giovedì 17 gennaio 2013

Women Challenge, concorso 3Narratori, di tutto un po'.


E dunque, miei fedeli lettori! Mi sento in vena d'altisonanza. Forse perché sto leggendo Il labirinto dei Libri Sognanti, l'ultimo di Walter Moers, seguito di La città dei Libri Sognanti, che per me è un eccelso capolavoro... o forse perché ho bevuto troppo caffè. Non mi sentirei di escluderlo, ecco.
Dicevo, non sono in vena di recensire alcunché, stamattina. O forse sì, solo che non ne ho il tempo. Perciò vi offro un post di variegati avvisi, così, per rimanere in contatto.

Allora, la Women Challenge indetta da Valentina di Peek-a-Book (qui il link della sfida e qui il mio post d'adesione) mi è sfuggita di mano in queste prime settimane di Gennaio... non so per quale meccanismo inconscio, ma finora ho letto 9 libri, di cui 8 scritti da donne. Due settimane e sono a metà della sfida. Sigh. Comunque creerò un'apposita pagina per appuntare tutte le letture interessate, così evito anche di dover tornare a controllare su Anobii ogni volta.



Poi!

Recentemente Salomon Xeno ha indetto un concorso per racconti chiamato 3Narratori, cui sono invitati a partecipare tutti gli amanti del fantastico in tutte le sue variegatissime forme e i cui 3 vincitori... beh, per saperne di più, vi consiglio ardentemente di cliccare su questo link, visto che deficito del dono della sintesi. Orsù!



Concludo dando una vaga infarinatura dei post che intendo scrivere. Uno su tutti la recensione di Nord e Sud di Elizabeth Gaskell, pubblicato dalla giovanissima casa editrice Jo March. L'ho adorato. È il libro perfetto per gli orfani della Austen. E l'edizione è così ben curata che stento a credere sia il primo frutto di un minuscola casa editrice. Sono cose che danno speranza. Ma rischio di spostare l'attenzione sulla casa editrice e non sull'opera in quanto tale, quindi taccio. Che mi sono innamorata della Gaskell. Qualcuno pubblichi le altre opere, che ne sento orrendamente la mancanza...
Cercherò di scrivere qualcosa anche sulle ultime letture, come Strane Creature di Tracy Chevalier e su Il gioco degli equivoci di Georgette Heyer – anche lei perfetta per le amanti di zia Jane. Forse dopo l'angoscia di Il seggio vacante e di Eravamo bambini abbastanza ho sentito il bisogno di rifugiarmi in libri più sicuri, più delicati. La Heyer e la Gaskell mi hanno dato l'impressione di accogliermi in un rifugio di montagna, piazzandomi una tazza di cioccolata fumante in mano e drappeggiandomi un plaid sulle spalle, mentre fuori infuria una tempesta di neve. Ne avevo bisogno.
Ed ora mi accingo a liberarmi del pigiama e a cercare le chiavi di casa perdute, che devo uscire. Se mi sbrigo riesco a fare un salto in libreria...

14 commenti:

  1. Sono di passaggio. Vorrei solo specificare che le vecchie edizioni Sperling & Kupfer della Heyer presentano dei tagli. Chi vuole provare a leggere qualcosa dell'autrice inglese, potrebbe rifarsi alle edizioni di Astoria, che ha incominciato a ripubblicarla, o puntare direttamente sulle edizioni originali - se non pesa leggere in inglese - che offrono il linguaggio ricercato dell'epoca georgiana, che la Heyer fece tanti sforzi per cercare di ricostruire.

    RispondiElimina
  2. Anche io mi sono innamorata di Nord e Sud e dei suoi personaggi!! Ti consiglio di non farti scappare la miniserie (in inglese ma sottotitolata in italiano) della BBC. Silvia

    RispondiElimina
  3. Caspita, sei una super wonder woman! :)
    Devo dire che "Nord e Sud" mi incuriosisce molto, soprattutto per il fatto che "è perfetto per gli orfani della Austen". Aspetto la recensione dunque.
    A presto cara! :)

    RispondiElimina
  4. Obbligato.
    (Io sono a... 1 autrice?)

    RispondiElimina
  5. Attendo trepidante il post su "Strane creature". L'ho trovato nell'usato qualche giorno fa e mi sono lasciata trasportare dall'istinto, comprandolo subito: Inghilterra regency e fossili di dinosauri?! A me! :D
    Spero valga la pena ^^

    minty

    RispondiElimina
  6. Anonimo: Sto infatti sbavando sulle Astoria, il cui prezzo però mi intralcia un po'. Non che sia eccessivissimo, alla fine, però...

    Silvia: MINISERIE?? *____*

    Francesca: No, beh, più che altro non ho una cippa da fare xD Comunque Nord e Sud è meraviglioso *__* Se non pubblicano altre opere della Gaskell andrò in crisi...

    Salomon: Ma si figuri u_ù

    Minty: Mmmh... a me è piaciuto molto, ma devo ammettere che in certi punti diventa un po' noiosetto. Anche perché è un libro interamente basato sul ritrovamento dei fossili. Però secondo me merita ù_ù

    RispondiElimina
  7. La miniserie di North & South risale al 2004 e fu prodotta dalla BBC. Ne esistono due versioni in commercio: quella originale e quella rimasterizzata segmento per segmento.
    Ludo.

    RispondiElimina
  8. E che ne pensi di Elizabeth von Arnim? Ne hai parlato qualche volta? Io la annovero tra le mie più care: le Bronte, la Austen,la Gaskell...non conosco la Heyer...dei suoi libri non mi piacciono le copertine, mi sembrano eccessivamente sdolcinate, ma forse dovrei superare i pregiudizi e provare a leggerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della von Armin non ho ancora letto nulla, ma considerando quanto mi stai dicendo e una recensione positivissima su Cuore d'inchiostro, credo che me la procurerò il prima possibile *w*
      La Heyer... ecco, diciamo che in lei non trova posto la profondità delle autrici da te citate. In compenso è meravigliosamente spassosa. Leggendo 'Il gioco degli equivoci' mi sono trovata a ridere da sola ad alta voce. Non è altrettanto raffinata, però ha quel pizzico di umorismo in più... io la consiglio spassionatamente u_u

      Elimina
    2. Elizabeth von Arnim non ha scritto Cuore d'inchiostro. L'ultimo libro tradotto è Uno chalet tutto per me. E' una scrittrice arguta, brillante, ironica...da non perdere...forse poco conosciuta da noi, era cugina della Mansfield e amica di Forster quello di Camera con vista (meraviglioso!)Posso suggerire a chi non l'avesse letto quello che secondo me è il piccolo capolavoro della Gaskell non facile da trovare "Cranford"
      P.S Per chi volesse immergersi nell'epoca vittoriana con una scrittrice contemporanea di grande talento "Possessione Una storia romantica" di Antonia Byatt
      Ciao, Marianna. E grazie per il tuo blog davvero davvero carino!

      Elimina
    3. Ma grazie a te per essere passata :)
      Cuore d'inchiostro è un blog che ti consiglio assai, non il libro della Funke :) ... che tra l'altro non m'era neanche piaciuto ò_ò
      Ok, proverò quanto prima la von Armin, c'è poco da fare ù_ù/ E avevo trovato Possessione in una libreria dell'usato... ohohoh, sarà mio pure quello *w*

      Elimina
    4. Che figura!!! Mai saputo che esistesse un blog col nome cuore di inchiostro. Ciao. Marianna

      Elimina
    5. Figurati! Il libro della Funke era la soluzione più ovvia xD
      Comunque il blog te lo consiglio assai, il link è nell'elenco a sinistra :)

      Elimina
  9. Un bel post per sostenere delle bellissime iniziative.

    RispondiElimina