mercoledì 12 dicembre 2012

Piccoli scorci di libri, ovvero recensioni assai brevi e poco impegnative #7


In questo momento sto fissando il secondo letto nella mia stanza. Parallelo alla parete, perpendicolare al letto che uso per dormire, è stato piazzato qui perché non c'era altro posto e lo uso come un ampio scaffale morbido sul quale ammucchiare i miei libri. E sta strabordando. Qualcuno è prestato, qualcuno regalato, buona parte – mea culpa – comprato. Soprattutto i classici. Ieri non ho resistito alla tentazione, dopo la cocente delusione della Fiera del Libro, quasi spoglia di tutte quelle vecchie edizioni in copertina rigida (esempio nella foto) e sono stata alla libreria dell'usato che c'è da queste parti. Il meraviglioso mago di Oz di Baum, Teresa Raquin di Zola e 1984 di Orwell, in edizioni così belle che non posso fare a meno di fissarli con sincero affetto e assoluta ammirazione.
Sul letto-scaffale, i libri presi in prestito in biblioteca non si contano. Sono tanti. Troppi. Due pile abbastanza alte da rischiare di crollare. Forse leggere è davvero una dipendenza, una droga al pari della cocaina.
Ma diamo un po' di senso a questo post, che diamine!

Pomodori verdi fritti al caffé di Whistle Stop di Fannie Flagg – traduzione di Olivia Crosio – Sonzogno, 1992

Ne avevo sentito parlare così tanto che mi usciva dalle orecchie. Quei libri che tutti conoscono e tutti ti consigliano, fino a farti venire una qualche allergia al titolo stesso. Non sapevo di cosa parlasse, di che paese fosse l'autrice, dove fosse ambientato... nulla. La mia leggera avversione – anzi, più diffidenza che vera avversione – era del tutto immotivata. Poi mia sorella è andata a comprarlo, l'ha letto e adorato, me l'ha nuovamente consigliato e infine me l'ha spedito dalla Germania. E allora, giustamente, l'ho letto. E mi è piaciuto un sacco.
Lo stile è scorrevole, allegro, quasi colloquiale. Tre livelli narrativi si alternano – a certuni può dare fastidio, io personalmente adoro quando i punti di vista rimbalzano da un soggetto all'altro – tra la prima persona di Evelyn Couch, la sua vita privata, il suo inferno interiore e le sue visite alla casa di riposo, dove incontra l'adorabile signora Threadgoode, che le racconta del caffé di Whistle Stop, gestito dalla temeraria Idgie e dalla tranquilla Ruth. Il secondo livello narrativo è appunto incentrato su Idgie e Ruth, sulla famiglia di Idgie, su alcuni abitanti di Whistle Stop e le loro vicende personali. Il terzo è più particolare: il bollettino settimanale di Whistle Stop, sul giornale della signora Dot Weems. Mezza pagina, una pagina al massimo. I piccoli accadimenti di una cittadina dell'Alabama negli anni '30, '40, '50. Un mondo in miniatura in cui qualsiasi piccolezza può diventare una notizia.
I personaggi sono meravigliosi. Qualche colpo di penna e sono tutti lì, umani e imperfetti, vivi e vividi. L'arco narrativo è ampio, si va dalla metà degli anni '20 alla fine degli anni '80, con tanti buchi temporali ma nessuna domanda lasciata senza risposta.
Consiglio spassionatamente questo libro. È caldo, luminoso, il tintinnio delle stoviglie di Whistle Stop, il rumore lontano del treno e il rombo sotterraneo della problematica, inquietante America di quegli anni, dal razzismo alla crisi. E poi di nuovo all'allegria di Idgie e al sorriso di Ruth. No, davvero. Leggetelo.

Agnes Browne mamma di Brendan O'Carroll – traduzione di Gaja Cenciarelli – Neri Pozza, 2008

Primo di una serie che conta ben tre successori, questo libro sprizza Irlanda da ogni poro. Davvero. La prima parola che mi viene da usare per descriverlo è 'irlandese'. Se non l'avessi preso in biblioteca, lo piazzerei accanto ai miei libri di Roddy Doyle, soprattutto a Bella famiglia!. La protagonista è la famiglia Browne e la storia inizia dalla morte – praticamente una benedizione, ad essere sinceri – del marito Rosso. Sette pargoli, di cui un'unica femmina, Cathy. Poi ci sono Mark, Simon, Rory, Trevor, Frankie e Dermot. E l'amica di Agnes, l'inimitabile Marion. Entrambe lavorano al Jarro, zona povera di Dublino, in bancarelle di frutta e verdura. Le loro chiacchiere allegre, tra il volgare e l'ingenuo, le loro visite al pub, la tragedia che si abbatte ad un passo dalle risate...
In un certo senso mi viene da paragonare questa lettura a Zia Mame di Patrick Dennis. Forse per la sua struttura a episodi – anche se quelli di Zia Mame sono molto più lunghi – o forse per l'atmosfera allegra e il buonumore che riesce a trasmettere. Le analogie finiscono qui, perché laddove Agnes Browne è tanto irlandese da grondare birra, Zia Mame, nonostante l'autore sia americano, sfoggia una compunta aria inglese da ora del tè con biscotti.
Che dire? Consiglio pure questo. Sono entrambi libri da buonumore, questo è senz'altro più leggero e meno impegnativo dell'altro. Vedete voi, comunque se avete voglia di farvi due risate questo è il libro giusto.

12 commenti:

  1. Posso commentare solo con un bel :)

    RispondiElimina
  2. Anche io mi sono avvicinata al libro della Flagg con gli stessi tuoi dubbi e la stessa avversione! :D
    E anche a me è piaciuto troppo!!

    RispondiElimina
  3. Elisa: Uhm. Riflettendo sul fatto che sono entrambi libri che ho cominciato a prendere in considerazione su tuo suggerimento, mi sovviene l'argomento del prossimo post xD

    Serena: Forse perché diamo per scontato che le cose che piacciono tanto e a tanti sottintendono una qualche trappola... mah ò_ò Però sì, bellissimo *w*

    RispondiElimina
  4. Lo ammetto, ho visto il film tratto dal libro della Flagg e ho il libro in casa, ma non l'ho ancora letto >.< Se è piaciuto anche a te, però, devo dargli una chance al più presto!

    RispondiElimina
  5. "Zia Mame, nonostante l'autore sia americano, sfoggia una compunta aria inglese da ora del tè con biscotti"
    Quanto sono poco d'accordo

    RispondiElimina
  6. Camilla: Io tempo fa mi sono accorta che stavano dando il film in tv e ho spento repentinamente xD A me è piaciuto un sacco u_u anche due sacchi. Tre sacchi. Un vagone di sacchi.

    Laz: Dici? A me dà proprio quell'idea da completo in ordine, bombetta sulla testa, piattino di porcellana in una mano e tazzina nell'altra e conversazioni tipo 'Oh, Sir BigBen, vuole concederci la gioia del narrarci di quando un toro le ha maleducatamente squarciato la milza?' 'Oh Lady Tamigi, niente meno!'
    ... cioè, tipo, non importa di cosa io stia parlando, lo farò con classe e col mignolino alzato.
    Magari è anche prerogativa dei 'gentiluomini del Sud', ma a me i gentiluomini del Sud stanno un po' sulle * per ragioni storiche ò_ò

    RispondiElimina
  7. Classe sì,a pacchi,ma poco british(Fatico a spiegarti il perchè,ho letto il libro troppo tempo fa e non ce l'ho sottomano)

    RispondiElimina

  8. In effetti anche secondo me Zia Mame è poco british, ride troppo per essere inglese :D

    Sono convinta da tempo che leggere sia una dipendenza e ormai anch'io ho il famoso problema della mancanza di spazio. Ho provato con gli ebook, magari prima o poi mi convertirò, ma non sono la stessa cosa.

    Ilaria http://lalettricefelice.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Uhm ò_ò magari sono io che ho una percezione dell'umorismo british diversa... o, PUTIAMO CASO, erronea... però a me sa tanto di british old-style...

    Guarda, se riesci a convertirti buon per te. Io credo che non facciano proprio per me... mi sono riscoperta curiosamente tradizionalista, per quanto riguarda i libri .__.

    RispondiElimina
  10. Io ho visto il film di "Pomodori verdi fritti" e mi è sembrato molto particolare. Il libro sarà sicuramente anche migliore.

    RispondiElimina

  11. Uhm, come esempi di umorismo più sul british puoi dare un'occhiata a qualche romanzo di P.G. Wodehouse (anche se bisogna precisare che Wodehouse per molto tempo non visse in Inghilterra) ;-)

    Ilaria

    RispondiElimina
  12. "Pomodori verdi fritti..." è nella mia wish list da un po', mi fa piacere sapere che ti sia piaciuto! :)

    Se ti va passa da me, ho lanciato una sfida di lettura per il 2013, mi farebbe piacere se partecipassi, la trovi qui:

    http://www.peekabook.it/2012/12/2013-women-challenge.html

    Grazie in ogni caso! :)

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina