mercoledì 19 giugno 2013

Piccoli scorci di libri, ovvero recensioni assai brevi e poco impegnative #22

Mi sto squagliando. Vivo reclusa in un perenne velo di sudore. Ho schifosamente caldo e perennemente sete. Ma via, smettiamola di lamentarci del clima. Mugngnamo giustamente sul dannatissimo esame di domani, per via del quale sto studiando sul libro peggio scritto di tutti i tempi, in cui l'autore si lancia in teorie prive di alcun fondamento logico per poi contraddirsi un paio di righe dopo. Cristo, che irritazione.
Ma bando alle – inutilissime – ciance, va'.

La scrittrice criminale – Marina Morpurgo – Astoria Edizioni, 2011

Questo libro l'ho adorato pagina dopo pagina, la lettura è filata spedita e allegra, un sorriso perennemente stampato sulle labbra. Non si può non provare almeno un po' di empatia per la protagonista, nonostante tutto, schiacciata un po' dalle richieste dell'editore, un po' dalle incalzanti domande dei vicini e degli amici sul 'prossimo libro', dalle recensioni in rete, dai genitori intellettuali... certo, quello che fa è sbagliato, però un po' la si capisce. E poi c'è questo piccolo spaccato di mondo editoriale, l'amico aspirante autore deluso che se la tira un sacco, l'editore che pensa solo al profitto... e boh, l'ho adorato. Breve ma intenso, una lettura che dura poco, perché è un libriccino davvero – sigh – breve, però veramente, ve lo consiglio un sacco.
ma se poi dico due parole sulla trama non è che vi faccio un torto, a pensarci bene.
Allora, c'è questa Scrittrice Potenziale che ha pubblicato una piccola raccolta di racconti per una casa editrice. In seguito a questa pubblicazione la casa editrice le ha già fatto avere un anticipo per il prossimo libro, che lei però proprio non riesce a scrivere. E si ritrova a doversi confrontare col foglio bianco, col suo colpevole candore, mentre chiunque la incroci per strada la tempesta di domande sulla storia. Teme le telefonate dai genitori, gli incontri coi vicini, i contatti con l'editore, al quale non ha avuto il coraggio di denunciare il suo blocco. Finché un giorno non si trova a spolverare la libreria e le capita in mano un volumone de I promessi sposi. E le viene una malsana idea, quella di ricopiarne la struttura, per farne la solida impalcatura del proprio romanzo.
E così via.
Consigliatissimo.

Regina Nera – Matteo Strukul – Edizioni E/O, 2013

Mi fa un po' male il cuore, ma qui dovrò muovere un po' di critiche. E la cosa mi dà parecchio fastidio, perché adoro sia Mila che la casa editrice, però d'altronde non è che posso fare 'le preferenze', no? … o sì? Magari il bello di avere un blog è anche quello.
Ad ogni modo, vediamo.
La storia è abbastanza semplice, per quanto le vicende di Mila e dei Cattivoni siano collegate ad uno scorcio di politica italiana. Gli intenti – ho apprezzato parecchio, mastro Strukul – di protesta contro il mai placato sessismo sono abbastanza evidenti nel Partito delle Donne e soprattutto nel fatto che qualcuno voglia metterlo a tacere, rapendo la figlia della candidata premier Laura Giozzet.
Poi c'è Mila che, entrata a far parte di una specie di milizia privata sovvenzionata da varie fonti, un po' governative e un po' no, viene ingaggiata da un tizio per trovare la figlia fuggita di casa. Si trova nel Trentino Alto Adige, tra neve e pub simil-tedeschi.
C'è appunto la ragazza fuggita di casa, Edith, una disgraziata plagiata da una banda di metallari-nibelunghi-medionazi-psicopatici e qualche stralcio della sua infanzia.
Ora, vediamo. Bellissimi i combattimenti, bella la descrizione della scena metal – oh, sul metallo divento pignola – storia interessantissima, mi piacciono i 'colleghi' di Mila che vengono introdotti.
Però c'è qualche però. Ad esempio, i ben tre refusi. Che non fosse la E/O forse non ci farei neanche troppo caso, però trovarli in un libro targato E/O un po' mi dà fastidio. È come prendersi un calcio da Babbo Natale.
E il fatto che molti dialoghi suonino stonati, troppo artificiosi. Niente di irrimediabile, ma proprio per questo, perché non rimediare?
Una scena alla fine che mi ha fatto molto storcere il naso. Troppo innaturale, troppo Beautiful secondo me. A una cosa del genere, mi spiace dirlo, però non mi viene da crederci.
Per il resto, che dire? Mi è piaciuto un sacco, certo, c'è Mila, ci sono i combattimenti, mi si citano a ripetizione Turisas e simili. Però credo che sia Strukul che l'editor avrebbero dovuto lavorarci un pochino di più, anche soltanto un paio di settimane, per accomodare quelle cose che non andavano. Mi irrita il fatto che questo libro non dia quanto avrebbe potuto dare, il potenziale è enorme ma non è stato sfruttato al massimo.

18 commenti:

  1. Perché tutti parlano bene dei libri dell'Astoria?
    Ora sono COSTRETTO a prenderne più d'uno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché i libri dell'Astoria sono fantastici u_u
      Però attenzione che sono (a parte questo) molto settoriali, quasi tutti sono molto frivoli e leggerissimi, un po' come quelli di cui parlavo qui http://laleggivendola.blogspot.it/2013/06/letture-da-esame-frivolezze.html
      Quindi bisogna gradire il genere u_u

      Elimina
    2. Ma io AMO le frivolezze! XD

      Elimina
    3. Allora vorrai bene all'Astoria quanto gliene voglio io xD

      Elimina
  2. "La scrittrice criminale" lo avevo già adocchiato... Lo leggerò di certo ^^
    Ciao

    RispondiElimina

  3. Vorrei fare una domanda un po' polemica e magari pure fuori luogo visto che non conosco il libro né l'autore... va bè, la faccio lo stesso. Perché se in 'Regina Nera' c'è una denuncia del sessismo la ragazza in copertina è mezza nuda? Non sto dicendo che per eliminare il sessismo le donne devono mettersi il burqa, eh, ma così di primo acchito la copertina sembrerebbe pensata per un pubblico maschile vagamente becero. Non so, magari è una cavolata pazzesca.

    Ilaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma io con la polemica ci vado a nozze xD
      Uhm, ti dirò, hai ragione. Di solito sto molto attenta a queste cose, però stavolta mi è proprio sfuggito, sarà perché avendo già letto La ballata di Mila mi era impossibile ipotizzare una qualsiasi minuscola frazione di sessismo da parte di Strukul... ho sentito in un'intervista che la E/O si serve di grafici esterni per le copertine, si vede che l'hanno commissionata ed è piaciuta - che effettivamente è proprio una bella copertina - senza che nessuno badasse troppo a come fosse vestita Mila o soprattutto alla sua posizione per nulla da combattimento.

      Elimina
    2. Che poi mi viene anche da pensare che se un qualche becero buzzurro si avvicinasse al libro pensando alla Mila in copertina, la cosa avrebbe anche risvolti estremamente educativi.
      Non so, sono un po' combattuta, perché l'abbigliamento e la posa sono quelli che sono, però allo stesso tempo c'è quella bella espressione combattiva e una katana insanguinata. Sono divisa xD

      Elimina
  4. Ti direi che prenderò "La scrittrice criminale", perchè mi aveva già attirata e con queste due righe mi hai convinta, ma la fila "ancora-da-leggere" sulla mia libreria inizia ad avere una lunghezza paurosa, quindi forse è meglio che smetto di frequentare librerie fisiche e online e bancarelle di libri usati per un po' XD
    Sperando di ricordarmi, quando sarò di nuovo a secco lo prenderò sicuramente *va a segnarsi il titolo* u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha comprendo le tue riserve xD Pure io ho un sacco di roba da leggere, eppure non riesco a frenare la tendenza all'immagazzinamento... tipo provviste per l'inverno ò_ò

      Elimina
  5. Interessante La scrittrice criminale. Spero l'esame sia andato bene. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto interessante *__* Mi è piaciuto veramente un sacco.
      (LOL, proprio no xD Mi sono ritirata. Non so bene come far notare alla professoressa che differenze di programma tra frequentanti e non frequentanti dovrebbero anche implicare differenze nelle domande >_>' Sigh.)

      Elimina
  6. No, ma dico... "La scrittrice criminale" è ciò che ha causato la mia "Marpurghite"! Malattia dalla quale sono ben lontana dal guarire e che mi ha portata a leggermi non solo i libri, ma pure le ricette di Marina (che poi, per inciso, finchè i risultati sono come quelli della mousse, continuerò a leggere non solo i libri ma pure le ricette... Slurp!).
    L'altro libro non lo conosco, ma l'idea di prendermi un calcio da Babbo Natale non mi solletica molto... ;-)
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che io la Morpurgo l'ho conosciuta grazie a un tuo post su di lei? xD Me l'hai passata te, la Marpurghite! Cosa di cui ti ringrazio sentitamente *__*

      Elimina
    2. Oh, ma di nulla! La Marpurghite è così: è l'unica malattia che si è ben felici di contrarre. E guarire non è poi tanto importante. :-)

      Elimina

  7. Sai che mi è venuto il sospetto che la Morpurgo sia anche la traduttrice dell'edizione di 'Rebecca, la prima moglie' in mio possesso (Il Saggiatore)? In effetti pare che faccia o abbia fatto la traduttrice: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/28/risorse-disumane-manipolo-di-donne-contro-leggi-del-mercato/335790/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che l'ho sentita poco fa perché voglio trascinarla a fare un incontro in libreria? E' di una gentilezza disarmante T_T
      Sì, è anche traduttrice e ha tradotto anche la serie di Agatha Raisin *__* Non sapevo avesse tradotto anche Rebecca...

      Elimina