domenica 13 gennaio 2013

Piccoli scorci di libri, ovvero recensioni assai brevi e poco impegnative #9


Eravamo bambini abbastanza – Carla Susani – Minimum Fax 2012

Questa è stata una lettura terribile. Non nel senso di brutta, anzi, è ben scritto, scorre, interessa. Non posso scrivere 'diverte', perché un groppo alla gola si alterna a un brivido. Però è un bel libro. Narrato in prima persona da Manuel, giovane protagonista dodicenne che comincia a raccontare del suo rapimento ad opera del Raptor, quest'uomo zoppo e silenzioso che si è contornato di uno stuolo di bambini e ha insegnato loro a rubare. Non ho capito bene quanti anni avesse Manuel il giorno del rapimento, mi sembra non lo dica mai esplicitamente, ma immagino intorno agli 8-9 anni. Viene rapito e si trova parte di una strana famiglia, pieno di fratelli e sorelle, tutti bambini rapiti. È strano il legame che si crea tra loro, quella strana fratellanza, quella fredda lealtà. E l'affetto provato verso Raptor, che dai calci nello stomaco a Filip – punizione per quando Manuel ha cercato di fuggire – passa alle carezze sulla testa. E le storie che Alex racconta ogni sera, incentrate su ognuno di loro e su come sia avvenuto il rapimento...
Una delle cose che ho apprezzato molto è che, nonostante il narratore sia un ragazzino, Carla Susani non infarcisce la narrazione di termini giovanili o pseudo-giovanili per farcelo tenere a mente. Inoltre lo stile è perfetto per la voce di Manuel, non ho mai trovato un punto in cui ho storto le labbra per la poca coerenza o veridicità. Il che è tanto.
Che altro dire? Lo consiglio a chiunque regga questo genere di storia.

L'isola del tesoro!!! - Sara Levine – traduzione di Claudia Valeria Letizia – Edizioni E/O 2012

Questo libro è stato altalenante. L'inizio mi è piaciuto un sacco, perché ancora non conoscevo la protagonista e credevo fosse una persona normale. Poi andando avanti – non c'è voluto molto, effettivamente – ho capito che stavo leggendo una storia filtrata dagli occhi di un'imbecille. Davvero. La protagonista di questo libro è tra le più insopportabili che io abbia mai incontrato. Egoista, infantile, auto-indulgente, incapace, avida... davvero, il peggio che si possa trovare in una persona. E il libro è scritto in prima persona. Ammetto quindi che ci sono state quelle 10-20 pagine in cui ho considerato l'idea di mettere giù il libro, perché la protagonista mi stava eccessivamente sulle scatole. Fortunatamente non l'ho fatto, perché il fastidio dopo un po' lascia il posto al divertimento. Ci si abitua all'idiozia della tizia – non ho un'amnesia, il nome non è riportato – e si comincia a voler bene a sua sorella, ai suoi genitori, al pappagallo Richard...
Allora, inizia con questa Tizia che, a 25 anni, lavora in una 'zooteca'. Ha pescato un libro dalla pila della sorella, L'isola del tesoro di Stevenson e ha cominciato a leggerlo, rimanendone folgorata. Decide di voler vivere così come L'isola del tesoro professa, secondo 'AUDACIA – RISOLUTEZZA – INDIPENDENZA – BATTERSI LA GRANCASSA' e il micro-mondo attorno a lei viene rivoltato come un calzino. È assurdo quello che l'ossessione di un'unica persona può fare a quelli che le stanno intorno.
È un libro divertente, folle, assurdo. Originalissimo. Ve lo consiglio col sorriso sulle labbra, davvero. Se deciderete di leggere Eravamo bambini abbastanza, questo sarà utilissimo per sciacquarvi via l'angoscia.

5 commenti:

  1. A me la tipa dell'Isola del Tesoro irritava così tanto su twitter che mi ha fatto passare la voglia di leggerlo, ma è anche vero che è molto facile irritarmi.

    Il primo mi spaventa un po'.

    Ma senti, e il libro da cui è tratto "Cloud Atlas" film?
    In italiano deve chiamarsi "Atlante di nuvole" credo.
    Perché ne ho letta una recensione che mi ha gasata abbastanza

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissimo il tuo blog...appena scovato e d'ora in poi lo seguirò volentierissimo. Se ti va passa a trovarmi, ogni tanto parlo di letture gradevoli e non, anch'io. A presto ;-)

    RispondiElimina
  3. MezzaTazza: L'autrice? L'ho appena trovata ò_ò Come mai?
    Il primo è effettivamente spaventevole, mette dentro un bel po' d'angoscia. Però merita.
    Uhm, di Cloud Atlas avevo visto il trailer ma non sapevo ci fosse un libro ò_ò Non ne so granché, finora... a quanto ho capito dovrebbe essere corale, con diverse trame apparentemente scollegate che però si uniscono ad un certo punto. Credo ò_ò

    Valentina: Ma grazie xD Non mancherò!

    RispondiElimina
  4. Hai scelto due libri di due ottimi editori, quello della Susani mi intriga molto.

    RispondiElimina
  5. Il libro della Susani sembra uno di quelli che ti fanno sentire come se avessi preso un pugno in faccia... ne ho sentito parlare un paio di volte e devo dire che mi incuriosisce molto. Credo proprio che lo leggerò, prima o poi.

    RispondiElimina