venerdì 22 novembre 2013

Quando il diavolo ti accarezza o L'ora del diavolo di Luca Tarenzi

C'è stato un certo periodo, tra l'inizio e la metà della mia adolescenza, in cui proprio non volevo credere che il mondo fosse 'tutto qui'. Ho sempre avuto un'immaginazione elastica e prepotente, quindi non mi riusciva poi così difficile obbligarmi a credere nell'impossibile, nel fantastico, nell'ineffabile. Setacciavo la vita di tutti i giorni in cerca di segni, e se non ne trovavo li creavo di sana pianta. Studiavo, anche. Conoscevo le feste e le divinità celtiche, i nomi dei 72 spiriti salomonici, studiavo i sigilli dei demoni, quello che si diceva potessero fare certe erbe. Cose così. E so che qualcuno storcerà il naso, ma credo che sia stato un periodo davvero divertente. Un bel modo per prolungare l'infanzia, giocare con le leggi del mondo.
Ecco, leggere questo libro mi ha fatto rimpiangere di non aver proseguito gli studi, né da autodidatta né all'università. Perché l'autore, Luca Tarenzi, è laureato in Storia delle Religioni, e credo che questo particolare corso di studi sia la causa principale della ghiotta quantità di trovate meravigliose sparse in questo libro. Madonna che figata. Uso di rado e con molta parsimonia questo termine, ma stavolta ci vuole proprio. 'Awesome'.
Prima di iniziare a parlare della trama, due parole sul titolo.
Non mi piace. Nel corso del libro acquista un suo senso: viene da un proverbio che non avevo mai sentito, 'Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima'. Ecco, va bene. Bella citazione, ha un suo perché. Ma toglila dal suo contesto, e pare un titolo da goth-harmony. Mi spiaccio di tale scelta, anche perché mi è parso di capire che lo stesso Tarenzi non ne sia particolarmente soddisfatto. So che aveva proposto L'ora del diavolo (che secondo me ci sarebbe stato benissimo, ma vabbé), ma pare non ci sia stato verso. Quindi boh, ecco spiegato il perché del doppio titolo del post.
Tra l'altro credo che questo libro sia stato uno dei primi passi della svolta di cui parlavo nello scorso post, quando ciacolavo di L'età sottile di Dimitri. È un fantastico dichiaratamente italiano e Salani l'ha pubblicato nel 2011, quindi... beh, dai, la smetto di cincischiare. Mi limito solo ad annuire contenta per la scelta.
Tutto inizia a Milano, di notte, vicino alla Stazione Centrale. Alcuni ragazzi stanno evocando Arioch, un demone potentissimo, che nasce e sorge al centro di un pentacolo, grazie al sacrificio di un clochard. Il rito sta volgendo al termine, Arioch ha ricevuto il suo compito – una ragazza da uccidere – e sta per bere l'offerta di sangue, quando un angelo si abbatte su di loro, uccidendo gli evocatori e tentando di eliminare Arioch. Il demone, non ancora in pieno possesso delle proprie forze, rischia di soccombere, ma viene fortunosamente aiutato da Lena, una ragazza che si trovava da quelle parti per soccorrere l'amica sonnambula.
Arioch riesce a uccidere l'angelo, ma è comunque ferito e finisce per svenire. Senza pensarci troppo, Lena lo carica in macchina e lo trascina ancora privo di sensi nel proprio appartamento sia per curarlo, che per capire esattamente a cosa ha assistito.
E... beh, gli ingranaggi si mettono in moto immediatamente. Parallelamente alle vicende di Arioch e Lena, assistiamo alle giornate di Khaled, figlio di un djinn (spirito orientale. Più o meno.) che lavora come kebabbaro e vive nel terrore di essere scoperto dagli Angeli, che lo eliminerebbero immediatamente se sapessero che riesce a cogliere le loro conversazioni nel Primo Cielo. È grazie a Khaled che riusciamo ad avere una prospettiva più ampia sugli Angeli e quello che vogliono, visto che origliamo insieme a lui le loro accalorate discussioni.
Lena è una ragazza forte, decisa, orgogliosa. Studia veterinaria, lavora in un pub, manda a quel paese un ex rompiscatole e drogato. Mi è piaciuta molto. Si sente responsabile per Sofia, una cara amica che non ha mai conosciuto il padre e la cui madre si dà al massacro di neuroni a forza di psicofarmaci. Peccato che sia anche la ragazza che Arioch è stato evocato per uccidere.
Però Arioch non è malvagio, è solo 'disegnato così'. E a suo modo...
Oh beh, poi ci sono altri personaggi belli. Settala – a quanto pare è tratto da un tizio che esiste davvero – è spettacolare. Una specie di educato scienziato pazzo. E Azazel, un demone che vive più o meno stabilmente a Milano. E poi il mercato. Il bellissimo mercato, che mi ha ricordato molto – immagino che il rimando sia voluto – quello di Nessun Dove.
Dicevo, più su, che ci sono un sacco di belle trovate, pescate assai probabilmente da qualche esame di Storia delle Religioni. Ecco, la creazione dei servitori degli angeli, i rephaim, è perfetta. Veramente. E quel particolare oggetto in possesso di Azazel. E le cose che trova al Mercato. E gli indovini. E... beh, eccetera.
Altra cosa che ho gradito immensamente sono i combattimenti. Sono resi davvero benissimo, mi è capitato di rado di leggerne di così belli.
E poi sono tanti. Il che, dal mio umile punto di vista, è simbolo di gioia.

Quindi sì, direi che si può facilmente intuire che mi è piaciuto. Un sacco. E lo consiglio violentemente. Ma proprio di cattiveria. 

11 commenti:

  1. Mi piace tantissimo leggere le tue recensioni, soprattutto perché non leggo molti autori italiani (per lo più perché non ne conosco) e ogni volta vedere come ne parli entusiasta mi fa venire voglia di provare, di dar loro una chance.
    Al momento la mia lista di cose da leggere è tipo lunga un chilometro, ma credo aggiungerò lo stesso questo libro perché mi piace tanto come ne hai parlato, la trama è accattivante ed è ambientato a Milano. Davvero non c'è niente di meglio che leggere un libro e riconoscersi nelle ambientazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alexiel! Adoro Angel Sanctuary *__* Viene da lì?
      Guarda, io non amo particolarmente la 'tipicità' italiana, i miei gusti vertono decisamente verso la maniera inglese. Però Dimitri e Tarenzi sono un caso a parte, o forse sono semplicemente cresciuti a forza di romanzi fantastici inglesi pure loro e l'influenza si fa sentire.
      Te lo consiglio un sacco, questo libro. Non vedo l'ora di leggere God Breaker *__*

      Elimina
  2. Non conoscevi il detto "Quando il Diavolo ti accarezza vuole l' anima?"....
    Ahi ahi ahi ragazza mia qui mi stai perdendo punti.
    Per recuperare fila a rileggerti 30 volte Nessun Dove. :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure mia madre mi ha perculata perché non la conoscevo T_T

      Elimina
  3. Ce l'ho! (Ma va? :D)
    Arioch è un nome caro a chiunque abbia letto Moorcock, già sarebbe bastato ad attirare il mio interesse. In tutta sincerità, titolo e copertina non mi convincevano. Poi ho letto Godbreaker e... ho detto tutto. Sono contento che questi tre libri, che devo ancora iniziare (!), ti siano piaciuti. Io credo che ci sia sempre stato un buon potenziale nel fantastico italiano, solo che magari non sempre (= quasi mai) editori di un certo peso riuscivano (= sceglievano di) valorizzarlo. Se Salani in pochi anni ti pubblica due Tarenzi e un Dimitri, che non sembrano legati a una particolare moda del momento, è cosa più che buona. Perché i piccoli editori coraggiosi lo fanno con tanta passione, ma senza raggiungere la medesima risonanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... io in realtà non gradisco Moorcock ma vabé T^T
      Infatti quello che mi rende particolarmente lieta e ottimista è che la Salani abbia finalmente scelto di valorizzare il fantastico italiano. Speriamo che non sia l'unica CE a rendersi conto del potenziale...

      Elimina
    2. ... tu quoque...
      Mi hai spezzato il cuore.

      Elimina
    3. Sono un pessimo esemplare di essere umano, lo su u_ù

      Elimina
  4. ... un altro che non vedo l'ora di leggere. Se poi mi dici che cita Gaiman, insomma, devo per forza procurarmelo.
    E poi mi incuriosiscono le gerarchie angeliche.

    P.S. anche io, quando avevo circa 14 anni, leggevo libri su erbe, candele, wicca etc. etc. Era divertente :)

    RispondiElimina
  5. Altro splendido lavoro di Luca Tarenzi. Sarà che sono un fan di Supernatural, ma l'atmosfera me l'ha davvero ricordato! Bei personaggi, bella storia (complessa ma non complicata) e soprattutto voto dieci alle ambientazioni.. Milano è così tremendamente reale, con tutti i suoi scorci misteriosi e sovrannaturali. I capitoli di Azazel al Mercato Vecchio sono davvero ottimi, come pure i combattimenti, Settala, l'adrenalina per la storia che sale e il gran finale. Ottimo lavoro davvero! Da rileggere fino allo sfinimento!

    RispondiElimina