domenica 30 dicembre 2012

In difesa delle saghe


Quest'oggi ho voglia di cincischiare su quel sottile confine tra poco e nulla che si chiama 'riflessione notturna'. In questo caso, una disquisizione interiore su un argomento che mi sta piuttosto a cuore, come lettrice. Ovvero, come da titolo, le cosiddette saghe. Che si tratti di trilogia, quadrilogia, septilogia e e via dicendo. Lunghe narrazioni che necessitano di diverse migliaia di pagine per essere articolate a dovere e che vengono suddivise in più libri, magari distinti da impronte diverse.
Parliamoci chiaro, so bene che certe 'saghe' sono ascrivibili nell'infinita lista delle immani boiate. Storie semplici, elementari, povere di avvenimenti e scadenti nello stile, che però vengono tirate fino a sfilacciarne i fili. Un lifting malriuscito, che non riesce a nascondere la pochezza della storia, ma anzi lo mette in evidenza. Dicesi, in questi casi, 'allungare il brodo'. Una pratica tristemente diffusa, visto che perfino le imitazioni delle imitazioni dello sterco riempiono interi scaffali in libreria.
Non è strano che si sia diffuso un certo malanimo nei confronti delle saghe in genere. È anzi normale, una reazione fisica normalissima. Leggo e sento spessissimo commenti sprezzanti nei lettori, quando vengono a sapere che un certo libro comporterà uno o più seguiti. Come se una continuazione implicasse matematicamente la schifezza di una storia. E non dico che le statistiche non possano portare in qualche modo in quella direzione, mi trovo anzi ad allargare le braccia impotente innanzi alla moltitudine di brodi tanto annacquati da aver perso ogni sapore.
Però non posso dirmi del tutto d'accordo.
Io adoro le saghe. Non posso farci niente. Quando mi viene detto che una certa storia è composta da più libri, magari tutti belli spessi, il mio cuore sfarfalla. Sono una che si affeziona facilmente ai personaggi e anche tanto. Vederli scomparire all'ultima pagina è sempre doloroso e mi sento divorare dal bisogno di sapere cosa accadrà poi. Nel dopo. Sarà un 'vivranno tutti felici e contenti' o si ripresenteranno altri problemi? Se poi mi si lascia con interrogativi in sospeso, lì mi irrito, mi inalbero, mi bolle il sangue.
Credo sia un bisogno gemello della mia ossessione per le introspezioni psicologiche pignole. Conoscere tutto dei personaggi e delle loro vite. Dall'inizio alla fine. Saperne soltanto fino alla conclusione della storia mi fa storcere le labbra con un po' di rimpianto. Non posso farci nulla, sono fatta così. Per questo mi hanno fatto piacere gli epiloghi di Harry Potter o di Hunger Games, che a tanti amici hanno fatto letteralmente schifo.
E poi ci sono così tante opere meritevoli che posso citare per sostenere la causa delle 'saghe'. Prendiamo Harry Potter, che considero un esempio di saga perfetta. Sette anni in sette libri, ricchi di personaggi, di avvenimenti, di colpi di scena. Progettata nel minimo dettaglio fin dal primo capitolo, caratterizzazioni precise e certosine, un'ambientazione vivace, studiatissima e allo stesso tempo spiegata ai lettori con entusiasmo.
Oppure la Trilogia di Bartimeus, di Jonathan Stroud, che secondo me meriterebbe le stesse lodi e la stessa fama del già citato Harry Potter. La crescita del protagonista, il primo libro una perfetta presentazione del contesto e dei personaggi principali, nel secondo una svolta, una crisi e l'ampliamento della situazione storica e politica e infine il terzo, di cui non dirò nulla se non che, come i volumi che lo precedevano, è un capolavoro.
La saga di Chrestomanci e la trilogia del Castello Errante di Howl di Diana Wynne Jones. Geniali. Una filo sottile ma resistente di continuità nell'ambientazione e nella comparsa di alcuni personaggi che diventano da protagonisti a secondari a seconda del libro, una fantasia così luminosa ed estrema che sembra nutrirsi della linfa stessa del genere fantastico.
E i capolavori di Terry Pratchett? No, per dire, Terry Pratchett. Quella che da noi è chiamata Trilogia della Guardia ma che in realtà sarebbe composta da otto libri – cosa diavolo aspettano a pubblicare gli altri volumi? Che odio profondo. - e il Ciclo di Tiffany, il Ciclo di Morte e quello delle Streghe... così geniali, così divertenti, così profondi e vividi, con quei personaggi così goffi, imperfetti, macchiati con l'inchiostro della creazione...
Di quello che ha creato George R. R. Martin non voglio neanche parlarne. Il realismo nei suoi personaggi e straziante. Li conosci tutti e in un certo senso vorresti che tutti potessero vincere. Riunirsi attorno ad uno stesso tavolo e spiegarsi, una guerra finita a tarallucci e vino. Ma sai che si ammazzeranno, che il sangue scorrerà a fiumi e sarà un immane lutto letterario.
Volendo poi spostarci verso un altro genere, quello del gotico-horror, Anne Rice. Le sue Cronache dei Vampiri, la Saga delle Streghe Mayfair. Vero che negli ultimi volumi è andata un po' troppo oltre, ma per questo dovremmo forse negarle la somma ammirazione cui ha diritto? Una concezione originale ed efficacissima di 'saga', la narrazione che passa da un personaggio all'altro a seconda del libro. Intervista col Vampiro raccontava della vita di Louis, da Scelti dalle Tenebre in poi di Lestat. E poi Il vampiro Armand, Il vampiro Marius, Pandora... il racconto che va avanti con voci diverse.
Citerei in questo genere anche I diari della famiglia Dracula di Jeanne Kalogridis, una trilogia ricca nello stile e negli avvenimenti, corposa, intensa, che non avrebbe mai potuto limitarsi a poche centinaia di pagine.
E saltando di palo in frasca, James Ellroy. La quadrilogia di Los Angeles. La Dalia Nera, Il Grande Nulla, L.A Confidential, White Jazz. E la trilogia di Lloyd Hopkins. Crimini, indagini, collegamenti di sangue, protagonisti che cambiano sullo stesso sfondo di un'America corrotta.
E Jeffery Deaver, coi suoi thriller che hanno per protagonista Lincoln Rhyme, il geniale detective tetraplegico. Tutta quell'attenzione puntigliosa ai sospetti, ai dettagli, agli indizi più impensabili, quella sfida che si rinnova ad ogni libro, rivolta al lettore. Riuscirai a scoprire il colpevole? Un gioco e la vita di Lincoln che si muove e si rinnova, da un libro all'altro.
E come non citare Joe R. Lansdale. L'esimio, il geniale, l'assoluto Lansdale? Hap Collins e Leonard Pine, il duo più riuscito della storia dei noir-pulp-quello-che-è. Dinamici, violenti, ironici. Un po' tristi e un po' allegri, malinconici e ridanciani. Sfidare il mondo a cazzotti, ideali mascherati da sangue e proiettili. Battute stupide e battute sagaci. Come fai a non volergli bene?
Quello che volevo dire è che io conosco tutti questi personaggi, li conosco davvero. Come fossero amici di vecchia data, come potessi sporgermi dalla finestra e invitarli per un caffè. Ho avuto occasione di sapere così tanto su di loro e sulle loro vite, e questo grazie alla struttura che è stata data alle loro storie. La nostra è un'amicizia più profonda, più solida rispetto a quella che ho con tanti protagonisti di romanzi singoli. Più tempo passi con una persona, meglio la conosci, più ti affezioni. Non è normale?
Di Chocolat di Joanne Harris, di Hunger Games di Suzanne Collins o dei Bastardi Gentiluomini di Scott Lynch evito di parlare, perché ne ho già disquisito abbastanza negli ultimi tempi. Sapete già quanto bene io ne pensi, no?
Non ho ben chiaro nemmeno io quello che voglio dire con questo post. Solo che mi fa piacere quando uno scrittore decide di prendersi tutto il tempo e le pagine del mondo per potermi presentare storie e personaggi con quanta più attenzione e accuratezza possibile. Mi piace perché riesco a intravedere l'affetto che anche l'autore prova per i suoi personaggi, man mano che scorrono le pagine. E l'affetto dell'autore nutre e ricalca il mio.
Beh, quello che volevo dire, l'ho detto. Forse non vuole dire nulla, probabilmente potevo anche fare a meno di scriverlo.
Però, onorati lettori, non odiate le saghe in quanto tali. In caso, detestate autore e casa editrice in quanto incompetenti. La struttura seriale non è il male assoluto, è solo un viaggio più lungo. E se l'autore sa dove andare, io lo preferisco ad una fuggevole scampagnata.

16 commenti:

  1. Concordo sul pensiero in generale, contro i luoghi comuni sulle saghe, e se permetti aggiungo anche la saga de La torre nera di Stephen King.

    RispondiElimina
  2. Io ci metto "The Wheel of Time" di Robert Jordan, perché a gennaio finisce. 14 libri. No, dico. 14. Più un prequel (una boiata).
    E poi, va detto, le storie dell'antichità sono saghe. La mitologia norrena, che va dall'epoca in cui gli Aesir fanno a palle di neve con i Giganti dello Jotunheim alla calata degli Unni in Europa. Personaggi, figli, tutta una serie di vicissitudini tutte collegate. Questo per non parlare dei Greci, che non erano da meno. Erano da più.
    E con questo ti auguro tante buone saghe per il 2013!

    PS.
    Uno dei miei autori fantasy preferiti è David Gemmell, buon'anima. Le sue saghe sono composte da libri a se stanti, ciascuno dei quali ha un inizio e una fine. Anche se si possono leggere secondo (almeno) due cronologie, di cui una interna, nulla vieta di leggerli in ordine sparso. Come Darkover, più o meno. L'altra cosa che mi piace, è che c'è un epilogo finale, dove in poche righe (poche!) riassume alcuni sviluppi della storia. Qualcuno già obietta, ma io li trovo adorabili!

    RispondiElimina
  3. Prima di tutto non bisogna confondere fra saghe e trilogie, tetralogie, ecc.

    Harry Potter è una saga, perché è un ciclo che narra la storia del mago da quando entra alla scuola di magia a quando si "diploma".

    Lo stesso dicasi per le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.

    Una semplice trilogia non lo è, o potrebbe non esserlo.

    Credo che spesso sia una trovata commerciale. Non ha senso, altrimenti, proporre un'intera storia che prende 7-8 pagine spezzettata in 3 libri, come accade da vari anni alle trilogie di Terry Brooks.

    RispondiElimina
  4. Anch'io non ho nulla contro le saghe , anzi!!!
    Sono una segui saghe indefessa! :-)
    L'unico appunto contro le saghe mio è che la pubblicazione nel tempo di tutti i volumi che la compongono è incerta, più di una volta sono rimasta con un pugno di mosche dopo i primi volumi usciti perché la casa editrice a ritenuto di interromperne la traduzione!!!!
    Ci dovrebbe esser la regola che se io do fiducia all'editore sulla bontà di una saga acquistando il primo volume , lui deve esser così professionale da portarla alla pubblicazione completa!
    Poi l'altro problema delle saghe sono i traduttori , nel senso che certi editori ( es Fanucci) invece di designare un'unico traduttore competente e che conosce a fondo l'opera , affidano la traduzione dei vari volumi a traduttori differenti, che non si coordinano tra loro .... con risultati pessimi ... ( oppure nessuno si preoccupa di correggere gli errori palesi del traduttore ufficiale, vedi Altieri con la saga di Martin...)
    E poi c'è ( come ai detto tu) il viziaccio dell'allungamento del brodo , es : la trilogia di Christopher Paolini che si è trasformata in quadrilogia! I primi due volumi mi erano molto piaciuti e aspettavo il terzo per arrivare al sodo ...ed invece tac! trasformazione in quadrilogia con un terzo volume che dire inutile è dir poco, son rimasta talmente male che il quarto nemmeno mi sogno più di prenderlo dato l'andazzo!
    Però quando l'opera è bella è un piacere unico seguirne l'evolversi, ti fa compagnia nel tempo, aspetti l'uscita con trepidazione e sai che in quel dato periodo ci sarà una lettura favolosa a farti compagnia....amo le saghe!

    Augusta

    RispondiElimina
  5. Non credo di aver mai letto una saga o almeno non mi vengono in mente esempi. Tranne "Piccole donne" e "Piccole donne crescono", ma non so se definirei questi due libri una saga...

    RispondiElimina
  6. Ora che ho scoperto che quella di Tiffany è una saga, posso morir felice..!!

    Grazie!!

    RispondiElimina
  7. Personalmente, io amo molto le serie/saghe :) Mi piace seguire i personaggi, come hai scritto tu!

    Amo meno il fatto che ormai sia diventata una "moda" e che una storia sia per forza da dividere in 3 parti per essere adatta alla pubblicazione. Secondo me ogni storia ha la sua "durata" e i suoi tempi - quindi ci sono storie adatte a essere sviluppate in 10 libri e oltre, altre adatte a una trilogia, altre che farebbero meglio a ridursi a un solo libro :)

    RispondiElimina
  8. A mio parere è proprio sulla psicologia del lettore che vanno a mirare le saghe. L'affezione ai personaggi, l'attesa, una lunga storia divisa in più libri per non scoraggiare i lettori dall'enormità di un unico volume. C'è molto marketing, e noi ci caschiamo in pieno! Anche io le amo molto, alcune "architetture" sono davvero geniali e frutto di un lavoro ammirevole. ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è una questione di economia. Se ti sei strasbattuto per creare un'ambientazione fantasy (ne so qualcosa) e dopo un po' ti viene in mente un'altra idea per una storia, ambientarla nello stesso mondo è la soluzione più semplice e comoda. Questo per saghe recenti-contemporanee, s'intende. Quelle antiche sono d'altro genere.

      Elimina

  9. Concordo con te, ovviamente è importante che lo scrittore sia bravo, altrimenti la saga si trasforma in una pizza immonda. Ho amato molto Harry Potter proprio per la cura dei dettagli, che talvolta diventano più chiari a una seconda lettura. I romanzi di Anne Rice invece meh, fino a un certo punto li ho seguiti volentieri, poi l'argomento mi è un po' venuto a noia.

    A proposito di Harry Potter, volendolo classificare (operazione peregrina e forse inutile, ma facciamo finta di nulla) secondo te come lo si potrebbe definire? Semplicemente fantasy mi sembra un po' riduttivo.

    Ilaria http://lalettricefelice.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. Se si può considerare una saga, citerei Malaussene di Pennac.
    Se non si può, amen :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saga o non saga ( forse in questo caso "serie") sono libri divertentissimi ! Da leggere assolutamente! :-)
      Augusta

      Elimina
    2. Sono perfettamente d'accordo :-)

      Elimina

    3. Concordo!

      Ilaria

      Elimina
  11. Io aggiungo il ciclo di Dune di Frank Herbert!

    RispondiElimina
  12. Spezzo una lancia pure io per Jordan e la sua "Wheel of time", che finira' senza il suo autore (morto prematuramente al capitolo -mi pare- 11) grazie alla moglie ed a un amico scrittore.

    E introduco P.F. Hamilton con la trilogia "L'alba della notte", una space opera colossale che non so quanto si riesca a trovare in italiano (fu pubblicata da Urania). Splendida, cosi' come il ciclo del Vuoto, sempre di Hamilton.

    Barney

    RispondiElimina