lunedì 16 dicembre 2013

All I want for Christmas is... BOOKS! (horror)

Dunque, seconda puntata dei consigli. Quest'anno non ho ancora avuto modo di godermi appieno lo spirito natalizio. Niente albero, niente biscotti alla cannella, la casa non è invasa dai soliti panettoni rifilati da parte di coloro cui erano stati originariamente rifilati in un allegro rimpiattino candito... però via, non lamentiamoci più del consueto. O almeno proviamoci.
Oggi mi va di consigliare qualche libro horror, genere di cui un tempo andavo ghiotta ma dal quale mi sono poco a poco staccata. Anche perché sopporto la tensione quanto un budino, però quando ci vuole...




L'ultimo lupo mannaro di Glen Duncan e il suo seguito, L'alba di Talulla, che ho finito di leggere giusto ieri. Del primo avevo ciacolato entusiasticamente qui. In sostanza, lupi mannari realistici. Tanto, tanto sangue. Frattaglie che volano, un sacco di sesso letteralmente animalesco, violenza e combattimenti e... sì, c'è anche una trama. Una bella trama. Però ho apprezzato soprattutto il resto. Ed è scritto, mi va di sottolinearlo, davvero bene.

C'è poi Dal profondo delle tenebre di Michael Laimo, che se ci ripenso mi vengono i brividi pure adesso. Ne avevo chiacchierato per Halloween, l'anno scorso, qui. Un ottimo horror, secondo me. E, per quello che ne so, anche piuttosto originale.

Joe R. Lansdale. Impossibile non conoscerlo. Però c'è chi lo conosce per la serie di Hap e Leo, chi lo conosce per qualche romanzo singolo di particolarmente famoso, ma magari non sa quanto Joe si diverta a mischiare generi e a giocare con l'horror. La notte del drive-in non è esattamente horror, vira verso la fantascienza, però il fattore orrorifico è forte. E poi c'è La morte ci sfida, tra horror e western. Badasso forte.

Lasciami entrare di John Ajvide Lindqvist, che è già bello famoso ma su cui ho letto pareri contrastanti. A me era piaciuto moltissimo. Duro, cattivo, pesante. Non come scrittura, ma per il contesto. Il vampiro, lì in mezzo, è il minore dei mali. Anzi, non arriva neanche ad essere male. La parte brutta della società, il ragazzino un po' disgraziato che deve fronteggiare la violenza quotidiana, il tristissimo pedofilo... un bel libro, però da leggere in determinati periodi e da regalare solo a chi se la sente.

Stephen King sarà anche un'ovvietà, ma in un post sui consigli horror sarebbe eresia non citarlo. Non ho letto moltissimo di suo, dopo Pet Sematary. Essenzialmente perché l'ho letto di notte ed ero sola in casa. Mai più. Il terrore. In compenso mi viene ampiamente consigliata da anni la saga della Torre Nera, da amiche dei cui gusti mi fido assai. Quindi magari fateci un pensierino, volendo c'è anche la versione a fumetti. Oh, e ovviamente anche Le notti di Salem è un gran bel libro sui vampiri.

Ebbene, i consigli sono finiti e, ne convengo, la lista è molto corta. Forse separare il post horror dal post gotico non è stata proprio un'ideona. Frattanto, mi limito ad annuire verso i pochi titoli sopra elencati.


E buon periodo natalizio.

8 commenti:

  1. Lansdale! Impossibile... coff... non averlo mai letto? :P
    Magari uscirò anch'io con un post di questo tipo, grazie dei consigli! Non ne seguirò, non nell'immediato, ma non per colpa tua. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, Lansdale debbi leggerlo! La notte del drive-in soprattutto u_u
      Attendo il tuo post.

      Elimina
  2. ahahah, gran titolo di post! :)

    RispondiElimina
  3. Ho letto molto di King e per me è rimasto LO SCRITTORE del genere horror; non ce n'è! Merita la saga della Torre Nera e personalmente trovavo più accattivante il "vecchio" King. Dopo "Mucchio d'ossa", ho letto sempre meno le sue opere perché hanno virato più sul thriller psicologico che non sull'horror, ma restano comunque produzioni eccellenti. Mi permetto di consigliare "La bambina che amava Tom Gordon", il sopra citato "mucchio d'ossa", "Cose preziose", "Cujo", "Misery" e il tomo horrorifico per eccellenza "IT". Poi va bè...ci sono anche Mr. Lovecraft o Mr. Edgar Allan Poe da citare...
    Silvia M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, La bambina che amava Tom Gordon l'avevo letto alle superiori. Madonna T^T
      Misery me l'hanno spoilerato fino alla nausea T_T
      Però It è in lista da un po' ù_ù

      Elimina
  4. Leggo il blog sempre con piacere! Ti è scappato un refuso: uno dei titoli che hai citato di Lansdale è "La morte ci sfida". Continua così!
    Loris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, grazie per avermelo fatto notare! Correggo immantinente ù_ù

      Elimina