giovedì 1 marzo 2012

30 Giorni di Libri - Giorno 28

Buongiorno a tutti! Questa mattina mi sono alzata tutta ilare che volevo fare un passo in biblioteca. Poi ho scoperto che c'è sciopero dei mezzi. Tanto per cambiare. Non per essere pignola, ma... perché? Qual è la ragione? No, davvero, non è ironia, giuro che non lo so. So che ogni tot c'è uno sciopero di cui nessuno capisce il motivo e nessuno si muove di casa senza macchina. Ricordo che il governo (brrrr) Berlusconi era appena caduto e si era insediato il governo Monti da qualcosa come due-tre giorni. Non avevano ancora messo le chiappette sulle poltrone che, TAM!, sciopero. Ma per cosa, Domineddio?!
Vabè. E' evidente che i trasporti pubblici ce l'hanno con me. 

28) Un libro che farai leggere ai tuoi figli.

LOL.
No, beh, dubito che il creatore dell'evento abbia presente la mia naturale predisposizione alla presenza infantile.
Oddio, dipende, ci sono quei bambini fantastici e sorridenti che ti stanno simpatici sin da subito.
Poi ci sono tutti gli altri, che sono la maggior parte e che io non riesco a sopportare.
Vedo un bambino che fa i capricci e spero nella caduta di un pianoforte da un grattacielo.
Lo so, faccio impressione perfino a mia madre quando parlo così. Non ci posso far niente, via, ognuno ha le sue antipatie.
Comunque!
... Oddio, ho toccato dei tasti e sono passata alla navigazione in incognito. Oddio. Perché? Cos'è? Come la tolgo? Aiuto.
Dicevo!
Se prooooprio dovesse essere,
farei leggere agli eventuali pargoli una marea di libri.
Diana, Cupido e il Commendatore della Pitzorno.
Coraline di Neil Gaiman.
La saga di Harry Potter.
Ronja di Astrid Lindgren.
Strega come me di Giusi Quarenghi.
Tutto Artemis Fowl.
La Trilogia di Bartimeus di Jonathan Stroud.
Quando Hitler rubò il coniglio rosa di Judith Kerr. Che non mi era piaciuto proprio all'inverosimile, ma penso sia importante far capire fin da subito 'Hitler = Cattivo', perché se l'eventuale pargolo mi tornasse a casa con la crapa pelata o una svastica disegnata col pennarello da qualche parte...
Ok, quello che gli capiterebbe è troppo truce e violento per questo blog.
Facciamo la bella faccina sorridente e soprassediamo.
Tra l'altro! Secondo me non si dovrebbe distinguere tra letture per bambini o bambine.
Le bambine hanno bisogno di sapere che possono essere quello che vogliono, da principessa a carpentiere
e i bambini hanno bisogno di sapere che, volendo, le femminucce possono scoperchiargli il cranio e sputarci dentro.
All'occorrenza, dico, mica come hobby.
Vista la risposta multipla che mi inibisce l'inserimento delle copertine, vi lascio una musica che mi piace assai.


Buon ascolto, buona giornata, buona lettura, buon tutto :)

9 commenti:

  1. ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah muoio >.<

    RispondiElimina
  2. ahahahahhaha! ho riso come una matta! scherzi a parte, la pensavo come te sui bambini finché non è arrivato mio figlio... ti ricrederai, te lo assicuro ;-)

    RispondiElimina
  3. "L'isola misteriosa" è unisex e se avesse lo stesso effetto che ha avuto su me, ne sarei soddisfatta :D

    RispondiElimina
  4. uhhh io farei leggere tutto il leggibile di gaiman *_*

    RispondiElimina
  5. Post davvero divertente ;D
    Comunque... Io sono come te con i bambini. Sul serio. E tutti i miei amici pensano, per questo, che io sia un mostro cattivissimo XD

    Ottime le letture che sceglieresti per un ipotetico pargolo, sìsì u.u

    RispondiElimina
  6. @Kedi: No, dai, resisti! Non andare verso la luce!

    @Pitichi: Maaaa guarda, più che tutti i bambini detesto quelli tra loro (stragrande e triste maggioranza) che vengono educati all'egoismo e alla mancanza di rispetto. Non voglio figli perché manco di istinto materno, più che altro. Non è che gli umani mi facciano impazzire, preferisco i gatti *w*

    @Melinda: Tanto per cambiare, non l'ho letto xD

    @Morgana: Certo ù_ù ma secondo me dipende anche dall'età. Certe letture si apprezzano di più dopo una certa età, tipo Nessun Dove.

    @Camilla: Alcuni miei amici pensano che io lo dica per passare da gran dura cinica, altri invece condividono il mio sprezzo xD

    RispondiElimina
  7. anche io non brillo per istinto materno, e sopporto poco la presenza dei bambini, infatti tra le altre cose faccio la babysitter.... furba che sono.

    RispondiElimina
  8. il tuo post era una specie di premonizione. ieri mi sono sorbita bambini selvaggi ovunque: sull'autobus, a casa di mia zia, e naturalmente sul treno.
    nel vagone accanto pareva che ci fosse un asilo nido, quando l'ho attraversato per scendere non ho resistito e ho detto alla mamma "tutto questo casino ed erano soltanto 2 bambine??? complimenti."
    rinnovo la mia proposta alla società: perchè non fare delle zone chiuse e insonorizzate su treni e aerei per le mamme con bimbi piccoli?

    RispondiElimina
  9. @Clau: Ddddio, come fai a fare la baby-sitter?? Dev'essere l'inferno...
    Per i vagoni separati, io non credo ci sia bisogno di arrivare così in là. Basterebbe un po' di buonsenso da parte dei genitori. Se io avessi fatto tutto quel casino, mi avrebbero sgridata e zittita. Se non mi fossi zittita, probabilmente mi sarebbe arrivato un ceffone, ma essendo che mia madre non è lobotomizzata ero una bambina educata che non rompeva le scatole. Col vagone a parte si rischierebbe di dar vita a un'intera generazione di mocciosi urlanti e insopportabili. Ci vorrebbero più capi-treno a sorvegliare la situazione e a mettere in chiaro coi genitori che se un moccioso rompe le scatole, è loro compito farlo stare calmo.
    DDDDio, che insopportabilità T__T Bambini, come osate esistere?

    RispondiElimina