venerdì 29 marzo 2013

Le ultime 5 ore - Douglas Coupland


Dunque. Mi è già capitato di parlare di Douglas Coupland un paio di volte, qui e qui. Si tratta di due libri che mi erano piaciuti un sacco, ma cui non avevo dedicato un'intera recensione, perché dopotutto non sentivo di avere molto da dirne. Di questo invece sì. Questo libro che odora vagamente di Palahniuk e mi fa pensare che a Coupland piacciano i Tool, che corre sul filo sottile tra cinismo e speranza nello splendore umano.
Le ultime 5 ore, scritto nel 2010 e portato in Italia da Isbn Edizioni nel 2012, in un'ottima traduzione di Marco Pensante.
Ieri sera ne parlavo con mia sorella al telefono. Le dicevo che avevo appena finito di leggere un libro 'bellissimo', senza però trovare le parole per descriverlo. La trama è semplice, a cercare di spiegarla viene fuori appena un boccone di storia. Però via, ci proverò lo stesso, che magari con l'aiuto del caffè mi riesce meglio.
Nel bar di un albergo si ritrovano, per pura coincidenza, quattro persone. Karen che ha dato appuntamento a un certo Warren conosciuto su Internet; l'ex-pastore Luke che ha rubato i soldi della parrocchia dalla quale è appena fuggito; Rick, il barista ex-alcolizzato; e Rachel, una ragazza con lesioni al lobo temporale destro e una qualche forma di autismo, che non riesce a distinguere i volti. Si ritrovano lì riuniti, questi emeriti sconosciuti, mentre il mondo fuori impazzisce. Il petrolio arriva a 250 poi a 300 dollari a barile. Il prezzo continua a crescere e questo scatena la psicosi. Non è ben chiaro cosa accada al di fuori, c'è solo un'assurda minaccia che li spinge a rinchiudersi nel bar e ad aspettare che la situazione si sistemi.
E lì dentro parlano un po' di tutto. Fanno i conti con se stessi, con le persone che erano, con le loro convinzioni, con l'idea del mondo, di religione, di persona. Certe discussioni mi hanno fatta rabbrividire, altre mi hanno riempita di uno strano calore quasi religioso. È stato come leggere una Bibbia dell'umanità. Nessun Dio, nessun Diavolo. Solo noi e i nostri organi.
I personaggi. I personaggi sono fantastici. Bellissima la loro caratterizzazione, il racconto del loro passato, di quello che li ha portati in quel bar. Per una qualche strana ragione sembra che tutti loro vi siano arrivati nel tentativo di cercare una svolta nella loro vita o forse soltanto un 'qualcosa'. L'unica incongruenza che posso trovare è il fatto che in questo bar si siano riunite proprio queste persone così particolari, così bizzarre, così diverse. O forse Coupland cerca di dire che siamo tutti ugualmente diversi, anche se non ce ne rendiamo conto. O più probabilmente sono io che cerco significati espliciti dove Coupland voleva raccontare una storia.
La storia progredisce con un rimpallo di punti di vista, ma è sempre narrato in terza persona, a parte i pochi capitoli del Giocatore Uno che sono in prima. Lo stile è calmo, incredibilmente normale. Non ha nulla dell'inquietudine o della volgarità di Palahniuk, è piuttosto... non so, coi piedi per terra. Ben piantato in questo mondo. È come se Coupland sapesse che non ha bisogno di andare a cercare nella turpitudine più squallida e melmosa della nostra società, per arrivare al punto. Scrive tranquillo, senza esagerare. Mi piace.
Che altro dire? Lo consiglio. Davvero. Mi ha fatto venire voglia di ricopiarne interi capoversi, per poterli avere sempre accanto quando mi sveglio. Credo che sarà uno di quei libri che ricorderò sempre, per quello che mi hanno dato. Credo che, se mai dovessi incontrare Coupland, gli chiederò un abbraccio. Credo che ve lo consiglierò di nuovo, perché mi sento di doverlo ribadire.
E credo che ora vi augurerò una buona giornata, una buona Pasqua a chiunque creda e delle ottime uova a noialtri.
E buone letture.

10 commenti:

  1. adoro Coupland !!!
    questo è un libro bellissimo. I personaggi sono strepitosi, Luke un fenomeno xD
    Mi è piaciuta particolarmente la fase di barricamento, e naturalmente il modo prospettico di narrare la storia.
    Ti consiglio di leggere Eleanor Rigby, o Jpod, ma in effetti tutti quelli che ho letto di Coupland sono consigliabili... non mi ha mai deluso.

    RispondiElimina
  2. Boh, deciso. lo leggo.
    Del resto ormai gli ISBN Special li sto collezionando

    RispondiElimina
  3. Coupland è un autore che mi manca.
    In verità devo avere "Eleanor Rigby" da qualche parte, intonso.
    Chissà perchè.
    Però credo che vedrò di procurarmi questo. O comunque di dargli una chance, al prossimo giro tra i banchi di qualche libreria...

    RispondiElimina
  4. Vincent-san: Neanche a me Coupland ha mai deluso, ma devo ammettere che un libro così non me l'aspettavo... cioè, mi ha proprio colta di sorpresa.

    Lepaginestrappate: Oh, fammi poi sapere che ne pensi, io su Anobii ho trovato una marea di critiche °__° Mah.
    L'Isbn è l'Isbn. E' nella mia personale cinquina delle case editrici preferite.

    TheBestVillain: Eleonor Rigby ancora non l'ho letto... beh, io ribadisco il consiglio, mi è piaciuto veramente ma veramente un sacco. Anzi, il fatto è che non mi è soltanto piaciuto, mi ha proprio... non so spiegarlo decentemente. Mi è stato iniettato.

    RispondiElimina
  5. Auguro a te ed a tutti quelli che ti seguono una Buona Pasqua :D

    RispondiElimina
  6. Sai che, dato che questo libro l'avevo già in Lista dei desideri, ora vorrei davvero davvero poterlo avere tra le mie mani? Devi smetterla di essere così convincente U.U

    In realtà, mi rendo conto ora di avere almeno 2-3 libri di Coupland tra i "Desiderata" o.ò Le sue trama mi ispirano proprio e le prime pagine pure xD

    RispondiElimina
  7. Galatea: Grazie anche qui :)

    Camilla: Uhm, se mia sorella me li rispedisce in tempo dalla Germania se vuoi ti posso portare quelli che ho al Salone di Torino ò_ò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che ci vediamo al Salone *_____*

      Ehm. Riprendo contegno.
      Tranquilla, non c'è bisogno che te li faccia rispedire, anche se è un pensiero davvero gentile <3 Non vorrei trattenerli troppo, poi, in quel periodo dovrei cominciare a studiare per gli esami di Giugno (>.<)

      Elimina
  8. Ciao Leggivendola,

    volevo farti dono del Liebster Award, ma dato che hai oltre 200 iscritti, ho creato una "menzione speciale"!

    Se vuoi, passa qui: http://quandospuntanoipapaveri.blogspot.it/2013/03/marzo-pazzo-e-liebster-award.html

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ma grazie :) Passerò presto allora!

      Elimina