martedì 9 ottobre 2012

Non soltanto viva, ma con una tessera tra le mani

Tanto per cominciare, sono viva e in salute. Non che la cosa sia mai stata messa in dubbio, ma visto che era un po' che non comparivo mi pareva d'uopo specificarlo. Che altro dire? Devo ricominciare a postare recensioni, magari con una certa regolarità. E lo farò, prometto che lo farò. Prima o poi imparerò a gestire il mio tempo nel modo giusto e allora potrò smettere di lamentarmi della brevità delle giornate. Che dire? Le lezioni proseguono, alcune interessanti e altre perfettamente tralasciabili. Ieri ho potuto finalmente tenere tra le mani la tessera della biblioteca più fornita in cui io sia mai stata. Sul mio comodino sono ammonticchiati Guerre di Timothy Findley - uno dei miei scrittori preferiti, per quanto purtroppo sconosciuto - Fate a New York di Martin Millar e Il battello del delirio di George R. R. Martin. Per il momento sono circa a metà di quella disturbante genialata che è Il nazista e il barbiere di Hildenrath, edito dalla Marcos y Marcos. Ieri ho letto tutto d'un fiato Naufragio su Tschai, prima parte della quadrilogia dedicata al pianeta Tschai di Jack Vance. Ne posterò una recensione non qui ma su Il Futuro Tornato, blogzine dedicata alla fantascienza gestita, tra gli altri, da Nick Parisi di Nocturnia. Chi di voi ha più o meno presenti le mie solite letture, saprà che la fantascienza non è proprio il mio genere, ma la suddetta blogzine ospita un'interessante rubrica tenuta da lettori non-fantascientifici. Quando Nick mi ha chiesto, diversi post fa, di recensire una qualche opera per cotale rubrica mi sono entusiasmata, perché la trovo un'idea geniale. Solo che non sapevo neanche da dove cominciare e ho dovuto chiedergli consiglio... e non posso dire di non aver gradito la lettura, anzi. Devo dire che è davvero scivolata. Ma devo anche aggiungere che le critiche non mancano, forse proprio perché non sono fan del genere. Ma non le esporrò qui.
Cosa posso aggiungere per dare un senso a questo post che pare più un messaggio in bottiglia? La mia coinqui-amica mi ha appena portato una vaschetta di gelato da finire, i suoi gatti miagolano e io, ribadisco, sono in possesso della tessera della biblioteca. Non smetterò di sorriderne per almeno una settimana.

9 commenti:

  1. A me piace moltissimo Jack Vance, credo che apprezzerò la recensione dato che quel libro non l'ho ancora letto!
    Tra parentesi... Martin? Che combinazione! Io prossimamente parlerò dell'altro romanzo edito da Gargoyle, "The dying of the light".

    RispondiElimina
  2. Grazie per la citazione, intanto aspetto con piacere la tua recensione e devo dire che sarà un piacere chiacchierare anche dei difetti (e spero anche dei pregi ) del romanzo.

    RispondiElimina

  3. Mi pare che tu ti sia ambientata bene, mi fa piacere :-)

    Ilaria

    RispondiElimina
  4. La tessera della biblioteca *____*
    Io abito in un buchetto di paese che ha la biblioteca (senza tessera) però è abbastanza fornita per essere piccola. Dovrei provare una volta ad andare a fare un giro in quella della cittadina a dieci minuti da dove abito, ma sono pigra e poi io e le biblioteche abbiamo un rapporto un po' così.
    Ma mi ricordo che quando vivevo a Torino, negli anni universitari, le frequentavo parecchie e tante diverse ed era una gioia <3 poi sono diventata possessiva e un libro deve essere mio quando lo leggo.
    Buona università cara, un bacione!

    RispondiElimina
  5. ti faccio una citazione di Sally dei "Peanuts":
    "Felicità è possedere una tessera della biblioteca!"

    RispondiElimina
  6. oddio, qual è la biblioteca fornitissima?! :)

    RispondiElimina
  7. Salomon: A me è piaciuto abbastanza, anche se non ho potuto fare a meno di evidenziare quelle che secondo me sono pecche di una certa rilevanza... attendo la recensione di Martin, allora *w* In fondo al buio, mi pare si chiami, no?

    Nick: Beh, come non citare? Ho finito la recensione qualche ora fa, ma sono tormentata dalla sensazione di aver dimenticato qualcosa d'importante... se domani proprio non mi viene in mente, la mando così xD ... che è già fin troppo lunga T_T

    Ilaria: Abbastanza, sì *w*

    Francesca: Io invece sono davvero esaltata da questa biblioteca. E non è l'unica, ce ne sono tipo altre 6-7 e a quanto mi dicono, tutte di discreta grandezza *__* Dopo aver abitato a Milano per l'università è stato difficile stare un altro anno nella mia città, biblioteche sfornitissime T__T ma qui... qui *___* Qui hanno perfino Fate a NY, che è fuori catalogo da anni!

    Debby: Adoro quella striscia *__*

    Cawarfidae: Spiacente, non a Milano xD Però lì ricordo abbastanza fornita la Valvassori-Peroni (mi pare) relativamente vicina alla metro di Lambrate...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti pare bene. Però dato che esistono due edizioni italiane, con due titoli differenti, userò quello originale.
      Sono contrario la traduzione dei titoli.

      Elimina
  8. Anche tu arruolata da Nick? Bene, bene...

    RispondiElimina