domenica 9 dicembre 2012

Brevissimo, inconcludente e, ammettiamolo, inutile resoconto della Fiera del Libro Usato


E alla fine, ieri sono andata alla Fiera del Libro Usato di Milano. Avevo paventato di non riuscire ad andare a causa della neve che, sapete com'è, laddove in Siberia o in Lapponia i treni corrono come scivolassero su un magico arcobaleno, qui bastano due fiocchi e s'inceppa la ferrovia. L'anno scorso sono rimasta bloccata in stazione per una giornata intera, dalle 13 alle 20 passate... e onestamente non è che mi sentissi molto di ripetere quest'entusiasmante esperienza.
Ma la neve è stata signorile e clemente – d'altronde gliel'avevo chiesto per favore, di calmarsi un po' – e ha deciso di posticipare la bufera, quindi, anche se con un po' di ritardo – dovuto al sonno più che al meteo – mi sono fiondata a prendere il treno per raggiungere la suddetta fiera.
Che dire?
Mi spiace di non essere riuscita a incontrare Francesca di Lost in Good Books – ci eravamo sentite tramite fb, in teoria mi sarei dovuta attaccare addosso un cartello con scritto 'Leggivendola' in modo da farmi riconoscere facilmente, ma una volta giunta in loco mi sono trovata circondata da gente 'normale' e ho temuto che sarebbe stata un po' una burinata. Sigh. Dannati sprazzi di dignità - e Pennylane, ma per il resto è stata una giornatona, passata a vagheggiare con gli occhi spiritati tra mille bancarelle profumate con SalomonXeno e Camilla. Tra l'altro debbo ammettere che ho fangirlato Camilla in modo molto dignità-free, ma soprassediamo. Quello che accade alla Fiera del Libro Usato, rimane alla Fiera del Libro Usato. Inclusa la figura da intellettuale fallita di quando ho confuso alfabeto greco e cirillico.
Però, delusione massima, mancavano proprio i libri che cercavo, ovvero quelle edizioni vecchie, rigide e col titolo in caratteri dorati dei classici. Visto che alla libreria dell'usato dalle mie parti sono solita portarmene via a caterve per 2 euro la copia, speravo avrebbero riempito pareti intere. E invece niente. Sigh. Non che sia venuta via a mani vuote, ma considerando che inizialmente intendevo partire con una valigia tutta da riempire – no, non sto scherzando – ammetto che il bottino non si avvicina neanche lontanamente a quanto avevo sperato. Per me ho preso appena due libri, Il villaggio di Stepancikovo di Dostoevskij – in un'edizione meravigliosa – e Un matrimonio inglese di Frances Hodgson Burnett, che invero mi incuriosiva soprattutto per la casa editrice, Astoria, di cui ho tanto sentito parlare ma che ancora non ho 'provato'.
Che altro? In treno ho finito di leggere Agnes Browne mamma di Brendan O'Carroll – carinissimo – e stamattina ho finalmente iniziato Il prigioniero del cielo di Zafòn.
Ed ora! Una rapida doccia e poi via in biblioteca. Che ieri non ci sono stata, poi finisce che si preoccupano.

13 commenti:

  1. Se Milano fosse stato a qualche centinaio di chilometri in meno di lontananza mi sa che avrei fatto di tutto per incrociare il cammino tuo e di Camilla, e mi sarei ridotta, nonostante l'età, a fangirlare entrambe ;)
    Brava per l'acquisto Astoria: la casa editrice merita tantissimo, questo che hai preso tu non ce l'ho, ma se è Astoria allora merita! (e anche se è la hodgson burnett)
    E brava per Agnew Browne mamma! non ti è venuta la voglia di leggere presto anche gli altri tre? a me Agnes provoca un senso di "ma io la voglio come migliore amica!"

    RispondiElimina
  2. Guarda, se io fossi in grado di esprimere quello che provo come fai tu, avrei fangirlato in maniera decisamente imbarazzante <3 E' stato bellissimo vedersi, davvero! Da ripetere al più presto :)

    (Girasonia, penso che un incontro tra me, te e la cara Leggivendola porterebbe ad un'esplosione di gridolini, da parte mia, decisamente poco intellegibili - ma molto affettuosi e pieni di ammirazione :3)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi alleno coi gridolini in modo da renderli intellegibili per l'anno prossimo ;)

      Elimina
    2. Mi sembra un'ottima idea ;D

      Elimina
  3. Potevi indossare un cartello con scritto:
    "Cerco Francesca di Lost in Good Books"

    così la figura della burina sarebbe ricaduta su di lei
    (con commenti del tipo: "Ma che gente frequenta questa Francesca?!").

    Certo, passavi per burina pure tu, ma burina anonima.
    Vuoi mettere? :-)

    RispondiElimina
  4. Girasonia: Sappi che sei stata anche citata, ohohoh ù_ù
    Sì, Agnes Browne è... è... è un bozzo di buonumore odoroso di birra a poco prezzo *w* In un certo senso mi ha quasi ricordato Zia Mame, per quell'atmosfera allegra... anche se non riesco a trovare altre analogie xD

    Camilla: Difficile competere col mio animo di real fangirl u_ù Magari ce la faremo a Torino ;__;

    PuroNanoVergine: Ammetto che c'avevo fatto un pensierino, poi ho pensato che avrebbe potuto non gradire xD

    RispondiElimina
  5. In effetti io ho conosciuto Camilla proprio tramite maglietta. Forse dovresti provare, ti sei già attrezzate con le spillette "Io sono la Leggivendola"?

    Dovevi puntare sulla Fantacollana.
    (Fantacollana... Fantacollana...)

    E Urania, naturalmente!

    PS:
    Spero che tu alla fine sia riuscita a cibarti, ma il fatto che questo post esista indica che sei sopravvissuta, e ciò mi conforta.

    RispondiElimina
  6. L'avevo vista sul suo blog, credevo l'avrebbe indossata anche ieri xD
    Tch, spillette... a Torino mi farò un mantello, altroché u_u Lì spero che l'ambiente sia un minimo più allegrone e idiozia-friendly.
    (Sì, ho dovuto correre ma sono pure riuscita ad abbrancare un pacco di tuc e una bottiglietta d'acqua. Anche se per la fretta ho preso i tuc al formaggio e non mi piacevano T^T ma meglio che niente.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeeh no, quella è la maglia del Salone di Torino. E' solo per lui, è speciale u.u

      E se vieni con il mantello, potrei erigerti un monumento *_*

      Elimina
    2. Ma un mantello o un tabarro?

      Elimina
    3. Visto che sto in una casa con una stanza adibita al cosplay, produrre un mantello potrebbe essere effettivamente un'idea xD

      Lol, un mantello xD

      Elimina
  7. La prossima volta ci organizziamo per benino e vedrai che non mi sfuggirai! :D
    Che poi mi sembra proprio di avervi viste, ma non ero sicura e ho evitato il contatto per evitare enooormi figure di cacca se poi non eravate tu e Camilla :P
    Ottimi acquisti! Anche il viaggio mio e del mio adoVato hubby è stato più che proficuo, magari scrivo anch'io un post ad hoc ;)
    Bacini bacetti bacioni!

    RispondiElimina
  8. Va bene T^T Comunque se avevo una giacca degna di Cappuccetto Rosso, eravamo noi xD
    Attendo il post *w*

    RispondiElimina