domenica 12 luglio 2015

Piccola dea di Rufi Thorpe

Ho finito di leggere questo libro ieri sera, e ho urgenza di parlarne subito. Non voglio che mi scompaia dalla testa, voglio scriverne mentre ancora mi chiedo quale sia il messaggio di fondo, e se l'autrice lo volesse uguale per tutti, o se ne esista uno soltanto per l'autrice. Trattasi di Piccola dea di Rufi Thorpe, tradotto da Cristina Vezzaro e pubblicato in Italia da Sonzogno. Che tra l'altro me l'ha inviato a'ggratis perché ne parlassi, ed è uno di quei casi in cui non so quanti “grazie” mandare, perché è un libro potente e meraviglioso, di quelli che ti lasciano coi polmoni sgonfi a ripeterti “Che libro. Dio, che libro”. E chissà quando l'avrei letto, se non me l'avessero inviato. Quindi, beh, grazie siori Sonzogno. Ho estremamente apprezzato.
E dunque, la voce narrante è quella della protagonista, Mia, che racconta della sua vita rapportata a quella di Lorrie Ann, la sua piccola dea. Non solo perché è bellissima e sembri provenire da un altro mondo – la sua famiglia è unita e felice a livelli da sit-com – ma perché è tanto buona da essere perfetta. Non giudica, non deride, offre sempre conforto, e quando si rende conto di avere ricevuto un resto sbagliato da un negoziante, corre a restituirgli la differenza. E Mia la idealizza, e per contrasto si sente malvagia, “quella cattiva”, con un piccolo coso nero al posto del cuore. E questa è la vita di Mia in rapporto a quella di Lorrie Ann, che si fa sempre più aspra e difficile. Mia che viene accettata a Yale e studia... beh, in realtà non ho ben chiaro quale sia precisamente il suo indirizzo di studi, ma ha qualcosa a che fare con la storia e con la scrittura cuneiforme, mentre Lorrie Ann rimane nella città in cui sono nate, Corona del Mar. E ogni passo falso di Lorrie Ann, Mia lo vive come un affronto personale, come un errore imperdonabile. È la sua dea, e dovrebbe essere infallibile.
Mi viene spontaneo collegare Piccola dea a L'amica geniale di Elena Ferrante, di cui ho ampiamente – ed entusiasticamente – chiacchierato qui. Perché questo libro è la storia di una ragazza la cui vita ha continuato a scorrere in parallelo a quella della sua amica più importante, anche quando erano separate. E la voce narrante, questa volta, è di quella che si percepisce come “quella cattiva”. Come se fosse Lila a parlare, e non Lenù. Ma è anche un libro ambientato in un paese da cui è più facile fuggire e sradicarsi, e questa differenza è sostanziale.
È anche un libro crudo, onesto, potente. Mia non nasconde nulla, guarda con onestà al proprio aborto adolescenziale, alla vita di Lorrie Ann, alle conseguenze di un attaccamento morboso alla vita che non è vita.
E Mia sbaglia. Sbaglia spesso, nelle sue pretese, nelle sue riflessioni. Prende una strada, e scopre di dover tornare indietro. È questo che mi lascia perplessa e insieme esaltata. Mia sbaglia continuamente, è possibile che si sbagli anche alla fine, sulla conclusione del romanzo? Che la sua riflessione si riveli ancora una volta distorta?
Mi fermo prima di dire troppo. Ma ho adorato questo libro e diamine, lo consiglio ampiamente, senza remore, di cattiveria. Con estrema convinzione. È incredibile che sia un esordio.

6 commenti:

  1. Da lettore, da uomo, non l'ho capito forse fino in fondo - infatti ho scritto, quando è stato, che è un limite mio, ma che lo consiglio a tutti, nonostante quelli che per me sono i misteri inspiegabili delle due coraggiosissime protagoniste - e questo tuo post, questo entusiasmo, ne è la dimostrazione concreta. Esordio assolutamente notevole, sì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non nego che le tue tre stelline su anobii mi abbiano fatto rodere il fegato, mi è piaciuto a livelli estremi xD
      Se è davvero un problema riuscire a entrare in un romanzo narrato da una prospettiva femminile, (e se lo è per te, immagino lo sia per molti) credo sia importante che di 'sti romanzi ne escano e se ne leggano di più. Ma questo prescinde dalla possanza del romanzo. Leggomi la tua recensione.

      Elimina
    2. Ma sono d'accordo con te. Anche se non so, alla fine, quanto servirebbe, sai? Siamo diversi e uno puoi limitarsi a provarci, a capirsi, e poco più. Io ci provo, almeno, ma non sempre ci riesco, per quel che vale. Ci vuole una donna a semplificarcelo un po'. E non è questione di un romanzo scritto da una prospettiva al femminile - devo controllare, ma scommetto che la maggioranza dei romanzi letti quest'anno sono di donne: la confusione è legata a questo romanzo in particolare, che oggettivamente è pieno pieno di pregi. Proverò a leggerlo quando sarò più adulto, magari, e vediamo. :)

      Elimina
    3. Se penso che fino a un paio di settimane fa blogger non mi permetteva di postare commenti T_T Apprezzo immensamente questo momento di scambio.
      Io personalmente penso che servirebbe. Non è detto che un libro, pure scritto da una donna, racconti in maniera così intima e onesta il privato di una donna. Qui è proprio il tema centrale. Per dire, non mi è mai capitato di leggere di una lettrice che non abbia capito Il lamento di Portnoy in quanto era scritto dalla prospettiva molto intima di un uomo. Il fatto stesso che si immagini l'esistenza di una narrativa femminile come un genere a parte è sintomatico di una distanza da colmare.
      Sia chiaro che non ce l'ho con te in particolare, sto parlando del contesto, eh!

      Elimina
  2. Non pensavo di leggere una recensione così positiva. Dalla trama mi pareva una storia abbastanza superficiale.
    Della Sonzogno ultimamente ho letto (tra l'altro ho programmato la recensione per domani) Reykjavík Café, anche quella è una storia tutta al femminile, ma non mi ha entusiasmato.
    Forse perché ho trovato le quattro protagoniste tutte troppo simili tra loro e troppo passive nella loro condizione di donne inermi alla vita.
    Comune ora sono curiosa di farmi un'idea su questo romanzo e vedere se la mia è più vicina alla tua o a quella di Mr. Ink XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ancora non ho letto Reykjavik Café ma finora ne ho letto solo bene °^° Diamine.
      Guarda, superficiale non lo è per niente. Anzi, tutto il contrario. Scava proprio, è un libro di quelli "duri". Comunque sarò curiosa di leggere quello che ne penserai (e quello che pensi di Rey-impronunciabile Café ò_ò).

      Elimina