mercoledì 8 febbraio 2012

30 Giorni di Libri - Giorno 6

Beh, già il giorno 6... chi avrebbe mai pensato ch'io potessi giungere 'sì avanti senza stancarmi? Tra l'altro, avendo assai prudentemente lasciato la porta chiusa questa notte, i gatti mi hanno lasciato dormire adeguatamente, il che mi rende allegra e ben disposta verso il mondo. Anche se il solo pensiero di dover andare alle poste mi sferza l'anima come un pugnale di ghiaccio e ruggine.
Ma comunque!

6) Il libro più corto che tu abbia mai letto.

Uhm. Credo si tratti di 'Io e te' di Niccolò Ammaniti.
Uno di quei libri che mi ha delusa, ma delusa, ma delusa... La sensazione che mi dà è che sia un parto più della fretta e delle pressioni dell'editore, piuttosto che di Ammaniti stesso.
Voglio dire, l'autore di 'Come Dio Comanda', di 'Che la festa cominci', 'Io non ho paura'...
Io adoro Ammaniti. E 'Io e te' mi aveva proprio fatto rimaner male.
Ma comunque!
Voi?


8 commenti:

  1. anche per me è stato il libro più corto che abbia letto. Ti dirò, a me è piaciuto, rispetto ad altri suoi. Però non amo particolarmente il suo stile narrativo, ma son sempre pronta a ricredermi, leggendo altri libri suoi, quando potrò ;)

    RispondiElimina
  2. interessante..l'ho comprato ma ancora riesco a leggerlo

    RispondiElimina
  3. @Francesca: a me non era piaciuto molto nemmeno Branchie, troppo surreale per i miei gusti... per il resto ho adorato tutto, specialmente 'Che la festa cominci' *__* son gusti. Poi non dico che fosse terribile, anzi, tutto sommato è stata una lettura piacevole anche 'Io e te', ma Ammaniti è uno di quegli autori da cui mi aspetto tanto.

    RispondiElimina
  4. Anche a me questo libro ha deluso parecchio...e il fatto che fosse così corto secondo me ha peggiorato la situazione. Aveva materiale per sviluppare un romanzo vero e proprio e ha sprecato tutto in poche pagine. Concordo sul tuo dire che forse a volte solo più le case editrici a far pressione sullo scrittore che non lo scrittore stesso a voler scrivere. Peccato!

    RispondiElimina
  5. Ciao! Non tocchiamo l'argomento poste.. tabùùùù!!! @.@ Il libro più corto che ho letto è di Maria Stella Cingolo, "Ti dipingo il mio colore addosso", poetico e dolce. Confesso invece la mia ignoranza su Ammaniti, non ho letto nulla di questo autore! :-/

    RispondiElimina
  6. il libro più corto che io abbia mai letto credo sia stato "senza sangue" di baricco. l'ho odiato, veramente mi ha fatto schifo, e un po' mi è dispiaciuto visto che fu il mio primo esperimento con baricco. fortuna che poi di suo ho letto altro (:

    RispondiElimina
  7. Non ho mai letto Ammaniti, amici me l'hanno sconsigliato. Ma forse a "Che la festa cominci" darò una possibilità.

    RispondiElimina
  8. @Elisa: esatto, poteva scriverci un'opera meravigliosa sviscerandoci per bene i protagonisti, mostrandoci il 'dopo', una crescita, un qualcosa... invece, peccato. Ma si tratta di Ammaniti, ho fiducia che presto si farà perdonare :)

    @Chiaretta: eh beh, le poste le chiamo 'Il covo dei Dissennatori' mica per niente xD

    @Morgana: per ora non ho mai letto nulla di Baricco... ho iniziato anni e anni fa Castelli di Rabbia, ma non so perché, non sono mai andata avanti... uhm...

    @Silvia: Che la festa cominci è il mio preferito, ma tanti l'hanno criticato... io ho adorato moltissimo anche 'Come Dio Comanda' e 'Ti prendo e ti porto via'...

    RispondiElimina