venerdì 25 aprile 2014

Desolation Road di Ian McDonald

Dunque.
Desolation Road di Ian McDonald, tradotto – meravigliosamente – da Chiara Reali, primo libro edito da Zona42, più o meno un mesetto fa. Un libro, tecnicamente, di fantascienza. Più o meno. Anzi, più e basta. A un'ambientazione effettivamente fantascientifica – la sovrappopolazione sul nostro pianeta si è fatta insostenibile, e Marte è stato colonizzato con successo – si accompagnano uno stile fluido, leggero, bello. Di solito non cerco la 'bellezza' nella scrittura, perché temo sempre che vada a scapito della leggibilità. In questo caso no, ci sono dei punti in cui le parole sono così belle e potenti da trasportarti nel mezzo della scena e... beh, è una buona cosa. Una rara e ottima cosa. E poi l'inventiva e l'assurdità, lasciate scivolare nella storia così delicatamente che non sfiorano mai il grottesco o l'abominio. Fantascienza e realismo magico. Tanto realismo magico.
Allora, veniamo alla storia. Desolation Road racconta dei ventitré anni di.... beh, di Desolation Road. Una fermata decisamente non prevista lungo la ferrovia nel mezzo del Grande Deserto del Quartosfero Nord-Occidentale che poco a poco si fa città. A iniziare tutto è stato il dottor Alimantado, uno studioso perso per il deserto e guidato da una strana creatura antropomorfa verde fino a una specie di oasi. Vicino ai binari della ferrovia c'è l'enorme corpo meccanico di una creatura vicina alla morte, e Alimantado vi si installa in attesa del prossimo treno.
Poi arriva Jericho, ex-capo di un'organizzazione di famiglie criminali inseguito dai sicari.
Poi arriva Rajandra Das, col suo dono per le macchine.
Poi arriva la famiglia Mandella, col patriarca Haran, Rael ed Eva, incinta.
Poi... beh, poco a poco arriva un po' di gente.
Alimantado è considerato il capo morale della minuscola cittadina, e sono lui, Jericho e Rael a organizzare Desolation Road in piccoli lotti e ad assegnarli a tutti quelli che, per caso o volutamente, finiscono a fermarsi.
Arriva Persis Tatterdemalion, arrivano i fratelli Gallacelli, arrivano i Tenebrae e gli Stalin, i Quinsana e... eccetera.
Di ogni personaggio è raccontato l'arrivo e abbozzato il passato. Ognuno si crea un piccolo spazio all'interno di Desolation Road. I bambini nascono, crescono, alcuni restano e alcuni se ne vanno. I piccoli Mandella che vengono stregati dallo spettacolo itinerante di Adam Black, con le sue Lezioni Stravaganti, e mentre il fratello viene maledetto da una razionalità estrema, la sorella rimane preda del misticismo totale.
Angeli meccanici e gli scorci di una religione fatta da macchine, forse perché le macchina erano su Marte da prima che arrivassero gli uomini, e il legame tra i due organismi si è fatto più stretto.
Una corporazione enorme, che domina il mondo intero, fatta di corruzione, spersonalizzazione, distratta malvagità improntata al profitto.
Le storie su Desolation Road iniziano semplici, con pochi personaggi, accadimenti piccoli o grandi che colpiscono una manciata di persone. Poi la lente si allontana da Desolation Road per seguire coloro che se ne vanno, e impariamo quello che succede al di fuori, e man mano che Desolation Road si ingrandisce, i suoi problemi diventano sempre più gravi.
Non è un libro di cui è facile parlare. Inizia in sordina, un minuscolo assembramento di case in cui spuntano strane creature – l'angelo meccanico, La Mano che suona la chitarra e richiama la pioggia... - e poi comincia a parlare di morte e terrorismo, di corporazioni senz'anima e lotte sindacali. Di liberazione e di devastazione.
Desolation Road dura ventitré anni e riesce a cambiare il mondo.
Vorrei essere in grado di rendere pienamente giustizia a questo libro, ma non credo di esserci riuscita. Solo che... è così 'tanto'. Non lo racchiudi in una recensione. Dovresti scriverci un altro libro.
Ad ogni modo, lo consiglio barbaramente e con possanza. È così bello e strano e fantasioso, però non abbandona la storia alle divagazioni oniriche.

La smetto di divagare, va bene. Ma cavolo, bellobellobellobello.

13 commenti:

  1. ne ho sentito parlare ultimamente ma passandoci davanti in libreria, qualche giorno fa, ho accelerato il passo come non ne sentissi il richiamo ... però questa recensione gli rende giustizia, mi fa propendere per rallentare il passo la prossima volta che lo sfioro sulla mensola, quasi quasi esco a comprarlo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere :D
      Ti dirò, la copertina mi piace, però forse non rende appieno il TUTTO che è questo libro. Fammi sapere :)

      Elimina
  2. Di solito la fantascienzfaa la preferisco nei film, ma la tua frase "Desolation rioad dura 23 anni" mi ha fatto venir voglia di leggerlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di solito la fantascienza non l'accosto neanche xD Per questo libro mi sono fidata e... beh, trascende dalla fantascienza, dal realismo magico, dal... boh. Trascende.
      Fammi sapere :)

      Elimina
  3. Bellissima rece, ti ringrazio per esserti ricreduta sulla fantascienza almeno per questo libro. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se un libro è bello, è bello u_u
      Il secondo libro di fantascienza che mi piace... ancora un paio e potrò dirmi guarita dall'allergia xD

      Elimina
  4. Se dovessi scegliere seguendo l'istinto, un fantasy(o quasi) non lo prenderei mai. Ora però mi hai incuriosito parecchio...
    magari gli dò una chance. =)
    Complimenti per il blog, sono tua follower! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro il fantasy, è la fantascienza che mi è sempre stata indigesta... eppure.
      Grazie mille, sei gentilissima :D

      Elimina
  5. Sono davvero felice che il nostro primo libro ti sia piaciuto tanto (anche Chiara gongola assai!)

    A Lisa vorrei dire: occhio che i ventitre sono anni marziani! :-)

    Posso permettermi un po' di spam?
    Visto che Desolation Road tarda ad arrivare in tutte le librerie dello stivale, volevo informare i tuoi lettori che per ora lo trovano sul sito di Zona 42 e, in versione digitale, nei maggiori store on-line.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, mentre leggevo continuavo a ripetermi che sarebbe anche stato il caso di controllare a quanti anni terrestri corrispondessero, ma mi sono sempre dimenticata xD
      Comunque non è spam ciò che è utile.
      Ed effettivamente l'assenza di Desolation Road in Italia era veramente una mancanza di quelle gravi, quindi... boh. Gratitudine ù_ù

      Elimina
    2. Come dice giustamente Salomon qui sotto, basta cosiderarli per semplicità il doppio degli anni terrestri e sei a posto.

      (Gratitudine ricambiata! :-))

      Elimina
  6. Mi sa che me l'hai venduto.
    In realtà non è solo colpa tua, ma ci sono quei due o tre dettagli che mi chiamano.

    (Direi che gli anni marziani durano circa il doppio. C'è una delle leggi di Keplero che regola il tutto, ma fingerò di essermela dimenticata...)

    RispondiElimina