamente il suo genere. Però detto da me e detto dall'autrice è tutta un'altra cosa. Mi ha fatto ulteriormente simpatia e, boh, mi sono detta che forse era il caso di leggerlo.
E mi è piaciuto. Un sacco.
Tanto per cominciare l'ambientazione e il modo in cui è descritta. Credo si sia ispirata a Roma – anche perché viene chiamata la Vecchia Capitale e ci sono molti nomi in latino, ma anche tanti altri in inglese, quindi non saprei – e riesci a sentire il rumore degli zoccoli dei cavalli per le strade, il cicaleccio della folla, l'odore di pietra umida. In certi punti ho trovato si dilungasse un po' troppo, ma non sempre. Diciamo che questo è uno di quei casi in cui lo 'show don't tell' non ha troppo valore. Per me se uno è bravo nel 'tell', che telli pure. E la De Winter è brava. Talvolta un po' esagera, ma brava.
Tra l'altro ho apprezzato veramente un sacco il fatto che l'ambientazione venisse spiegata poco a poco, man mano che la trama andava avanti. Niente urfidissimi info-dump iniziali, niente incipit di venti pagine sul panorama. La narrazione inizia con Christabel ed Eloise, facciamo subito la loro conoscenza e attraverso il loro dialogo cominciamo a farci un'idea del luogo in cui siamo capitati.
Due paroline sulla trama, ma non troppe che sennò spoilero. Siamo in una città simil-rinascimentale, in cui hanno luogo silenziose lotte di potere tra fazione religiosa – Cardinale – e fazione laica, primariamente rappresentata dagli scholares, spesso costretti a combattere dalla guardia cittadina, vicina al Cardinale. Eloise, nonostante le origini altolocate, decide di diventare studentessa lei stessa e si trasferisce alla Vecchia Capitale per diventare medico. Quando inizia la storia, lei presta già servizio in ospedale. Sedici anni prima ci sono state delle rivolte, ma solo ad un certo punto se ne scopre l'entità e l'orrore. Comunque sia, è la vigilia di Ognissanti e Eloise sta facendo ritorno allo studentato, quando viene scambiata per una vampira da un'orda di flagellanti che tentano di ucciderla. In suo soccorso arriva Ashton, un vampiro, che fortunatamente la salva e trova che in qualche modo – ma non vi dico quale – gli possa tornare utile. Poi c'è il Presidio, con le sue creature inquietanti. Poi c'è... beh, c'è un'ambientazione bella variegata che adesso non vi sto a spiegare.
Allora, i personaggi. Certi non sono molto caratterizzati, alcuni si portano dietro un'unica caratteristica e vengono riconosciuti soltanto attraverso quella, tipo Gil e Ross. Però ce ne sono altri, tipo Bryce – che è il mio preferito in assoluto, mi ha fatta schiantare dalle risate – che si svelano un pochino per volta e riservano delle sorprese. Eloise, poi, mi piace. E mi è piaciuto il suo rapporto con Axel, dopotutto. Certo, Axel è un irritante maniaco del controllo, ma è in quei momenti che Eloise lo manda a stendere facendogli fare la figura del pirla. Tra l'altro mi è piaciuto il modo in cui è stata raccontata poco a poco, un 'Ma perché questo?' cui seguiva un 'Oh, capisco', cui seguiva un ulteriore 'Ma perché allora..?' con un successivo 'Ah, ecco! Ma allora..?' e via così.
I difetti... come dicevo prima, talvolta un po' esagera con le descrizioni e ci sono dei punti in cui avrebbe potuto limitarsi a lanciare un indizio piuttosto che spiegare tutto per filo e per segno. Però ho letto che lei stessa se ne è resa conto e che ha cercato di evitare di compiere lo stesso errore in seguito, perciò tanto di cappello per l'autocritica.
E ammetto che ho delle riserve sul finale, secondo me un po' forzato. Ovviamente non posso dirvi in come e in cosa.
Quindi, vediamo. Lo consiglio a chi adora il gotico. Perché di gotico si tratta, con le sue reazioni spropositate e i suoi dialoghi non sempre credibilissimi. Gotico e vampiri credibili. Era dai tempi dei Diari della famiglia Dracula della Kalogridis, davvero. Mi mancavano vampiri decenti. Che non brillano né si dimostrano ultra-sessuati. Tra l'altro mi piace il loro sguardo verso gli umani e verso l'eternità.
Questi sono vampiri. Eccheddiamine.

22 commenti:

  1. La De Winter io la conosco per le sue fanfiction scritte divinamente. E ho lì da leggere i suoi libri. Forse quest'estate sarà la volta buona!!! XD
    Però lei è simpaticissima e carinissima, hai ragione!

    RispondiElimina
  2. In effetti sto tentando con la scrittura perché con il cabaret mi è andata male. Andrea, l'importante è che non te li fai cadere sul piede perché non siamo assicurati per danni verso terzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QueenVy, sai che i danni da te provocati sono considerati benedizioni, vero? Se tutto va bene, mi dedico al primo in ferie!

      Elimina
  3. Prova a saggiare il peso dell'Ordine della Spada e poi ne parliamo. Ovviamente non mi riferisco a quello letterario. Mia sorella appena ha visto la prima copia è corsa a metterla sulla bilancia: 998 grammi compresa copertina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Lo so, lo so. Ma esiste sempre l'ebook, che se non la valigia...

      Elimina
  4. 998 grammi forse neanche Robert Jordan...
    Tra parentesi, c'era un'invasata di vampiri che per un po' mi ha perseguitato (amichevolmente) su anobii, che credo fosse particolarmente fan di Black Friars - ragion per cui il titolo non mi è nuova.
    Ecco, chiudo il mio commento inutile.
    Tante buone cose! ^^

    RispondiElimina
  5. ... ok, trovare l'autrice che chiacchiera sotto la recensione è un'esperienza vagamente imbarazzante. Ora lo so.
    (Per quanto <3)

    Salomon: Non esistono commenti inutili. A parte questo che sto scrivendo. T'è andata bene che non era invasata di vampiri-fuffa, comunque xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, credo che in realtà non facesse gran distinzioni... mi conforta sapere che il suo "idolo" fosse un buon libro e non vampiri-fuffa! I vampiri-fuffa sono il male. (Ma meno male dei DRM :P)

      Elimina
    2. Ah beh, allora u_u
      Nell'ebook di Forni ho letto dei 'social' drm che son ganzi, però. Cioè che non ti si distrugge l'ebook, però rimane scritto chi l'ha scaricato, così si sa a chi risalire. Geniale ò_ò

      Elimina
    3. Sì, ma più che DRM si tratta di un watermak! ^^

      Elimina
    4. Credevo che i watermark fossero solo quelle scritte che compaiono sulle immagini ò_ò
      ... sono ignorante.

      Elimina
    5. Sì, non fare caso alle mie parole. Solo che il concetto di "personalizzazione" mi sembra opposto a quello di "costrizione" del DRM di Adobe/Amazon.

      Elimina
    6. Non ti imbarazzare, ci sono già io che sono imbarazzante per tutti.

      Elimina
    7. Hhh somma *__*
      ... nono, credimi, con l'imbarazzitudine posso batterti. E con facilità.

      Elimina
  6. Chissà se Gil e Ross è una citazione (Rosencrantz & Guildestern)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso che ho dovuto usare Google ;__;
      Non saprei ò_ò

      Elimina
    2. No, Gil non sarebbe abbastanza intelligente per comprendere di essere citazione di qualcuno, a Ross non sembrerebbe educato. Se insieme agli altri compari li chiamano "Smandrappati" una ragione c'è.

      Elimina
  7. Sento parlare di questa serie da un po' e non riesco mai a decidermi e a capire se potrebbe piacermi o meno. Certo è che solitamente amo uno stile ben definito, le metafore e un periodare lungo e particolareggiato... quindi, a livello teorico, dovrebbe piacermi.
    E la tua raccomandazione è sicuramente un grosso incentivo, non lo nego v.v
    E l'autrice gentile e auto-ironica, pure.

    ...sono quasi convinta, mi sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, cara <3
      Non ricordo mai se ti piacciono le storie di vampiri, sai? Uhm, secondo me ti piacerà ma farai comunque caso a quei difetti che di cui sopra. Io sto smaltendo un po' di vecchie lettura accumulate, presto inizierò il secondo *w*

      Elimina
    2. Non mi dispiacciono, ma nemmeno mi fanno impazzire. Mi pongo nel mezzo :D
      Ricorderò questo tuo avvertimento e attenderò la tua opinione sul secondo, perché se ti piacerà (altrettanto o anche di più) direi che sarai riuscita a vendermi la serie xD

      Elimina
  8. Ok, ce l'ho, l'ho comprato un botto di tempo fa e, dato che ti è piaciuto, mi hai dato un motivo in più per convincermi a tenerlo in considerazione sul serio tra le prossime letture.
    Gotico. Vampiri credibili. Un mix perfetto! :D

    RispondiElimina
  9. Chiuso Black Friars - L'ordine della Spada, di Virginia de Winter...per carità, aldilà delle capacità di scrittura (non si scrivono 700 pagine così su due piedi), questo libro l'ho trovato abbastanza banalotto, con inutili lungaggini e sentimentalismi da libro Harmony...

    RispondiElimina