domenica 13 maggio 2012

'Un lavoro sporco' di Christopher Moore - e lamentele sparse concernenti la mia pochezza umana


Ammetto che ultimamente mi sto assentando parecchio dal blog. Vorrei poter dire che è perché sto studiando come una matta, che sto sempre china sui libri, intenta a scrivere ideogrammi e ripetere forme verbali. Invece no, non posso dirlo. Non che io non stia studiando affatto, anzi. È che, a pochi giorni dal solito esame-muro, a un soffio dall'estate, sono piombata in una specie di stato di pausa mentale. È come se questo esame mi rodesse da dentro. La laurea ancora lontana mi rinfaccia l'immobilità della mia situazione, il mio insistente far nulla mi sconcerta e mi inibisce. Mi sento come pietrificata, l'auto in panne in mezzo al deserto. E riprendere a camminare mi è difficile.
Ma basta con tutte queste tirate ammorbanti. Perfino io le trovo lagnose. Passiamo ad altro, passiamo al senso di questo post.
No, invece aggiungo un'altra lamentela, così. Tanto per. Sono invidiosa come una vipera e rabbiosa come un bufalo. Dedico tutto il mio livore e la mia stizza a tutti coloro che sono riusciti a recarsi, almeno per un giorno, al Salone del Libro di Torino. Davvero, vi invidio a bestia. Ma tanto, eh.
Ad ogni modo, veniamo finalmente al senso intrinseco del post e del blog intero.
Tempo fa ho finito di leggere 'Un lavoro sporco' di Christopher Moore, edito dalla Elliot nel 2007 e da pochi mesi disponibile in edizione economica. Avevo già discusso di questo autore in questo post, dedicato a 'Il Vangelo secondo Biff', suo indiscusso capolavoro.
Posso cominciare dicendo qualcosa sulla copertina? Non mi piace. Voglio dire, non è brutta. Però non mi convince. Sembra la copertina di un libro della Kinsella, tipo 'Shopping con la morte' o qualcosa del genere. Troppo rosa. Sarà che sono allergica al rosa, ma lo trovo un po' fuori posto.
Ma tralasciamo le mie antipatie cromatiche e passiamo invece alla trama. Il primo capitolo si apre nella camera d'ospedale in cui Rachel, moglie di Charlie Asher, cerca di cacciare il marito dopo aver dato alla luce la piccola Sophie. Immediatamente veniamo informati del fatto che Charlie è un maschio beta e, nel corso della narrazione, ci verranno elencate alcune caratteristiche del suddetto genere. Rachel, invece è l'alfa. In una manciata di frasi, capiamo subito chi è il capo. Mi piaceva, Rachel. Peccato che, nel giro di poche pagine, troppo poche per considerare quanto vi sto dicendo uno spoiler, una Morte venga a portarla via. Un uomo nero, alto, dentro un completo verde menta, che Charlie sorprende accanto al letto della moglie esanime, lasciata sola per una manciata di minuti. Charlie non dovrebbe essere in grado di vederlo e infatti l'uomo se ne sorprende. Lo lascia con un contrito 'Mi dispiace', mentre il neo-vedovo chiama disperato un'infermiera che possa accorrere in suo aiuto.
E così inizia il libro. Con la morte di Rachel. Comprensibilmente, alla drammatica perdita segue un attaccamento smodato e timoroso del già vagamente paranoide Charlie verso la piccola Sophie. Attaccamento che viene ripreso e contestato spesso e volentieri dalla sorella di Charlie, Jane.
Jane mi piace. Un'ulteriore donna-alfa nella vita del protagonista, una sorella lesbica coi capelli alla Duran Duran che si diletta a sfilargli i vestiti dall'armadio per appropriarsene indebitamente. Mi piacciono le loro schermaglie fraterne, mi piace il loro legame. Quel velo di forzato fastidio che cela un affetto inarrestabile. Ammetto che in certi punti i loro battibecchi sono un po' forzati e poco realistici, ma ce li faremo andare bene lo stesso. A Moore certe cose le perdono facilmente.
Charlie ha un negozio di cianfrusaglie usate. Vende di tutto, dai mobili al vestiario, dai libri agli ammenicoli più vari che si possano immaginare. Mi immagino il suo negozio come una specie di garage ingombro e grigiastro, avvolto in una penombra irreale, scatoloni pieni che cozzano con mobili alti e imperiosi. Due dipendenti, una ragazza dark simil-satanica di nome Lily, del tipo che di solito mi irrita parecchio. Sapete, quelle tutte 'Ah! Il dolore dell'anima! Ah! Il fuoco nero che mi brucia nelle vene! Ah! La profondità dell'animo che nessuno può comprendere!'. Però è anche parecchio sboccata e sicura di sé, quindi non riesco a volerle male. Ogni tot sento di dover ripetere quanto adoro leggere dei libri in cui sono presenti figure femminili forti. Ecco, in questo libro ci sono solo figure femminili forti. Nonostante il protagonista sia un uomo, è come se il genere maschile venisse spodestato e spogliato della sua baldanza alla Rambo. Altro collaboratore di Charlie al negozio di roba usata, Ray. Un inquietantissimo ex-poliziotto di 39 anni, appassionato fruitore di siti d'incontri, tipo FilippineDisperate.com.
Il meccanismo che mette in moto la trama è partito quando la moglie di Charlie è morta. Gli ingranaggi si muovono lentamente, finchè al negozio dello stesso non arriva per posta 'Il Grande Libro della Morte', accompagnato da un breve biglietto di scuse. Peccato che a riceverlo sia Lily e non Charlie, cui era destinato. E Lily, essendo una dark-il-mondo-è-oscuro-e-terribile-e-io-mi-nutrirò-del-suo-sangue-ascoltando-i-Cure, se lo imbosca con gioia. E Charlie comincerà a sentire delle voci provenire dai tombini, per strada. E si ritroverà a dover assistere a morti sconcertanti. E... e poi va avanti. La macchina delle trame è stata azionata ed è in funzione.
Lo stile di Moore continua a piacermi. Semplice, fluido, lineare. La trama è appassionante, originalissima, i personaggi delineati con cura e affetto, forse anche troppo. Come se il personaggio che aveva in mente si fosse evoluto troppo in carattere e trascorsi e Moore non si sentisse di tralasciarne nulla. Essendo io patita di approfondimenti psicologici e caratterizzazioni particolareggiate, accolgo con estremo favore questo aspetto. Tuttavia, devo rammaricarmi del fatto che non valga proprio per tutti i personaggi. Charlie.
Charlie Asher è il protagonista. È il personaggio attorno al quale tutto avviene e si trasforma, è il fulcro del libro. Eppure, fino a metà libro, ancora non mi ero fatta un'idea chiara su chi fosse davvero. Sapevo chi era Jane, chi erano Lily e Ray, perfino Stephan il postino. Però Charlie mi sfuggiva. Forse Moore aveva così chiaro tutto ciò che lo riguardava che si è scordato di rendercene partecipi. Forse pensava che tutto stesse nella descrizione del 'maschio-beta'. Non saprei dirlo, ma io ho faticato a farmi un'idea di Charlie. Anche a lettura ultimata, sento di non averlo conosciuto fino in fondo.
Tra l'altro, la definizione del maschio-beta spesso cozzava con le reazioni di Charlie. E ammetto che ho faticato a farmi andare giù questa cosa. Ad esempio, le sue battute argute, il suo modo di porsi verso alcuni personaggi, i vari botta e risposta anche in situazioni di pericolo... quale persona-beta reagirebbe così? C'è poi un punto, in particolare, in cui non apprezzo la reazione di Jane ad una determinata situazione. È troppo avanti nel libro perché io possa specificare quale, ma chi lo ha letto forse capirà a cosa mi riferisco. Quale sorella reagirebbe così? Troppo irreale per non risultarmi fastidioso.
Altro difetto del libro è che è troppo. C'è troppa carne al fuoco (brrr), troppi avvenimenti. Certi, secondo me, si sarebbero anche potuti togliere senza intaccare la trama, anzi, forse la loro eliminazione l'avrebbe resa più fluida. Credo che Christopher Moore abbia difficoltà a dosare la propria fantasia, come se gli dispiacesse di non attingere fino in fondo al pozzo delle meraviglie che ha incastonato nel cranio.
Voglio dire, la trama è fantastica, i personaggi sono meravigliosi – a parte Charlie, che fino a metà libro è inconsistente e fuggevole come un filo di fumo – certe situazioni sono esilaranti e le sue trovate... certe sono a dir poco geniali. Brillanti. Pezzi di puro genio. Davvero. Non dico quali, ma non si può che essere dei Maestri dell'Immaginazione per concepirle. E solo un paio di queste valgono la lettura. Però ce ne sono troppe.
Il mio giudizio finale è che è un gran bel libro, piacevole e divertente. Ci mette un po' a ingranare, ma poi fila con una certa facilità. Un gradino bello alto sotto 'Il Vangelo secondo Biff', ma comunque un'ottima e piacevole lettura, che consiglio a chi apprezza il genere fantastico-dissacrante.
E mi raccomando, ricordatevi che oggi è la festa della mamma!

7 commenti:

  1. Mi sento molto in colpa per la mia permanenza di ieri al Salone. >.<
    Tra l'altro, sempre al suddetto Salone, ho comprato proprio "Un lavoro sporco". Mi fa piacere sapere che sarà una bella lettura :D
    Concordo con la tua perplessità nei confronti della copertina e con il tuo amore per i personaggi femminili forti!

    RispondiElimina
  2. segnato libro e autore (che non ho mai letto). Prendo nota anche del libro, migliore a quanto pare, 'Il Vangelo secondo Biff'. Grazie del consiglio.
    Invidia a mille pure io per "quelli del salone del libro"... roba tipo non vi parlo più.
    E studia! Lasciarsi rodere dentro da un esame è una cosa che non sono mai riuscito a sopportare.

    RispondiElimina
  3. Ehi, la copertina non la trovavo male fino a che non hai tirato in ballo la Kinsella! Una professoressa di inglese ce l'ha fatta leggere in classe, la Kinsella... :S
    Sai che se fossi una libraia mi avresti già venduto questo libro? Sapevo che non avrei dovuto leggere questa recensione. Giusta punizione per essere stato al Salone? ^^

    RispondiElimina
  4. @Camilla: puoi sempre farti perdonare con un dettagliato resoconto u_u Buona lettura, frattanto xD

    @Vincent: Te lo consiglio spassionatamente, considero Moore una specie di Palahniuk allegro. Fantasia sfrenata, umanità spicciola però senza angoscia... Ti metto in guardia, a me non è piaciuto moltissimo 'Sesso e lucertole a Melancholy Cole' e ho letto pareri negativi anche su 'Demoni'... visto che 'Il Vangelo secondo Biff' è un capolavoro immenso ti consiglierei di cominciare da quello :)
    Eh, ma quest'esame è la mia nemesi xD sai, quello che continui a tentare innumerevoli volte senza riuscire a passarlo, che continui a studiare ogni volta finché non ti accorgi che sai a memoria perfino gli esempi nel libro cui ormai si staccano le pagine, ma sai che comunque non riuscirai a passarlo... non so se hai presente, non ho mai avuto di questi problemi con altri esami >_> maledetta me che ho scelto giapponese >_>

    @Salomon Xeno: O_o sono sconcertata dalla scelta della professoressa... in realtà la copertina non è neanche male di per sé, sono io che proprio il rosa non lo digerisco >_>'
    Ohohoh, già sento incombere su di me un futuro da libraia. Una libreria con sala da tè. E gatti *__* ... verrebbe fuori un ambiente stranissimo ò_ò

    RispondiElimina
  5. Un passaggio veloce per dirti che ti ho assegnato un premio ^_-

    RispondiElimina
  6. Il resoconto arriverà ;) Grazie xD

    RispondiElimina
  7. Una libreria con sala da tè e gatti potrebbe diventare presto il mio locale preferito

    RispondiElimina