mercoledì 18 febbraio 2015

Dimenticami Trovami Sognami di Andrea Viscusi

È da un po' che fisso la copertina chiedendomi in che modo potrei iniziare a parlare della storia che contiene. Dimenticami Trovami Sognami di Andrea Viscusi, edito della Zona 42, la loro prima pubblicazione italiana. (By the way, grazie per l'omaggio!)

Racconta una storia che non è facile descrivere, e non soltanto per la complessità che svela verso la fine, ma per l'atmosfera. La cosa più bella di questo libro è l'atmosfera, e dubito fortemente che riuscirò a renderle giustizia. Incerta, nebbiosa, onirica. Un po' Eternal sunshine of a spotless mind (mi rifiuto di usare il titolo italiano) e un po' Inception, perché ogni volta che si parla di sogni non sai mai davvero dove ti trovi, cosa stai leggendo.

Ma veniamo alla trama.

Tutto ha inizio nel 2016 col risveglio di Dorian, il protagonista che è rimasto addormentato per dodici anni, al centro di un particolarissimo programma spaziale volto alla raccolta di dati sull'universo. A capitoli alterni, ci viene raccontato di quando Dorian è stato scelto nel 2003, delle sue speranze di partire fisicamente per lo spazio, della sua ragazza Simona, della reazione dei suoi familiari quando ha ricevuto la lettera dall'organizzazione del progetto, e poi di quello che accade nel presente del libro, il 2016. Dorian che torna alla vita di tutti i giorni, che si guarda intorno in un'Italia che gli sembra sempre uguale, che si addormenta e non si trova.

Il libro è diviso in tre parti, così come il titolo. C'è la prima parte dedicata a Dorian, la seconda che indaga le tesi scientifiche che supportano il progetto e che, sarò sincera, sono di una plausibilità disarmante e perfino, per quanto poco io capisca e ami la scienza, belle da leggere. Verrebbe da crederci, salvo poi ricordarti che stai leggendo un romanzo di fantascienza. Dicevo, la seconda parte esplica le tesi scientifiche, ma non in modo pedante e artificioso. Voglio dire, la funzione della seconda parte è quella, ma il metodo è reso interessante dall'interazione di un paio di personaggi.

Mi rendo conto che sto svelando troppo, quindi mi fermo. Non parlerò del legame che intercorre tra le varie parti del libro, di Dorian e del programma, o dei personaggi centrali in Trovami, della particolarissima sensazione che si prova in Sognami.

Lo consiglio? Cristo, sì. Estremamente. Di brutto, di cattiveria. Il modo in cui la teoria scientifica si cuce a una trama che se non è solida è soltanto per scelta, ma supporta elasticamente tutto ciò che avviene. Lo stile che dosa con una precisione chirurgica la descrizione. E ribadisco, l'atmosfera che ti lascia a ondeggiare sulla narrazione.

Mi è piaciuto un sacco. Punto.

14 commenti:

  1. "Lo consiglio? Cristo, sì. Estremamente. Di brutto, di cattiveria. "
    Qualcosa mi fa sospettare che il libro ti sia piaciuto, ma forse sbaglio io, eh? :D
    :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nego con veemenza, è palese che sommando tutte le terze lettere della quarta parola saltando una riga sì e una no viene fuori il messaggio "non mi è piaciuto, leggo solo romanzi rosa". Sbalordisco vedendo che ti è sfuggito u_ù
      (no, dai, è una figata. punto. ma proprio "punto". mi veniva fino da recensirlo così xD)

      Elimina
  2. che bello essere raccomandati di cattiveria!

    grazie per le belle parole e soprattutto per l'accostamento ad Eternal Sunshine, che putacaso è il mio film preferito. mi piace pensare che non sia un caso, questa connessione...

    RispondiElimina
  3. Leggy, ci piaci quando consigli libri con possanza! :P

    Io questo libro ce l'ho in lista principalmente perché conosco Andrea e sono curioso di vederlo alle prese con la narrazione lunga (anche se già Pixel era ben strutturato).

    Non sono neanche sicuro di aver visto Eternal Sunshine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Talvolta possanzeggio u_u
      Davvero non l'hai mai visto? In Italia lo conosciamo, squallidamente, come SE MI LASCI TI CANCELLO. Come ammazzare un film.

      Elimina
    2. L'ho evitato proprio per quell'orrido titolo... :P

      Elimina
  4. Ti confesso che leggendo questa recensione mi hai fatto venire voglia di leggere il libro!
    La cosa che in particolare ha acceso la mia curiosità è stata il paragone con "Eternal Sunshine Of A Spotless Mind", e proprio a tal riguardo mi viene da fare una piccola critica alla casa editrice: perché è stato scelto come titolo "Dimenticami Trovami Sognami"? perché intitolarlo come un qualunque banalissimo "young adult" e non scegliere un titolo evocativo che richiami l'atmosfera incerta, nebbiosa e onirica del libro? :-(
    nw

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che lì per lì il titolo aveva lasciato perplessa anche me, anche se ormai mi fido del giudizio della casa editrice. Infatti il titolo ha un suo decisissimo perché. Il DTS è un elemento molto importante nel romanzo, e pure "dimenticami, trovami, sognami" così allungati hanno un senso.

      Elimina
    2. ciao nw, sono l'editore di DTS, e bé, sul titolo non sai quante discussioni abiamo avuto, con l'autore e tra noi. Alla fine Dimenticami Trovami Sognami è stata l'unica scelta che ci ha trovati tutti concordi: DTS rispecchia i temi del romanzo, è coerente con il suo sviluppo, è sufficientemente evocativo senza essere né troppo esplicitco né troppo criptico.
      Se vorrai leggere il romanzo saremo naturalemente curiosi di conoscere la tua opinione ma, soprattutto, di capire se il titolo avrò poi conquistato il tuo favore.
      In ogni caso, se pensi che il titolo originale del romanzo era Retcon, direi che per i lettori le cose potevano andare decisamente peggio! :-)

      Elimina
    3. ...e tutto questo senza accennare niente dei potenziali titoli che erano stati ipotizzati in fase di lavorazione!

      Elimina
  5. Sono incuriosita, perché le tue raccomandazioni "cattive" sono da tenere in considerazione v.v E poi sono curiosa di leggere anche l'introduzione di Elvezio Sciallis. Tu come l'hai trovata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Camilla, se ti interessa trovi l'intro di Elvezio qui.

      Buona lettura!

      Elimina
    2. Grazie! Ho appena finito di leggerla: un'ottima presentazione (non m'aspettavo niente di meno) :)

      Elimina